Israele ha dimostrato che Biden aveva torto su Rafah

A differenza di quello che pensa Biden, Rafah rimane fondamentale per qualsiasi piano di day after, poiché nulla può funzionare se Hamas governa il territorio con battaglioni militari e controlla il confine egiziano

By Staff RR e Agenzie

Ricordate Rafah? Per mesi, l’amministrazione Biden si è opposta aspramente a un’invasione israeliana dell’ultima roccaforte di Hamas a Gaza. Il mantra era che Israele non aveva “alcun piano credibile” per evacuare gli 1,3 milioni di civili della città. Eppure gli israeliani sono andati avanti lo stesso e due settimane dopo hanno evacuato in sicurezza circa 950.000 persone.

Doveva essere impossibile. Rafah è diventata una linea rossa per Biden, in base alla logica che non era possibile condurre una grande operazione con tutti quei civili presenti. Questa è stata la giustificazione per l’embargo sulle armi del Presidente. “Ci stiamo allontanando dalla capacità di Israele di condurre una guerra in quelle aree”, ha detto.

Anche quando l’evacuazione è iniziata, il Segretario di Stato Antony Blinken ha ripetuto che Israele non aveva “alcun piano credibile”. Il consigliere per la sicurezza nazionale Jake Sullivan ha aggiunto: “Crediamo ancora che sarebbe un errore lanciare una grande operazione militare nel cuore di Rafah”. Quando l’evacuazione ha iniziato a funzionare, il team di Biden è passato a criticare la prontezza di Israele per il “giorno dopo” i combattimenti principali, come se il successo a Rafah fosse una conclusione scontata.

Infine, martedì, l’Amministrazione ha rivendicato il merito. “È giusto dire che gli israeliani hanno aggiornato i loro piani. Hanno incorporato molte delle preoccupazioni che abbiamo espresso”, ha dichiarato ai giornalisti un alto funzionario statunitense. Ha anche detto che l’operazione di Rafah potrebbe creare “opportunità per rimettere in pista l’accordo sugli ostaggi”.

Le manovre hanno un costo. “Questa amministrazione non appoggia mai nulla di ciò che facciamo finché non lo facciamo”, ha dichiarato all’inizio del mese un alto funzionario israeliano. Per ottenere il consenso di Biden, gli israeliani dovevano prima avanzare e avere successo. Ma il ritardo causato dalla sua opposizione ha trascinato la guerra a tutto svantaggio di Hamas.

Rafah rimane fondamentale per qualsiasi piano di day after, poiché nulla può funzionare se Hamas governa il territorio con battaglioni militari e controlla il confine egiziano. Israele ha già scoperto 50 tunnel che da Rafah passano in Egitto per il contrabbando. Una volta che le truppe avranno completato lo sgombero di una zona cuscinetto lungo il confine, Israele potrà tagliare fuori Hamas dall’Egitto, una chiave per strangolare qualsiasi insurrezione possa seguire.

È ragionevole chiedersi quale forza controllerà Gaza in futuro. Ma nessun altro combatterà e morirà per sconfiggere Hamas per Israele, o anche solo per resistere come potenza civile. Certamente non la debole Autorità Palestinese, che vuole un accordo di condivisione del potere con Hamas a Gaza perché altrimenti sa che verrebbe massacrata.

Anche se ai liberali israeliani non piacerà sentirlo, Israele probabilmente avrà bisogno di riempire il vuoto a Gaza per un certo periodo. Anche se ai destrorsi israeliani non piacerà sentirselo dire, lo scopo sarebbe quello di fare spazio alla governance locale. La politica, lì e qui, spiega perché è stato più facile fingere che non ci sia alcun piano.

Follow:
Lo staff di Rights Reporter in collaborazione con le migliori agenzie e testate