Intelligence israeliana: la base iraniana colpita in Siria era una base per droni

10 Aprile 2018

La base iraniana colpita – si suppone – da Israele in Siria era una base usata dai militari di Teheran per gestire la flotta di droni che sorvolano la Siria e che spiano i movimenti dei militari israeliani sul Golan.

E’ questo che emerge in maniera non ufficiale dai rapporti di intelligence circolati ieri sera a Gerusalemme e confermati da più parti da fonti esterne.

La base di Tayfur, nota anche con l’acronimo di “T4”, posizionata nella provincia orientale di Homs, 60 km a est di Palmira, è stata fino a ieri la base di partenza dei droni iraniani nonché una vera e propria base logistica per le guardie della Rivoluzione iraniana che combattono in Siria. Da quella base decollò il drone iraniano abbattuto due mesi fa mentre sorvolava i cieli di Israele e che scatenò la risposta israeliana, risposta che anche in quella occasione colpì tra gli altri obiettivi anche il complesso T4.

Quattro morti tra i militari iraniani

Sarebbero quattro i morti iraniani a seguito dell’attacco. Si tratterebbe di Seyed Ammar Moussavi, Medi Lotfi Niyasar, Akbar Zawwar Jannati e Mehdi Dehqan Yazdeli. Proprio quest’ultimo era noto all’intelligence israeliana per essere membro della sezione aerospaziale delle Guardie della Rivoluzione Iraniana la quale gestisce tra le altre cose i droni iraniani basati in Siria.

Le proteste di Teheran

Intanto a distanza di ore dall’attacco anche Teheran fa sentire la propria voce. Con un comunicato diffuso dal Ministero degli Esteri iraniano, si accusa esplicitamente Israele dell’attacco alla base T4 e si chiede alla comunità internazionale di «condannare con fermezza l’aggressione sionista» e si invitano «tutti gli Stati liberi a non rimanere indifferenti di fronte a questo attacco che rischia di complicare la già difficile situazione in Siria».

Sarah G. Frankl

Vive nel sud di Israele. Responsabile della redazione e delle pubblicazioni Breaking News. Cura i social di Rights Reporter. Esperta del settore informatico. Hacker Etica

SOSTIENICI USANDO STRIPE

Sostienici usando PAYPAL

Sostieni Rights Reporter con una piccola donazione

Newsletter

Fai come migliaia di nostri lettori, iscriviti alla nostra newsletter per rimanere sempre aggiornato senza però essere disturbato. Puoi cancellarti quando vuoi
Previous Story

Medio Oriente: siamo a un passo dalla guerra tra Israele e Iran?

Next Story

In Siria si è perso il senso della misura. E se Assad e Putin fossero il male minore?

Latest from Medio Oriente

Go toTop