Guerra ad Hamas: come procede la caccia a Yahya Sinwar?

20 Dicembre 2023

Per ben due volte negli ultimi giorni le truppe speciali dell’esercito israeliano sono arrivate ad un passo dalla cattura di Yahya Sinwar, il capo di Hamas responsabile di aver pianificato la strage del 7 ottobre.

“I due covi erano ancora caldi” afferma un ufficiale dell’intelligence dell’IDF il quale dice anche che il lavoro di intelligence sul terreno prosegue senza sosta per trovare il macellaio di Khan Younis, come viene chiamato Sinwar.

Durante la caccia ai covi del capo di Hamas le truppe dell’IDF si sono imbattuti anche in un covo “caldissimo” dove si nascondeva Muhammad Deif, il comandante dell’ala militare di Hamas.

Si ritiene attualmente che Sinwar si nasconda a Khan Younis, dopo essere fuggito dal nord della Striscia nascondendosi in un convoglio umanitario diretto a sud.

La vasta rete di tunnel di Hamas che nasconde Yahya Sinwar. Dispiegata un’ulteriore intera brigata a Khan Younis

Martedì sera, il portavoce dell’IDF, il contrammiraglio Daniel Hagari, ha dichiarato che l’esercito ha dispiegato un’ulteriore brigata a Khan Younis.

“Nel sud di Gaza, nell’area di Khan Younis, stiamo espandendo e approfondendo le nostre operazioni. Abbiamo aggiunto un’intera brigata e ulteriori forze di ingegneria da combattimento per le operazioni nell’area, allo scopo migliorare le nostre operazioni”, ha dichiarato Hagari.

Per quanto riguarda la vasta rete di tunnel di Hamas e altre infrastrutture che l’IDF sta lavorando per distruggere, Hagari ha detto che: “dobbiamo smantellare Hamas, e ci vorrà tutto il tempo necessario”.

“Khan Younis è diventata la nuova capitale del terrore. Non smetteremo di agire lì finché non avremo raggiunto tutti i capi di Hamas”, ha detto il ministro della Difesa israeliano, Yoav Gallant.

Ulteriore allargamento del conflitto

Gallant ha annunciato anche un ulteriore allargamento del conflitto. Lo ha fatto martedì durante un tour al confine con Gaza, quando ha detto che l’operazione di terra di Israele si “espanderà presto ad altre aree” di Gaza, apparentemente riferendosi al centro della Striscia o alla città più meridionale di Rafah.

La conquista di Jabaliya

ospedali usati come rifugio dai terroristi di hamas
Il comandante della 162ª Divisione, Brig. Gen. Itzik Cohen (al centro), cammina con altri ufficiali a Jabaliya, nella città di Gaza

Nel frattempo, il comandante della 162a divisione, Brig. Il generale Itzik Cohen ha detto martedì sera che le forze sono riuscite a “rompere le capacità operative” della brigata di Hamas nel nord di Gaza City, mentre le truppe prendevano il pieno controllo del quartiere di Jabaliya.

“Jabaliya non è più la Jabaliya di una volta, abbiamo ucciso centinaia di terroristi a Jabaliya e arrestato circa 500 sospetti in attività terroristiche, alcuni dei quali hanno preso parte agli eventi del 7 ottobre”, ha detto Cohen.

Secondo stime militari, circa 1.000 agenti di Hamas sono stati uccisi dalle truppe a Jabaliya. Altri 3.500 palestinesi sono stati catturati dall’IDF, di cui almeno 500 sono sospettati di essere coinvolti in attività terroristiche, compresi gli attacchi del 7 ottobre nel sud di Israele.

Almeno 70 dei circa 1.500 terroristi che hanno compiuto gli attacchi del 7 ottobre vivevano a Jabaliya, e finora 57 delle loro case sono state distrutte dai militari.

L’IDF ha affermato che alcuni dei sospetti terroristi che si sono arresi alle truppe a Jabaliya erano rintanati in siti civili, inclusi ospedali e scuole.

Molti siti di Hamas, inclusi campi di addestramento, centri di comando, impianti di produzione di armi e tunnel, sono stati distrutti a Jabaliya, hanno aggiunto i militari.

La 162a divisione durante le operazioni a Jabaliya ha localizzato anche materiale dell’intelligence di Hamas, il che ha aiutato ulteriori operazioni nell’area.

Cohen ha affermato che la sua divisione ha “portato allo smantellamento delle capacità militari” della brigata settentrionale di Hamas a Gaza City.

Terroristi nascosti negli ospedali

la conquista di Jabaliya in gaza

Secondo fonti palestinesi, le truppe israeliane hanno fatto irruzione nella notte nell’ospedale Al-Ahli di Gaza City. La chiesa che gestisce l’ospedale ha dichiarato che la maggior parte del personale che ancora lavorava nell’ospedale è stata arrestata e un muro nella parte anteriore dell’edificio è stato distrutto.

L’ospedale è stato teatro di un’esplosione all’inizio della guerra che ha ucciso decine di persone e che è stata determinata da un razzo palestinese lanciato male.

Don Binder, pastore della Cattedrale anglicana di San Giorgio, che gestisce l’ospedale, ha detto che l’incursione notturna ha lasciato solo due medici, quattro infermieri e due inservienti a curare oltre 100 pazienti gravemente feriti, senza acqua corrente né elettricità.

Ha aggiunto che un carro armato israeliano è stato parcheggiato sulle macerie all’ingresso dell’ospedale, impedendo a chiunque di entrare o uscire.

Israele sostiene da tempo che Hamas utilizzi gli ospedali di Gaza per scopi militari e, dall’inizio della guerra, l’IDF ha operato all’interno degli ospedali nel nord di Gaza, producendo prove a sostegno delle sue affermazioni.

Il ministero della Sanità della Striscia di Gaza, gestito da Hamas, ha dichiarato che dall’inizio della guerra sono state uccise più di 19.600 persone, la maggior parte delle quali civili.

Queste cifre non possono essere verificate in modo indipendente e si ritiene che includano circa 7.000 operatori terroristici di Hamas o affiliati a Hamas, oltre ai civili uccisi da razzi palestinesi lanciati male. Si stima che altri 1.000 terroristi siano stati uccisi in Israele durante l’assalto del 7 ottobre.

Seguici su…

massacro del 7 ottobre sito web

I più condivisi di recente

putin trionfante a mosca per natale 2023
Previous Story

Putin si mostra trionfante mentre gli aiuti a Kiev sono bloccati

portare la guerra in Iran
Next Story

È ora di portare la guerra in Iran

Latest from Medio Oriente

Go toTop