Escalation di attacchi americani contro strutture iraniane

13 Novembre 2023
attacchi aerei americani

Domenica il Pentagono ha annunciato una nuova serie di attacchi aerei contro strutture iraniane in Siria, che secondo i funzionari sarebbero collegate a decine di recenti attacchi contro le truppe statunitensi in Siria e nel vicino Iraq, che questa volta hanno causato un numero imprecisato di vittime tra i combattenti per procura sostenuti da Teheran.

L’operazione ha segnato un’escalation significativa da parte dell’amministrazione Biden, che ha cercato di scoraggiare il forte aumento della violenza contro le forze americane in Medio Oriente senza provocare un conflitto regionale più ampio, mentre si accende la tensione per la guerra a Gaza.

In un comunicato, il Segretario alla Difesa Lloyd Austin ha dichiarato che questi ultimi attacchi sono stati effettuati nella Siria orientale contro strutture utilizzate dal Corpo delle Guardie Rivoluzionarie Islamiche (IRGC) dell’Iran e da gruppi ad esso affiliati. Sono state colpite una struttura di addestramento vicino alla città di [Bukamal] e una “casa sicura” vicino a Mayadin.

Il presidente Biden ha diretto l’operazione, ha aggiunto Austin, “per chiarire che gli Stati Uniti difenderanno se stessi, il loro personale e i loro interessi”.

Un alto funzionario della difesa statunitense, che ha parlato a condizione di anonimato per discutere le valutazioni preliminari dopo gli attacchi, ha detto che anche la struttura di addestramento a Bukamal è stata usata per immagazzinare armi e che sono state osservate esplosioni secondarie.

Il rifugio aveva funzionato come quartier generale per gruppi affiliati all’IRGC, ha detto l’alto funzionario della difesa. Il personale della milizia era presente al momento degli attacchi e il Pentagono ritiene che alcuni siano stati uccisi, ha aggiunto il funzionario. Le vittime sono state riportate per la prima volta da Fox News.

I jet da combattimento americani hanno condotto gli attacchi nella tarda serata di domenica, ha detto il funzionario. In rottura con operazioni simili delle ultime settimane, il Pentagono non ha identificato il tipo preciso di aereo che ha condotto la missione.

“Continuiamo a comunicare all’Iran che lo riteniamo responsabile di questi [attacchi al personale statunitense] e che i suoi leader devono agire per limitare le attività dei gruppi che l’Iran dirige, addestra ed equipaggia”, ha detto il funzionario. “Non esiteremo a prendere ulteriori misure per proteggere il nostro popolo, se necessario”.

L’operazione ha fatto seguito ad azioni simili che hanno preso di mira strutture in Siria che secondo i funzionari statunitensi erano collegate all’Iran, prima il 26 ottobre e poi l’8 novembre. Alla fine della scorsa settimana, sono stati documentati almeno 46 attacchi contro le truppe statunitensi dalla metà di ottobre, con decine di membri del personale americano che hanno riportato quelle che i funzionari statunitensi hanno definito ferite minori.

Il Pentagono ha dichiarato giovedì che, dopo gli attacchi dell’8 novembre, il personale statunitense è stato attaccato altre tre volte in Siria e un’altra volta in Iraq.

Circa 2.500 truppe statunitensi sono dislocate in Iraq e 900 in Siria nell’ambito di una missione permanente volta a prevenire la rinascita del gruppo dello Stato Islamico. Per anni, questo personale ha subito periodicamente il fuoco di droni e razzi d’attacco unidirezionali, ma tali incidenti sono aumentati nelle settimane successive alla dichiarazione di guerra di Israele al gruppo militante Hamas, dopo l’attacco transfrontaliero mortale dei militanti del 7 ottobre.

Hamas e altri gruppi militanti della regione ricevono armi e addestramento dall’Iran, sollevando il timore che la guerra a Gaza possa allargarsi. Biden ha affrontato le critiche di alcuni repubblicani che hanno definito insufficienti gli attacchi precedenti e hanno sostenuto che non avrebbero scoraggiato l’Iran.

Austin, parlando con i giornalisti in India venerdì, ha detto che “continueremo a fare tutto ciò che è necessario per proteggere il nostro popolo”.

“Non faremo mai progetti o previsioni o annunci su quando condurremo un attacco, ma – statene certi – colpiremo in un momento e in un luogo di nostra scelta”, ha detto. “Questi attacchi contro il nostro popolo devono finire, capite?”.

[jetpack_subscription_form]

Staff RR e Agenzie

Lo staff di Rights Reporter in collaborazione con le migliori agenzie e testate

SOSTIENICI USANDO STRIPE

Sostienici usando PAYPAL

Sostieni Rights Reporter con una piccola donazione

Newsletter

Fai come migliaia di nostri lettori, iscriviti alla nostra newsletter per rimanere sempre aggiornato senza però essere disturbato. Puoi cancellarti quando vuoi
netanyahu controllo gaza
Previous Story

Netanyahu ribadisce che sarà Israele a controllare Gaza dopo la guerra

accordo israele hamas sugli ostaggi
Next Story

Israele e Hamas vicini a un accordo sugli ostaggi

Latest from Medio Oriente

Go toTop