Esasperazione omofoba: insultata e offesa Paola Concia

21 Aprile 2011

[youtube f7ZinWDioT8]

E successo a Roma, Paola Concia, deputata del PD e unico parlamentare ad essersi dichiarata ufficialmente omosessuale, è stata duramente attaccata e offesa mentre con la sua compagna camminava nei pressi di Montecitorio.

Un imbecille omofobo le ha urlato contro «lesbica di merda, dovevano bruciarvi nei forni». La loro colpa era quella di passeggiare mano nella mano. L’incredibile è che nessuno le ha difese salvo Antonino Lo Presti, deputato del FLI. E’ accaduto ieri sera verso le 19,30.

La Concia, per niente intimorita, ha risposto a tono all’imbecille che aveva insultato lei e la sua compagna (Ricarda Trautmann). E qui accade l’incredibile: la gente intorno non riprende l’imbecille omofobo ma critica la Concia per la risposta a tono. Per intenderci la risposta è stata del tutto educata non certo paragonata agli insulti dell’imbecille omofobo. Eppure la gente, salvo qualcuno, ha ripreso la Concia criticandola perché si era permessa di rispondere.

Il fatto è solo l’ultimo di una serie che negli ultimi tempi a colpito la capitale e che ha visto come vittime alcune coppie omosessuali. Ultimamente l’omofobia è esplosa specie dopo che “personaggi in vista” vanno in giro dicendo che è meglio essere un puttaniere piuttosto che un omosessuale.

La Concia è tra gli organizzatori di Europride che si terrà a Roma nel giugno 2011. All’onorevole Concia va tutta la solidarietà della redazione di Free Italian Press e dell’Associazione Secondo Protocollo

Seguici su…

massacro del 7 ottobre sito web

Newsletter

Iscriviti alla nostra newsletter per rimanere sempre informato sui nuovi articoli e sulle nostre iniziative

I più condivisi di recente

Previous Story

L’iPhone ci spia: Apple spieghi perché tiene i dati dei nostri spostamenti

Next Story

Israele: allarme per attentati contro cittadini israeliani all’estero

Latest from Senza categoria

Burkina Faso: nuovo golpe militare

A pochi giorni dalle elezioni che avrebbero dovuto portare alla democrazia in Burkina Faso, previste per il prossimo 11 ottobre, i militari hanno deposto
Go toTop