hassan nasrallah

Il capo della Direzione dell’intelligence militare dell’IDF ha detto lunedì che il capo del gruppo terroristico libanese Hezbollah è “vicino a commettere un errore” che potrebbe scatenare una guerra regionale, avvertendo che il conflitto tra Israele e Iran sta diventando sempre più diretto.

Parlando a una conferenza ospitata dall’Istituto di politica e strategia dell’Università Reichman di Herzliya, Aharon Haliva ha affermato che “le possibilità di un’escalation che potrebbe degenerare in guerra non sono basse” e che, per quanto riguarda Hassan Nasrallah, la recente fiammata al confine tra Israele e Libano potrebbe non essere finita.

Haliva ha alluso ai commenti passati di Nasrallah, secondo cui il rapimento da parte di Hezbollah di due soldati israeliani al confine nel 2006, che ha scatenato la Seconda guerra del Libano, è stato un errore, ma ha detto che ora comincia a credere che l’equilibrio di potere possa essere messo alla prova.

“La storia del terrorista al Meggido Junction non è un caso isolato”, ha detto Haliva, riferendosi all’attentato dinamitardo di marzo che ha ferito gravemente un uomo e che si sospetta sia stato orchestrato dal gruppo terroristico sostenuto dall’Iran. “Nasrallah è vicino a commettere un errore che potrebbe far precipitare la regione in una grande guerra. È vicino a commettere questo errore dal Libano o dalla Siria”.

Ha anche detto che il presidente siriano Bashar Assad, un altro alleato iraniano, sta diventando sempre più sicuro di sé, facendo notare la sua inclusione al vertice della Lega Araba in Arabia Saudita la scorsa settimana dopo 12 anni di assenza e un recente attacco di droni lanciato dalla Siria.

“Tutto questo crea un alto potenziale per un’escalation nella regione e dobbiamo essere preparati al fatto che i nostri nemici non capiranno il messaggio che stiamo inviando. Che non si sbaglino, siamo pronti a usare la forza e faremo tutto il possibile e il necessario per riportare la calma”, ha detto Haliva.

Le osservazioni sono giunte un giorno dopo che Hezbollah ha invitato i media a coprire un’importante esercitazione che simulava una guerra con Israele, affermando di essere pronto per un potenziale conflitto con lo Stato ebraico.

Passando all’Iran, Haliva ha definito la Repubblica islamica “una minaccia reale per Israele” e ha affermato che “il confronto è diventato diretto” tra i Paesi negli ultimi anni.

Haliva ha detto che il programma atomico iraniano ha continuato a progredire – “sia nel campo dell’arricchimento [dell’uranio] che in quello della costruzione di un’arma” – ma ha sottolineato che la sua unità non crede che i leader iraniani abbiano ancora preso la decisione di “scoppiare” per una bomba nucleare.

“Ma ci si sta preparando per il giorno in cui il leader supremo o il suo successore prenderanno una tale decisione. Abbiamo gli occhi aperti per segnalare in qualsiasi momento la prontezza dell’Iran su questo punto”, ha aggiunto.

Basi terroristiche galleggianti

Prima di lui il ministro della Difesa Yoav Gallant ha rivelato alla conferenza che l’Iran sta convertendo le navi mercantili in navi militari armate di droni, sistemi missilistici e strumenti avanzati per la raccolta di informazioni.

Gallant ha sostenuto che il Corpo delle Guardie rivoluzionarie islamiche sta cercando di costruire “basi del terrore galleggianti” come parte di una “politica preoccupante, simile a quella dei pirati”.

“L’Iran si sta comportando come un insieme di organizzazioni criminali e non come uno Stato moderno”, ha aggiunto. “Le basi del terrore galleggianti sono un’estensione del terrorismo marittimo in corso da parte dell’Iran, come si vede nelle sue azioni nel Golfo Persico e nel Mar Arabico. L’Iran mira a espandere il suo raggio d’azione all’Oceano Indiano, al Mar Rosso e persino alle coste del Mediterraneo”.

“Si tratta di un piano strutturato progettato per minacciare le rotte commerciali e di volo – sia militari che civili – e per creare una minaccia permanente nell’arena marittima”, ha accusato Gallant.

“Il modo per affrontare il terrorismo iraniano in aria, in mare e sulla terraferma è attraverso la cooperazione internazionale e la creazione di coalizioni”.

Intervenendo all’inizio della giornata alla stessa conferenza, il direttore generale del Ministero della Difesa Eyal Zamir ha dichiarato che l’esercito investirà risorse significative nei prossimi anni nell’intelligenza artificiale, che secondo lui ha il potenziale per migliorare drasticamente l’intelligence e il targeting di Israele contro l’Iran.

I suoi commenti sono arrivati mentre l’Associated Press ha rivelato che l’Iran sta costruendo un impianto nucleare così profondo nel sottosuolo che probabilmente è al di là del raggio d’azione di un’arma statunitense di ultima generazione progettata per distruggere tali siti.

Con l’Iran che sta producendo uranio vicino a livelli di qualità per le armi dopo il fallimento del suo accordo nucleare con le potenze mondiali, l’installazione complica gli sforzi dell’Occidente per impedire a Teheran di sviluppare potenzialmente una bomba atomica, mentre la diplomazia sul suo programma nucleare rimane in stallo.

Il Presidente degli Stati Uniti Joe Biden e il Primo Ministro Benjamin Netanyahu hanno dichiarato che non permetteranno all’Iran di costruire un’arma nucleare.