Il significato di questa guerra

18 Ottobre 2023
perché guerra israele hamas

Questa è una guerra contro il ritorno dell’impotenza ebraica

Gran parte del mondo ha reagito al massacro definendo insopportabili le scene di atrocità. Quando gli israeliani dicono che quelle immagini sono “insopportabili”, lo intendiamo letteralmente. Non possiamo sopportare questo, non possiamo permettere che il massacro ci ridefinisca come nazione. Siamo in guerra per cancellare la percezione catastrofica degli israeliani come vittime.

Ancor più delle atrocità stesse, ciò che è stato così – sì – insopportabile per molti di noi è stata l’impotenza dei nostri concittadini israeliani. Non c’è niente di più antitetico all’ethos israeliano che gli ebrei vengano bruciati vivi con le mani legate dietro la schiena, senza che l’IDF sia in vista.

Nei giorni immediatamente successivi al massacro, ho ricevuto telefonate da diversi giornalisti europei che mi chiedevano se lo considerassi un “momento dell’Olocausto”. Erano comprensivi, avevano buone intenzioni. Ma non potevo dare loro la risposta che cercavano.

Non ho bisogno di Auschwitz per motivarmi a difendermi da Hamas, ho risposto. Vivo in Medio Oriente; il destino degli yazidi è più importante per me di Babyn Yar. Né mi fido della simpatia europea per Israele che si basa sull’Olocausto. Questo sostegno è instabile: oggi si applica agli ebrei morti, domani ai palestinesi morti.

Il sostegno che cerco si basa sulla comprensione del fatto che Israele si trova di fronte a un regime genocida sul suo confine meridionale, che tale regime deve essere distrutto non solo per il nostro bene, ma per il bene della regione, e che l’unico modo per distruggere un’infrastruttura terroristica incorporata in una popolazione civile è il modo in cui l’IDF sta procedendo.

L’effusione di simpatia per Israele ci ha fatto bene all’anima, soprattutto in quei primi giorni traumatici. Ma sapevamo tutti che gran parte di quella simpatia avrebbe cominciato a svanire con le terribili scene di devastazione a Gaza. E sapevamo anche che, potendo scegliere, preferivamo essere condannati piuttosto che compatiti.

Necessariamente, nel periodo immediatamente successivo al massacro, abbiamo diffuso le foto dell’atrocità e portato giornalisti stranieri sulla scena del massacro. Ma di fronte alle crescenti sofferenze di Gaza, l’efficacia politica di quelle immagini sta svanendo. Dobbiamo far valere le nostre ragioni contro Hamas non cercando la pietà del mondo, ma la sua comprensione.

Non siamo impegnati con i palestinesi in una gara di vittimismo. I palestinesi vinceranno sempre questa competizione, e giustamente. Scegliendo il potere, il popolo ebraico ha scelto di non partecipare alla competizione per il vittimismo. C’è un prezzo da pagare per la perdita dell’innocenza. Non abbiamo altra scelta se non quella di accettarlo.

Questa è una guerra per ripristinare la deterrenza israeliana.

Negli ultimi giorni ho ricevuto messaggi da amici all’estero, che mi hanno avvertito che Israele sta per ripetere gli errori commessi dall’America in Afghanistan e in Iraq. State cadendo in una trappola, dicono, non c’è una soluzione rapida; Hamas è un’idea, non solo un movimento. È necessario un gioco finale, una visione per Gaza il giorno dopo, una visione per la pace con i palestinesi.

Temo che abbiano ragione. Ma queste preoccupazioni sono irrilevanti per il bisogno più urgente di Israele, che è il ripristino immediato della nostra deterrenza in frantumi.

In nessun momento della storia di Israele, compresi i primi catastrofici giorni della guerra dello Yom Kippur, la nostra credibilità militare è stata così minata. Il colpo di Hamas è stato devastante proprio perché era il più debole dei nostri nemici – e perché l’esercito ha fallito così miseramente, non solo nel prevenire l’attacco al confine, ma anche nel fermare le atrocità mentre avvenivano, abbandonando di fatto le città e i kibbutzim al loro destino.

Perdere la deterrenza significa invitare all’aggressione sugli altri nostri confini assediati. Significa comunicare ai nostri nemici che Israele ha perso il suo vantaggio e non ha più le carte in regola per sopravvivere come unico Stato non arabo e non musulmano in una delle regioni più pericolose del mondo. Questo è ciò che rende questa una guerra esistenziale per Israele – non a breve termine, ma nemmeno necessariamente a lungo termine.

Coloro che mettono in guardia dall’invadere Gaza raramente offrono a Israele un’alternativa. Non reagire con decisione comporta per Israele un pericolo potenzialmente maggiore di un errore di calcolo militare. Se questa guerra si conclude con un’altra situazione di stallo tra Hamas e Israele, il fronte iraniano lungo i nostri confini diventerà molto più forte.

Questa è una guerra contro l’asse iraniano.

Non si è mai trattato solo del conflitto “israelo-palestinese”. Per la maggior parte degli ultimi 75 anni di esistenza di Israele, si è trattato del conflitto arabo-israeliano.

Negli ultimi anni, il conflitto arabo-israeliano è stato soppiantato dal conflitto radicale sciita-israeliano. Come il mondo arabo di una generazione fa, l’asse sciita radicale è impegnato nella distruzione di Israele. Concentrarsi solo sui combattimenti a Gaza significa fraintendere ciò che sta accadendo. Questa è una guerra per procura con l’Iran.

In quello che un tempo poteva essere un matrimonio di convenienza, Hamas, l’unica componente sunnita dell’alleanza iraniana, ha abbracciato l’agenda teologica della Rivoluzione iraniana e la sua ricerca di egemonia regionale.

L’Iran ha già ottenuto due vittorie storiche contro Israele. Nonostante una campagna israeliana durata decenni, l’Iran è ora sulla soglia del nucleare. E ci minaccia su tre dei nostri confini: Gaza, Libano e Siria.

Il massacro segna un punto di svolta nella nostra guerra contro l’asse radicale sciita. Per ora, l’Iran sta vincendo.

Questa è una guerra per ripristinare il contratto tra il popolo israeliano e il suo Stato.

Uno dei momenti più devastanti per me all’indomani del massacro è stata l’intervista televisiva al padre di una giovane donna uccisa. “Il popolo di Israele è fantastico”, ha detto. “Ma io ho chiuso con lo Stato”.

Gli israeliani non sono mai andati in guerra così privi di fiducia nei loro leader. Gli israeliani erano aspramente divisi durante la guerra del Libano del 1982. Eppure nessuno dubitava seriamente che Menachem Begin e Arik Sharon stessero facendo ciò che credevano fosse meglio per Israele, che mettessero gli interessi di Israele davanti ai propri.

Per gran parte dell’opinione pubblica israeliana, oggi non è così. Non abbiamo mai sperimentato nulla di simile: un primo ministro, in tempo di guerra, che ha paura di mescolarsi alle truppe a causa dell’indignazione che potrebbe incontrare.

Sorprendentemente, ma non sorprendentemente, l’abbandono del sud da parte del governo è persistito anche dopo il massacro. Lo Stato è stato criminalmente inefficace nell’affrontare le necessità di base dei sopravvissuti. L’incompetenza è il risultato diretto di questo governo, che ha sistematicamente sostituito i funzionari pubblici professionisti con politici, annullando decenni di riforme nella pubblica amministrazione.

La responsabilità per i sopravvissuti è stata assunta dagli attivisti del movimento di protesta democratico – coloro che questo governo ha etichettato come traditori.

Questa è la guerra di un popolo senza leader che si assume la responsabilità di se stesso. Il nostro grande risultato all’indomani del massacro è stato il modo in cui la società israeliana, interamente motivata dal basso, si è mobilitata efficacemente. Molti riservisti non hanno aspettato di essere chiamati; i civili hanno sommerso le banche del sangue di donazioni.

La dissonanza è incorporata nella realtà israeliana, e nessun momento è più dissonante di questo. Il paradosso di questa guerra è che, mentre la sfiducia e il disprezzo per i nostri leader non sono mai stati così alti, non lo sono stati nemmeno il nostro morale, il nostro amore per il Paese, la nostra disponibilità al sacrificio e persino la nostra capacità di unirci.

Questo è il momento di maturazione del popolo israeliano. Assumendo la responsabilità del Paese, abbiamo creato una nuova dinamica.

Tuttavia, non si può dare per scontata la capacità dei cittadini di intervenire nella breccia creata da un governo inetto e corrotto.

La base del rapporto di un cittadino con lo Stato è la reciprocità. Noi ci sacrifichiamo per lo Stato, e lo Stato protegge le nostre vite e si impegna per il nostro benessere di base. La rottura tra lo Stato e i suoi cittadini deve essere riparata, ripristinando la fiducia nelle nostre istituzioni.

La prima è l’IDF. In ogni sondaggio condotto negli anni, l’istituzione di cui gli israeliani si fidano di più è l’esercito. Questa è una guerra per determinare se tale fiducia continuerà. Senza la nostra fiducia nella capacità dell’esercito di proteggerci, Israele si sfascerà.

Il 7 ottobre Israele è diventato il Paese più pericoloso al mondo per gli ebrei. Molti israeliani ora si chiedono silenziosamente se possono mettere su famiglia qui. All’inizio degli anni Cinquanta, quando Israele stava vivendo un’ondata di attacchi terroristici e l’IDF sembrava incapace di rispondere efficacemente, il Primo Ministro David Ben-Gurion dichiarò che lo Stato aveva l’obbligo di rassicurare gli immigrati ebrei provenienti da tutto il mondo che non avevano commesso un errore nel fidarsi della promessa del sionismo di proteggerli.

Distruggere Hamas è un passo fondamentale per ripristinare questa promessa infranta.

Questa guerra è un test della credibilità morale della comunità internazionale.

La sfida per gli estranei a questo conflitto è quella di simpatizzare con gli innocenti che soffrono da entrambe le parti, senza oscurare la differenza tra Israele e Hamas.

Per i morti e i feriti tra i civili di Gaza, ovviamente non fa differenza che Israele non avesse intenzione di far loro del male. Ma l’intenzione è la differenza tra la guerra come tragedia e la guerra come barbarie.

Per i politici israeliani, il precedente della distruzione di Hamas è la guerra all’ISIS, che ha provocato distruzioni di massa, dislocazioni e morti tra i civili. Distruggere Hamas non è meno imperativo morale che distruggere l’ISIS.

Molti nel mondo – e non solo gli odiatori di Israele – sostengono che l’occupazione spinge i palestinesi al terrorismo. Ma non è meno vero il contrario: il terrorismo ha rafforzato l’occupazione, convincendo gli israeliani che il ritiro dalla Cisgiordania l’avrebbe trasformata in un’altra Gaza.

Il fatale errore di calcolo dei nemici di Israele è che essi scambiano Israele per un progetto coloniale senza radici che farà la fine della Rhodesia e del Sudafrica governato dai bianchi. Infliggete abbastanza atrocità e gli ebrei fuggiranno “in Polonia”. (Gli apologeti palestinesi non dicono mai “tornate in Iraq, in Nord Africa”, da dove proviene la maggioranza degli ebrei israeliani).

Uno Stato colonialista si sarebbe già da tempo fatalmente demoralizzato e arreso all’incessante terrorismo, alla guerra e all’assedio. Ma l’inimicizia ha solo reso Israele più forte, perché il suo popolo è di casa. Ora i nostri nemici ci hanno unito – questa volta, inducendo in un solo giorno il miracoloso capovolgimento di una nazione così divisa che sembrava sull’orlo di una guerra civile, in una nazione definita ancora una volta da uno scopo e da uno sforzo comuni.

Gli israeliani hanno reagito come sempre alle minacce esistenziali. Quasi 200.000 israeliani sono tornati a casa dopo il massacro, molti per unirsi alle loro unità di riservisti. La domanda è stata così alta che El Al ha permesso ai passeggeri che non potevano prenotare i posti di sedersi sul pavimento dei voli di ritorno. L’incapacità del movimento nazionale palestinese, in tutte le sue fazioni, di comprendere che non si trova di fronte a un’entità colonialista, ma a un popolo reindigenizzato la cui storia è unica nel suo genere, è la ragione principale per cui questo conflitto è stato insolubile. Finché questa percezione non cambierà, anche gli israeliani che, come me, vedono la soluzione dei due Stati come una necessità esistenziale per Israele, la vedranno come una minaccia esistenziale.

Questa guerra è un’occasione per Israele e i suoi amici di cambiare la narrazione dell’Israele colonialista che ha preso piede in gran parte dell’Occidente e di restituire una certa complessità al discorso sul conflitto.

Questa è una guerra contro il male.

C’è una distinzione cruciale tra commettere il male e diventare malvagi. Ci sono atti di una crudeltà così profonda da cancellare l’immagine divina in cui siamo stati creati.

Il tikkun olam è un impegno a valorizzare contemporaneamente il bene e a diminuire il male. Il tikkun olam non riguarda solo la giustizia sociale; sconfiggere la Germania nazista e l’Unione Sovietica è stata l’espressione ultima della riparazione del mondo. Distruggere Hamas è un imperativo del tikkun olam.

Allo stesso tempo, combattere il male non significa sospendere le regole morali; è vero il contrario. Bisogna stare attenti a non farsi contaminare dal male che si sta combattendo, per ragioni sia pratiche che spirituali.

In pratica, il modo per vincere questa guerra è mantenere la nostra credibilità morale tra gli ebrei della diaspora e tra gli amici non ebrei di Israele. Non prendiamo di mira innocenti; non disumanizziamo un intero popolo; facciamo il possibile, dati i limiti della situazione e gli obiettivi della guerra, per ridurre al minimo le morti dei civili.

Secondo il diritto internazionale, proporzionalità significa tenere conto sia delle vite civili sia della natura della minaccia che si sta cercando di contenere. In una guerra esistenziale contro un nemico genocida che si nasconde dietro i civili, i confini della proporzionalità cambiano. Ma le linee rosse rimangono e i nostri leader politici e militari devono confrontarsi con l’imperativo morale di distruggere Hamas e l’imperativo morale di preservare la vita. Non c’è una formula precisa per navigare in questi dilemmi laceranti; il requisito fondamentale è che le linee rosse rimangano parte della conversazione israeliana.

Una guerra contro il male si combatte con feroce determinazione, ma senza odio cieco per un intero popolo, per non parlare di un’intera religione. La società palestinese, insieme al mondo arabo e musulmano, ha molto di cui rispondere. Ma Hamas e il popolo palestinese non sono la stessa cosa. C’era una diffusa disaffezione verso Hamas prima di questa guerra: Lo scorso gennaio è stato pubblicato sul Times of Israel un notevole progetto, “Whispered in Gaza”, che registra anonimi palestinesi che denunciano la brutalità e la corruzione di Hamas.

Ciò che l’estrema destra ebraica non capisce del potere di Israele è che esso deriva dall’unità del popolo ebraico, sia qui che nella diaspora, dalla convinzione comune della giustezza della nostra causa. Nell’ultimo anno, gran parte dell’opinione pubblica israeliana ha perso fiducia nella direzione morale del Paese. La crisi ha minacciato di smantellare parti cruciali dell’esercito.

Il potere di Israele dipende anche dal mantenimento della fiducia dei nostri amici. Il disprezzo che i principali membri di questo governo hanno espresso solo di recente nei confronti del Presidente Biden è indicativo dell’atteggiamento infantile dell’estrema destra nei confronti del potere.

Non dobbiamo rendere conto agli ipocriti che vorrebbero trasformare Israele nel criminale delle nazioni, come quei delegati del Consiglio per i Diritti Umani delle Nazioni Unite, che due giorni dopo il massacro si sono alzati in lutto solenne per le “vittime in Palestina e altrove” – questo, mentre stavamo ancora combattendo i terroristi rintanati nelle case israeliane lungo il confine con Gaza. Ma dobbiamo fare i conti moralmente con i nostri amici.

La guerra contro il male è in definitiva una guerra spirituale. La protezione divina per Israele, ci avverte la Torah, è subordinata al nostro comportamento. “Purificherete il male in mezzo a voi”, ci ordina. Ci sono persone in mezzo a noi che hanno attaccato indiscriminatamente palestinesi innocenti. La maggior parte degli israeliani è disgustata da questi atti. Ma non tutti. Un membro della Knesset del partito “Potere ebraico”, che fa parte della coalizione, ha recentemente definito “santo” un israeliano che ha bruciato viva una famiglia palestinese, e nessuno nel suo partito ha dissentito. Soprattutto in tempi di pericolo per Israele, questi sentimenti rappresentano un grave pericolo per la nostra protezione spirituale.

Per vincere questa guerra contro il male occorrono fermezza ed equilibrio. Gli ebrei di sinistra devono capire che il popolo ebraico non può permettersi la purezza dell’impotenza, mentre gli ebrei di destra devono capire che il potere richiede limiti morali. Come popolo, non dobbiamo essere indifferenti all’angoscia di Gaza. E non dobbiamo permettere che quell’angoscia minacci la nostra determinazione a distruggere Hamas.

SOSTIENICI USANDO STRIPE

Sostienici usando PAYPAL

Sostieni Rights Reporter con una piccola donazione

Newsletter

Fai come migliaia di nostri lettori, iscriviti alla nostra newsletter per rimanere sempre aggiornato senza però essere disturbato. Puoi cancellarti quando vuoi
missili hamas puntuali
Previous Story

Quelli di Hamas sono missili deficienti ma puntuali

tensione israele hezbollah
Next Story

Israele fronte nord: sale ulteriormente la tensione con Hezbollah

Latest from Medio Oriente

Go toTop