Middle East

Gerusalemme: ragazzo rapito. Il video che scagiona gli ebrei

[gss-content-box]Per correttezza – Prima di leggere l’articolo siete pregati di andare a vedere su questi link (qui e qui) perché è chiaro che in questo caso ci siamo sbagliati[/gss-content-box]

In questi minuti il Guardian sta diffondendo il video ripreso da una telecamera di sicurezza che mostra il momento del rapimento del giovane Mohammed Abu Khdeir. Nonostante quel video all’apparenza non mostri nulla, i media occidentali parlano di una sorta di “prova” che a rapire il ragazzo sarebbero stati estremisti ebrei.

Peccato che guardando il video a schermo intero appare evidente come Mohammed Abu Khdeir non fosse stato affatto da solo all’atto del rapimento e che l’altra persona che era con lui, da quel poco che si vede, una volta fatto salire il ragazzino in auto se ne va tranquillamente per la sua strada.

Ora, a parte la furberia di quelli del Guardian di allontanare la camera dallo schermo nelle fasi cruciali per cui in effetti si vede ben poco, quello che a noi sembra dimostrare questo video è che il ragazzino palestinese è caduto in una sorta di trappola premeditata e non che è stato preso a caso come invece ci vogliono far credere.

Bene, potremmo anche sbagliarci, magari quello che non si vede in questo video dimostra l’esatto contrario, ma francamente a noi sembra proprio che sia così. Poi naturalmente sarà come sempre la polizia a trarre le conclusioni. (di seguito gli screenshot)

screen ragazzo 1

screen ragazzo 2

[glyphicon type=”user”] Scritto da Sarah F.

[glyphicon type=”euro”] Sostieni Rights Reporter

Tags

Related Articles

6 Comments

  1. questa volta la propaganda pro-pal sembra aver toppato. Guardando il video si vede con chiarezza che il ragazzo cammina accanto a un altro tipo (ma non doveva essere solo?), che la macchina si ferma e sembra quasi che il ragazzo salga di sua spontanea volontà nella macchina (ma forse questo sono solo io a dedurlo) e che una volta salito l’altro se ne fa con estrema tranquillità.

  2. Peccato che dal video non si può assolutamente capire se i rapitori fossero ebrei o arabi… MA mi permetto di SUGGERIRE che degli Ebrei che si fermassero in quel posto, DAVANTI A UNA MOSCHEA, non durerebbero piú di qualche secondo senza farsi lapidare e senz’altro non ci passeggerebbero…a chiedere informazioni…

  3. 1-il ragazzo non è solo e il suo amico nn solo non da l’allarme ma nemmeno tenta di difendere il suo amico che stanno spingendo in auto , eppoi erano ebrei “assetati d’ odio” cerano due ragazzi indifesi perche rapirne uno solo ?
    2- l’amico dopo se ne va tranquillamente e anche qui nessuna richiesta di aiuto o denuncia alla polizia telefonata etc etc
    3- la macchina arriva LENTAMENTE e riparte LENTAMENTE, mai visto un rapimento dove i rapitori quasi quasi se ne vanno al bar a prendere un caffe ma sta gente ha mai visto un rapimento ?
    4-è evidente che il tutto sia organizzato e che al povero ragazzo sia stata fatta una trappola e per come risponde il rapito agli eventi lui CONOSCEVA BENE I SUOI RAPITORI O SI é FIDATO DELL’AMICO questo prova inconfutabilmente che gli ebrei in questa cosa non centrano NIENTE

  4. mi permetto di ricapitolare le puntate precedenti, giusto per capire

    prima versione
    il ragazzo andava in moschea da solo quando è arrivata una macchina a forte velocità dalla quale sono scesi tre energumeni (naturalmente ebrei) e dopo una violenta colluttazione lo avrebbero caricato in macchina e portato via ad altissima velocità. Risultato gli ebrei cattivi lo hanno ucciso (e questa è la versione di tutti i media occidentali)

    seconda versione
    il ragazzo andava in moschea da solo quando gli si è avvicinata una macchina sempre di cattivi ebrei, ci ha discusso e lo ha caricato a forza nella macchina. Leggermente diversa-

    Terza versione, quella del padre alla polizia secondo il quotidiano Arutz Sheva
    a rapire il ragazzo sono stati gli arabi che avevano già tentato di rapirlo altre tre volte. La madre tuttavia accusa gli estremisti ebraici

    quarta versione, quella di Haaretz
    il ragazzo camminava in direzione della moschea, una macchina (naturalmente di cattivi ebrei) gli si avvicina, due tipi scendono, ci parlano e poi lo infilano dentro la macchina dove c’era un terzo uomo (ebreo cattivo).

    quinta versione quella del video
    il ragazzo cammina verso la moschea accompagnato da un amico, una macchina si avvicina lentamente, ci parlano e lo convincono a salire mentre il suo amico non fa nulla, anzi se ne va con estrema tranquillità esattamente come la macchina. Nessuna colluttazione o violenza.
    Porca miseria vuoi vedere che non ci sono i cattivi ebrei?

  5. State dimenticando un dettaglio, a mio avviso, fondamentale: la macchina, secondo i testimoni, era nera. Dal video, certo, non si capisce molto, ma su una cosa non ci sono dubbi: la macchina è di un altro colore. I testimoni, dunque, ammesso che esistano (e ho i miei dubbi), non sono attendibili.

  6. In fondo sarebbe semplice cominciare a dipanare la matassa.
    Basterebbe trovare l’altro ragazzo e chiedergli come é andata: chi erano quelli della macchina e perché la vittima ci é salita sopra.
    Questo naturalmente se tutti ( leggi gli arabi ) volessero contribuire a ricostruire la vicenda.
    Temo però che chi comanda tra di loro abbia l’interesse opposto.
    Staremo a vedere se questa richiesta sarà fatta anche dalla stampa internazionale , magari la grande stampa, visto che il video é a disposizione di tutti sul web.
    Lo stesso Guardian che ha diffuso il video si é fatto qualche domanda “intelligente”?
    Sarebbe “strano” il contrario data la “mission” della testata.
    Senza domande intelligenti non possono infatti esserci risposte “intelligenti”.
    Ma forse la “mission” , nel caso del Guardian é a senso unico.

Close