Iran in trattative con 50 paesi per vendere missili e droni

By redazione

Il ministro della Difesa israeliano Yoav Gallant ha accusato l’Iran di portare avanti trattative per vendere missili e droni a decine di Paesi, in violazione di una risoluzione del 2015 del Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite.

«L’Iran sta attualmente discutendo per vendere armi avanzate, tra cui UAV e PGM (missili a guida di precisione), a non meno di 50 Paesi diversi», ha detto Gallant alla Conferenza sulla sicurezza di Monaco in Germania.

«L’Iran non è più un “fornitore locale” al servizio di procuratori in Medio Oriente. È una “multinazionale”, un esportatore globale di armi avanzate. Dalla Bielorussia, in Europa orientale, al Venezuela, in Sud America, abbiamo visto l’Iran consegnare UAV con un raggio d’azione fino a 1.000 chilometri», ha affermato.

Secondo i diplomatici occidentali, la vendita di questi droni viola la risoluzione 2231 del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite, che ha approvato l’accordo nucleare del 2015 tra l’Iran e sei nazioni chiave – Stati Uniti, Russia, Cina, Gran Bretagna, Francia e Germania – volto a frenare le attività nucleari di Teheran e a impedire al Paese di sviluppare armi atomiche.

La risoluzione 2231 vieta all’Iran di esportare missili balistici e droni con una gittata superiore a 300 chilometri e un carico utile superiore a 500 chilogrammi fino all’ottobre 2023.

«Tutto questo avviene mentre è ancora in vigore l’embargo missilistico sull’Iran, embargo che scadrà quest’anno. Il tempo sta per scadere, mentre un regime malvagio traffica armi», ha affermato ancora Gallant. «La comunità internazionale deve creare un’alternativa efficace al moribondo embargo, un meccanismo pratico di deterrenza e di conseguenze».

Secondo un articolo pubblicato martedì dal quotidiano britannico Guardian, i funzionari statunitensi hanno avvertito gli alleati che l’Iran sta utilizzando la guerra in Ucraina come trampolino di lancio per posizionarsi come centro di smistamento di droni militari a basso costo e letali.

Israele ha monitorato da vicino il lancio mortale di droni suicidi di fabbricazione iraniana nelle città ucraine da parte della Russia, temendo che armi simili possano essere dirette contro lo Stato ebraico in guerre future, in particolare attraverso Hezbollah al confine settentrionale.

Secondo il Guardian, i funzionari statunitensi ritengono che Teheran stia rapidamente migliorando l’efficacia dei suoi droni grazie all’uso reale in Ucraina.

Il nostro potere è cresciuto a livelli tali che la Cina è in fila per acquistare 15.000 dei nostri droni

Anonimo funzionario iraniano

La settimana scorsa l’agenzia di stampa Al-Monitor ha citato unanonimo funzionario della difesa iraniana, secondo il quale la Cina si è messa in coda per acquistare i droni iraniani.

«Il nostro potere è cresciuto a livelli tali che la Cina è in fila per acquistare 15.000 dei nostri droni», si è vantato il funzionario.

L’Iran ha come obiettivo di politica estera lo sviluppo di relazioni più forti con i Paesi dell’Oriente globale, come la Cina e la Russia, nel tentativo di bilanciare le severe sanzioni occidentali imposte al Paese a causa del suo programma nucleare, in gran parte non monitorato.

Parlando della minaccia nucleare iraniana, Gallant ha dichiarato: «Quando parliamo di impedire all’Iran di ottenere un’arma nucleare, dobbiamo tenere sul tavolo tutti i mezzi possibili, ripeto, tutti i mezzi possibili».