Il capo della Wagner ferma il golpe e scappa in Bielorussia. Cosa è successo ieri

25 Giugno 2023
capo della wagner

Yevgeny Prigozhin, il capo del gruppo paramilitare Wagner, ha accettato di lasciare la Russia per la Bielorussia, ha dichiarato sabato il Cremlino, grazie a un accordo mediato dal presidente bielorusso Alexander Lukashenko che pone fine a un’insurrezione armata che ha segnato la più grave minaccia all’autorità del presidente russo Vladimir Putin da quando è al potere.

In una teleconferenza con i giornalisti, il portavoce del Cremlino Dmitry Peskov ha detto che è stato raggiunto un accordo con Prigozhin.

“Mi chiederete cosa accadrà a Prigozhin personalmente?”. ha detto Peskov. “Il caso penale sarà abbandonato contro di lui. Lui stesso andrà in Bielorussia”. Peskov ha aggiunto che il Cremlino non era a conoscenza dell’attuale posizione del mercenario.

Il capo dei Wagner aveva in precedenza reindirizzato le sue truppe “verso i nostri campi, in conformità con il piano”. Peskov ha detto che le truppe non dovranno affrontare alcuna “azione legale” per aver marciato verso Mosca e che i combattenti di Wagner firmeranno contratti con il Ministero della Difesa russo.

L’annuncio disinnesca una crisi iniziata quando le truppe Wagner hanno preso il controllo di una struttura militare chiave nella città meridionale russa di Rostov-on-Don e alcuni combattenti sono avanzati verso la capitale.

Prigozhin ha criticato pubblicamente i vertici militari russi e la loro gestione della guerra in Ucraina – con poche conseguenze. Ma nel fine settimana ha superato numerose linee rosse con Putin.

Un presidente russo dall’aspetto cupo si è rivolto alla nazione e ha definito le azioni di Wagner “una pugnalata alle spalle del nostro Paese e del nostro popolo”.

Il presidente ha descritto gli eventi come un’insurrezione, che ha giurato di sconfiggere, e Mosca ha iniziato ad aumentare le misure di sicurezza.

Ma sabato sera il calcolo di Prigozhin sembrava essere cambiato e il mercenario ha dichiarato che le sue truppe, che si trovavano a 200 chilometri da Mosca, stavano fermando la loro avanzata per evitare spargimenti di sangue.

I video, autenticati e geolocalizzati, hanno anche mostrato Prigozhin e le forze di Wagner ritirarsi dalle loro posizioni presso il quartier generale militare russo di Rostov-on-Don.

Nel video si vede Prigozhin seduto sul sedile posteriore di un veicolo. La folla applaude e il veicolo si ferma quando un individuo si avvicina e stringe la mano a Prigozhin.

Escalation sorprendente

I drammatici eventi di sabato sono il risultato di una faida pubblica e lunga mesi tra Prigozhin e i vertici militari russi. In passato ha accusato il ministro della Difesa Sergei Shoigu e il generale più importante della Russia, Valery Gerasimov, di non aver fornito munizioni alle sue forze e ha criticato la loro gestione del conflitto, ma ha sempre difeso le ragioni della guerra.

Venerdì Prigozhin ha accusato le forze russe di aver colpito un campo militare di Wagner e di aver ucciso “un’enorme quantità” di suoi combattenti – un’affermazione che il Ministero della Difesa russo ha negato e definito una “provocazione informativa”.

Il capo della Wagner ha apparentemente costruito un rapporto di influenza con Putin nel corso del conflitto, con le sue forze Wagner che hanno assunto un ruolo di primo piano nel faticoso ma alla fine riuscito assalto a Bakhmut all’inizio di quest’anno. La conquista della città è stato un raro successo russo in Ucraina negli ultimi mesi, che ha ulteriormente rafforzato il profilo di Prigozhin.

Ma ieri Prigozhin si sia scagliato non solo contro la gestione dell’invasione dell’Ucraina da parte dei vertici militari, ma anche contro il leader russo e la sua strategia.

Venerdì ha dichiarato che Mosca ha invaso l’Ucraina con falsi pretesti ideati dal Ministero della Difesa russo e che la Russia sta perdendo terreno sul campo di battaglia.

“Siamo in 25.000 e scopriremo perché c’è tanto caos nel Paese. Siamo 25.000 in attesa come riserva tattica e riserva strategica. È l’intero esercito e l’intero Paese, chiunque voglia unirsi a noi. Dobbiamo porre fine a questo sfacelo”, ha dichiarato su Telegram.

Wagner ha poi preso il controllo delle strutture militari di Rostov-sul-Don e Voronezh, una città che si trova a circa 600 chilometri a nord di Rostov. I servizi segreti russi, l’FSB, hanno aperto un procedimento penale contro Prighozhin per le sue minacce, accusandolo di aver incitato alla “ribellione armata”.

Secondo i funzionari russi, le truppe wagneriane si stavano dirigendo verso la capitale, provocando un’importante operazione di sicurezza nella regione di Mosca e l’istituzione di un regime antiterroristico.

Le forze di sicurezza russe dotate di armi automatiche hanno preso posizione nei pressi di un’autostrada che collega Mosca alla Russia meridionale, secondo le foto pubblicate dai media russi. Lunedì è stato dichiarato giorno non lavorativo e nella regione di Mosca sono stati sospesi fino al 1° luglio gli eventi pubblici e quelli su larga scala, secondo quanto riportato dal media statale russo TASS.

Durante il suo discorso di sabato, Putin ha affermato che il “tradimento” di Wagner e “qualsiasi azione che fratturi la nostra unità” sono “una pugnalata alle spalle del nostro Paese e del nostro popolo”.

Rispondendo al discorso di Putin, Prigozhin ha detto su Telegram che il presidente si è “profondamente sbagliato”.

Il capo di Wagner ha affermato che le sue forze si sono impadronite del quartier generale militare russo meridionale nella città di Rostov-on-Don “senza sparare un solo colpo”, suggerendo che “il Paese ci sostiene”.

La base di Rostov gioca un ruolo chiave nella guerra della Russia contro l’Ucraina, a causa della sua vicinanza al confine condiviso dai due Paesi.

La temperatura si è raffreddata dopo l’accordo apparentemente mediato dal leader bielorusso. Tuttavia, Prighozhin ha fornito pochi dettagli sul suo accordo di cambio di rotta.

“Se chiedete che tipo di garanzia c’è che Prigozhin possa partire per la Bielorussia, questa è la parola del Presidente della Russia”, ha detto l’ufficio di Peskov.

Alla domanda su quale posizione assumerà Prigozhin in Bielorussia, Peskov ha risposto che “non può rispondere alla domanda”. Peskov ha detto che Lukashenko ha potuto attingere a un rapporto personale con Prigozhin per mediare l’accordo.

“Il fatto è che Alexander Grigoryevich [Lukashenko] conosce personalmente Prigozhin da molto tempo, da circa 20 anni”, ha detto. “Ed è stata una sua proposta personale, che è stata concordata con Putin. Siamo grati al Presidente della Bielorussia per questi sforzi”.

Una sfida importante

Molti alti funzionari russi si sono schierati al fianco di Putin negli ultimi giorni. L’ufficiale dei servizi segreti russi, il tenente generale Vladimir Alekseev, ha pubblicato un video sulle azioni di Prigozhin quel giorno, descrivendole come un tentativo di colpo di stato.

Sergei Naryshkin, a capo dei servizi segreti russi, ha descritto gli eventi come un “tentativo di ribellione armata”.

Il leader ceceno Ramzan Kadyrov, un altro attore chiave della guerra, ha parlato di un “vile tradimento” da parte di Prigozhin su Telegram. “La ribellione deve essere schiacciata, e se questo richiede misure dure, allora siamo pronti!”, ha detto.

I funzionari russi hanno detto che distaccamenti di forze speciali cecene sono stati visti a Rostov per reprimere la ribellione. Ma la notizia non ha trovato conferma.

All’inizio di quest’anno, quando l’invasione dell’Ucraina da parte della Russia era in fase di stallo, gli alti funzionari statunitensi hanno dichiarato di aver visto segnali di tensioni tra il Cremlino e i Prigozhin. I funzionari hanno detto che gli Stati Uniti hanno stabilito già a gennaio che era in corso una lotta interna per il potere e da allora stanno raccogliendo e monitorando attentamente le informazioni su questa dinamica instabile.

Ma i funzionari statunitensi e occidentali stanno facendo attenzione a non dare peso agli eventi, perché Putin potrebbe usare come arma qualsiasi coinvolgimento esterno percepito nell’escalation della crisi.

Il Ministero degli Esteri russo ha messo in guardia i Paesi occidentali dall’utilizzare la ribellione di Prigozhin “per raggiungere obiettivi russofobici”.

L’Unione Europea ha attivato il suo centro di risposta alla crisi per coordinare i Paesi membri in reazione agli sviluppi in Russia.

Nel frattempo, sabato l’Ucraina ha approfittato della caotica situazione di sicurezza della Russia, lanciando controffensive simultanee in più direzioni, ha dichiarato Hanna Maliar, vice ministro della Difesa ucraino, in un post su Telegram.

Un portavoce dell’esercito ucraino nell’Ucraina orientale ha dichiarato che l’Ucraina trarrà vantaggio dagli eventi in Russia. “Il fatto che Prigozhin abbia portato tutti i suoi combattenti Wagner in Russia avrà sicuramente un effetto sulla nostra linea del fronte”, ha dichiarato Serhii Cherevatyi.

Mykhailo Podolyak, consigliere dell’amministrazione presidenziale ucraina, ha affermato che l’escalation di Prigozhin ha “quasi annullato” Putin e umiliato la Russia, dimostrando che “non c’è più il monopolio della violenza”.

SOSTIENICI USANDO STRIPE

Sostienici usando PAYPAL

Sostieni Rights Reporter con una piccola donazione

Newsletter

Fai come migliaia di nostri lettori, iscriviti alla nostra newsletter per rimanere sempre aggiornato senza però essere disturbato. Puoi cancellarti quando vuoi
Previous Story

Il golpe di Prigozhin: la Wagner entra in Russia

Next Story

E la TV russa manda in onda un documentario su Berlusconi (durante il golpe)

Latest from Guerra Ucraina

Go toTop