Israele: anche i riservisti delle forze d’elite non si presenteranno in disaccordo con il governo

19 Marzo 2023

Si tratta di centinaia di riservisti della Divisione Operazione Speciali della Intelligence Militare e di altre forze d’elite


Gerusalemme, Rights Reporter – Centinaia di riservisti d’élite delle Forze di Difesa Israeliane hanno interrotto il loro servizio di volontariato, mettendo in pratica la minaccia lanciata alcune settimane fa in risposta ai piani del governo di modificare radicalmente il sistema giudiziario.

Gli organizzatori del gruppo, che ha dichiarato di comprendere 450 ufficiali e soldati della Divisione Operazioni Speciali dell’Intelligence Militare e 200 delle unità di guerra cibernetica, hanno annunciato che smetteranno di presentarsi per il servizio di volontariato, citando come motivazione i piani del governo di tenere le votazioni finali della Knesset sulla legislazione che limiterebbe severamente i tribunali o i legislatori dal rimuovere un primo ministro non idoneo dalla carica.

“Da oggi smettiamo di fare il volontario per la riserva e saremo felici di tornare a farlo quando la democrazia sarà sicura”, ha dichiarato domenica mattina alla radio pubblica Kan il cap. “Aleph”, che può essere identificato solo con il suo grado e l’iniziale del suo nome in ebraico.

Aleph, che presta servizio nella Divisione Operazioni Speciali, ha invitato gli altri riservisti volontari a non presentarsi in servizio “finché questo tentativo di colpo di stato non sarà finito”.

“La differenza tra servire nell’esercito di Putin e servire nell’IDF verrà cancellata”, ha detto Aleph.

A differenza della maggior parte dei riservisti che vengono chiamati in servizio con un ordine formale da parte dell’IDF, i soldati della Divisione Operazioni Speciali e delle unità di guerra cibernetica si presentano in servizio più frequentemente e in modo volontario, spesso non durante un’emergenza, a causa della natura della loro posizione.

Gli appelli dei riservisti dell’IDF a rifiutarsi di prestare servizio a causa del tentativo del governo di cambiare il sisema giudiziario a favore della politica hanno scosso le forze armate nelle ultime settimane, aumentando di numero anche se sono stati condannati da politici di alto livello sia dell’opposizione che della coalizione al governo.

Alla fine di febbraio, centinaia di riservisti della Divisione per le Operazioni Speciali hanno pubblicato una lettera aperta per avvisare dell’intenzione di porre fine al loro servizio volontario se non si fosse raggiunto un ampio compromesso sulla revisione del sistema giudiziario. Una settimana dopo, i soldati delle unità di guerra cibernetica hanno avvertito che avrebbero smesso di prestare servizio come volontari se la revisione fosse stata approvata così come voluta dal governo.

A queste lettere e chiamate si sono aggiunti nelle ultime settimane i riservisti di quasi tutte le branche dell’esercito, tra cui piloti di jet da combattimento, ufficiali di fanteria sotto copertura, sommergibilisti, marinai, piloti di elicotteri e altri.

Il ministro della Difesa Yoav Gallant ha dichiarato che le minacce dei riservisti di rifiutarsi di prestare servizio in caso di approvazione della revisione giudiziaria del governo danneggiano la sicurezza nazionale.

In un discorso della scorsa settimana, il capo militare Herzi Halevi ha detto che “l’IDF non sarà in grado di agire senza lo spirito di volontariato dei riservisti e la loro volontà [di servire], che dipende dalla conservazione dell’IDF come esercito del popolo in uno Stato ebraico democratico”.

Gli esponenti dell’opposizione hanno dichiarato di comprendere il sentimento alla base delle richieste dei riservisti, ma di non poter sostenere tali iniziative.

“Sono contrario al rifiuto. Non credo che sia la strada giusta. Capisco il dolore, il dispiacere, la paura e la rabbia. Penso che sia un errore. Abbiamo un solo esercito e non ci deve essere un rifiuto”, ha dichiarato all’inizio del mese il leader dell’opposizione Yair Lapid.

Il leader del partito di unità nazionale Benny Gantz – ex capo dell’IDF ed ex ministro della Difesa – ha dichiarato di recente che i riservisti dell’IDF devono “continuare a servire, a presentarsi a qualunque costo, a proteggere questo Paese con le proteste e a proteggerlo con le incursioni [militari]… nonostante il dolore”. (articolo in inglese)

SOSTIENICI USANDO STRIPE

Sostienici usando PAYPAL

Sostieni Rights Reporter con una piccola donazione

Newsletter

Fai come migliaia di nostri lettori, iscriviti alla nostra newsletter per rimanere sempre aggiornato senza però essere disturbato. Puoi cancellarti quando vuoi
Previous Story

Un criminale di guerra al Consiglio di Sicurezza dell’ONU

Next Story

Israele approva la vendita di sistemi anti-drone all’Ucraina

Latest from Medio Oriente

Go toTop