Il leader dell’opposizione Yair Lapid accusa il Primo Ministro Benjamin Netanyahu di aver nascosto quanto fossero estremi i piani della sua coalizione per rimodellare ampiamente il sistema giudiziario.

“Non hanno presentato la riforma agli elettori”, afferma Lapid durante una riunione della fazione Yesh Atid. “Non hanno detto quanto sarebbe stata estrema. Hanno balbettato ogni volta che gli è stato chiesto di parlarne durante le elezioni. Non hanno detto agli elettori che Israele cesserà di essere una democrazia. Non hanno detto agli elettori che avrebbero distrutto in modo irreversibile la Corte Suprema”.

Durante la campagna elettorale, Bezalel Smotrich e Simcha Rothman, esponenti di Sionismo religioso, hanno presentato un piano di radicale rifacimento del sistema giudiziario, che però non è stato abbracciato pubblicamente dal Likud prima del voto.

Piuttosto, sostiene Lapid, “stanno facendo quello che sanno fare meglio: mentire e cercare di confondere tutti” nel tentativo di tenere Netanyahu fuori dalla prigione e permettere al leader di Shas Aryeh Deri, condannato per crimini, di diventare ministro.

Lapid afferma che la protesta di massa di sabato sera a Tel Aviv “è solo l’inizio – non ci fermeranno… con le minacce di arresto”.

Rispondendo alle critiche sulla sua decisione di non partecipare, Lapid ha detto di aver parlato con gli organizzatori che temevano che la sua presenza avrebbe reso l’evento “troppo politico”.

Gantz: la vittoria elettorale non è assegno in bianco per stravolgere democrazia

Intanto il leader di National Unity party Benny Gantz rinnova il suo appello a includere i leader dell’opposizione come lui nell’ambizioso piano di riforma giudiziaria del governo, ma avverte che non approverà un colpo di stato.

“Chiedo ancora una volta la creazione di gruppi di lavoro che presentino alla Knesset una riforma adeguata e ampia, che includa ulteriori livelli oltre a quelli esistenti”, ha dichiarato Gantz all’inizio della riunione della fazione Knesset del suo partito.

Tuttavia, Gantz dice alla coalizione che “la nostra mano tesa non viene per rendere il colpo di stato di Israele ‘kosher’ in cambio di correzioni cosmetiche. Se non ci sarà un cambiamento profondo che esprima un ampio accordo e la conservazione di Israele come democrazia sostanziale con separazione dei poteri e controllo giudiziario – non ci sarà alcun accordo”.

La scorsa settimana, Gantz ha invitato gli israeliani a scendere in piazza per protestare legittimamente contro il piano del governo di mettere il controllo politico in cima alla magistratura, tra le altre riforme radicali. Sabato, Gantz e molti altri esponenti dell’opposizione si sono uniti a circa 100.000 manifestanti in tutto il Paese, anche se il leader dell’opposizione Yair Lapid era particolarmente assente.

Nei commenti rivolti al Primo Ministro Benjamin Netanyahu, che ha respinto le proteste di sabato sera, Gantz afferma che la vittoria alle elezioni di novembre non ha dato a Netanyahu un “assegno in bianco” per stravolgere la democrazia.

“I cittadini preoccupati meritano di essere trattati con rispetto dal primo ministro, che – anche se la maggior parte di loro non lo ha eletto – è il loro primo ministro. Invece, vengono delegittimati e sminuiti”, afferma il leader del partito di unità nazionale.