Iran e Hamas discutono su come approfittare del caos in Israele

26 Luglio 2023

Alcuni massimi funzionari della sicurezza iraniana e il gruppo terroristico di Hamas hanno tenuto una riunione a porte chiuse la scorsa settimana per discutere di come approfittare dello sconvolgimento sociale in Israele innescato dalla revisione giudiziaria del governo.

All’incontro ha partecipato un alto comandante della Forza Quds iraniana, una componente del Corpo delle guardie rivoluzionarie della Repubblica islamica responsabile delle operazioni extraterritoriali. Lo avrebbe detto un diplomatico iraniano all’agenzia di stampa Reuters.

All’incontro di tre ore hanno partecipato anche altri due funzionari della sicurezza iraniani e funzionari di Hamas, afferma il rapporto, senza specificare dove si è svolta la discussione.

Le parti si sono dette d’accordo sul fatto che la crisi giudiziaria ha già danneggiato Israele, ma che per il momento non dovrebbero mettere in atto alcuna “interferenza diretta” per sfruttare la situazione perché essere coinvolti potrebbe consentire al primo ministro Benjamin Netanyahu di deviare l’attenzione verso l’esterno, verso i nemici stranieri.

Una fonte di Hamas ha detto a Reuters che Hamas, l’Iran e la Forza Quds stavano discutendo “sull’intera situazione”.

L’Iran sostiene i nemici di Israele, inclusi i gruppi terroristici Hamas e Jihad islamica palestinese con sede a Gaza e l’organizzazione terroristica libanese Hezbollah.

Martedì il leader di Hezbollah, Hassan Nasrallah, si è compiaciuto del fatto che Israele fosse sulla “via della scomparsa”.

Una fonte libanese ha detto che i combattenti di Hezbollah visti vicino alla barriera di confine israeliana erano combattenti d’élite del gruppo terroristico e che la loro pattuglia non era correlata agli scismi politici in Israele. Le tensioni sono aumentate al confine settentrionale negli ultimi mesi a causa di una serie di scontri, la maggior parte dei quali istigati da Hezbollah.

Tuttavia, funzionari di Hezbollah ai massimi livelli hanno discusso dello sconvolgimento in Israele e pianificano di sfruttare la situazione in futuro, ha detto una fonte libanese.

Le macchinazioni tra i nemici di Israele arrivano mentre lo sforzo del governo di mettere sotto controllo la magistratura ha causato una crisi storica per il paese, approfondendo le crepe sociali e suscitando timori per la sicurezza nazionale e una miriade di altre questioni.

Lunedì il governo ha approvato il primo disegno di legge nel suo controverso pacchetto di revisione giudiziaria, nonostante le proteste di massa, l’opposizione di molte figure giudiziarie, di sicurezza, economiche e pubbliche di alto livello e oltre 10.000 riservisti delle forze di difesa israeliane che hanno affermato che sospenderanno il loro servizio volontario per protesta.

Il caos è scoppiato per le strade dopo il voto, con la polizia che si è scontrata con migliaia di manifestanti che bloccavano le principali autostrade a Tel Aviv, Gerusalemme e in tutto il Paese.

Molti osservatori e membri dell’opposizione si sono lamentati del fatto che la questione abbia diviso la società in un modo che sarà difficile da superare, e alti funzionari militari hanno affermato che il danno arrecato al modello di servizio dell’IDF richiederà molti anni per essere riparato.

I riservisti in protesta – che sono una parte fondamentale delle attività di routine dell’esercito, anche nelle unità d’elite – hanno detto che non presteranno servizio se il governo andrà avanti con la riforma giudiziaria.

I militari hanno avvertito martedì che la prontezza al combattimento potrebbe presto essere danneggiata se le truppe di riserva non si presentano in servizio per un lungo periodo di tempo.

Dozzine di ex alti funzionari della sicurezza – inclusi ex capi dell’IDF, del Mossad e dello Shin Bet – hanno inviato una lettera a Netanyahu chiedendogli di interrompere la riforma giudiziaria per consentire la ripresa dei colloqui.

SOSTIENICI USANDO STRIPE

Sostienici usando PAYPAL

Sostieni Rights Reporter con una piccola donazione

Newsletter

Fai come migliaia di nostri lettori, iscriviti alla nostra newsletter per rimanere sempre aggiornato senza però essere disturbato. Puoi cancellarti quando vuoi
Previous Story

Israele nel momento più buio (e i nemici esterni non c’entrano)

Next Story

Le conseguenze economiche della riforma giudiziaria in Israele

Latest from Medio Oriente

Go toTop