Guterres vede (finalmente) i video del 7 ottobre. “L’umanità al suo peggio”

23 Dicembre 2023
Antonio Guterres vede i video del 7 ottobre

Il Segretario generale delle Nazioni Unite Antonio Guterres afferma che “nulla può giustificare gli orribili attacchi terroristici lanciati da Hamas il 7 ottobre, o il brutale rapimento di circa 250 ostaggi”.

In un post su X, Guterres ribadisce il suo “appello affinché tutti gli ostaggi rimasti vengano rilasciati immediatamente e senza condizioni”.

Il post segue l’approvazione di una risoluzione del Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite che chiede di accelerare immediatamente l’invio di aiuti a Gaza e di “creare le condizioni” per la fine della guerra tra Israele e Hamas, scatenata dagli attacchi del gruppo terroristico del 7 ottobre, in cui migliaia di terroristi hanno ucciso 1.200 persone, per lo più civili, e preso circa 240 ostaggi.

“Per quanto difficile possa apparire oggi, la soluzione dei due Stati – in linea con le risoluzioni delle Nazioni Unite, il diritto internazionale e gli accordi precedenti – è l’unica strada per una pace sostenibile”, ha scritto in un post precedente. “Qualsiasi suggerimento contrario nega i diritti umani, la dignità e la speranza del popolo palestinese”.

Questa settimana Guterres ha visto il documentario di 47 minuti dell’IDF sulle atrocità di Hamas del 7 ottobre in una proiezione privata presso la sede dell’ONU, dopo notevoli pressioni da parte di funzionari israeliani, come ha riferito Channel 12 martedì. Guterres non aveva partecipato a precedenti proiezioni organizzate da funzionari israeliani presso le Nazioni Unite, adducendo difficoltà di programmazione.

Il filmato include scene strazianti di omicidi, torture e decapitazioni durante il massacro di Hamas nel sud di Israele, compresi i video grezzi delle bodycam dei terroristi.

Secondo l’ambasciatore israeliano presso le Nazioni Unite Gilad Erdan, Guterres ha dichiarato, dopo aver visto il filmato, che l’attacco di Hamas è “l’umanità al suo peggio”.

Dallo scoppio della guerra, Guterres ha dovuto affrontare un notevole contraccolpo da parte dei funzionari israeliani a causa di commenti che sono stati interpretati da alcuni come anti-Israele e a favore di Hamas.

A ottobre, il capo delle Nazioni Unite è sembrato suggerire che l’impulso per il devastante assalto di Hamas fosse il controllo dello Stato ebraico sui territori palestinesi, nonostante Israele si sia ritirato unilateralmente da Gaza nel 2005.

“È importante riconoscere che gli attacchi di Hamas non sono avvenuti nel vuoto”, ha detto Guterres, spingendo Erdan e il ministro degli Esteri Eli Cohen a chiedere le sue dimissioni.

Più di recente, Cohen ha accusato Guterres di sostenere Hamas e ha chiesto nuovamente le sue dimissioni dopo che il capo delle Nazioni Unite ha scritto una lettera in cui chiedeva un cessate il fuoco nella guerra tra Israele e Hamas. Cohen ha anche condannato la decisione di Guterres di invocare una rara clausola della Carta delle Nazioni Unite per sollecitare l’intervento del Consiglio di Sicurezza.

Il 9 dicembre, gli Stati Uniti hanno posto il veto a una risoluzione del Consiglio di Sicurezza sostenuta da quasi tutti i membri del Consiglio e da decine di altre nazioni che chiedeva un immediato cessate il fuoco umanitario a Gaza. Il vice ambasciatore statunitense Robert Wood ha criticato il Consiglio dopo il voto per non aver condannato i massacri di Hamas del 7 ottobre in Israele o per non aver riconosciuto il diritto di Israele a difendersi.

In un altro post pubblicato oggi su X, Guterres afferma che dallo scoppio della guerra il 7 ottobre “136 dei nostri colleghi [delle agenzie ONU] a Gaza sono stati uccisi in 75 giorni – qualcosa che non abbiamo mai visto nella storia delle Nazioni Unite”.

“La maggior parte del nostro personale è stata costretta a lasciare le proprie case. Rendo omaggio a loro e alle migliaia di operatori umanitari che rischiano la vita per sostenere i civili a Gaza”, scrive. (n.d.r. i membri delle Nazioni Unite citati da Guterres sono in effetti membri della UNRWA e quindi con molta probabilità membri di Hamas o loro fiancheggiatori)

[jetpack_subscription_form]

Seguici su…

massacro del 7 ottobre sito web

I più condivisi di recente

battaglia di gaza, armi in asilo nido, ospedali e scuole onu
Previous Story

Battaglia di Gaza: trovate armi in un asilo nido

ali khamenei chiede al mondo islamico di bloccare carburante a israele
Next Story

Khamenei chiede al mondo islamico di bloccare il carburante a Israele

Latest from Medio Oriente

Go toTop