L’abbraccio tra Russia e Corea del Nord mette in difficoltà la Cina

L’abbraccio tra Russia e Corea del Nord mette in difficoltà la Cina

Di David Pierson

Per sfidare il potere del suo principale rivale, gli Stati Uniti, il leader cinese Xi Jinping ha unito le forze con due Stati anti-occidentali, dichiarando una partnership “senza limiti” con la Russia e impegnandosi a sostenere “senza riserve” la Corea del Nord.

Ma lo spettro di una intesa tra il presidente russo Vladimir Putin e il leader nordcoreano Kim Jong-un, dopo il loro incontro di questa settimana nella Russia orientale, potrebbe non essere uno sviluppo così gradito al Presidente cinese come potrebbe sembrare inizialmente.

Legami più stretti tra Pyongyang e Mosca potrebbero portare entrambi i Paesi a dipendere meno da Pechino. Questo potrebbe diminuire il peso della Cina nei negoziati globali per porre fine alla guerra della Russia in Ucraina e per limitare il programma nucleare della Corea del Nord.

“Dubito che Xi sia felicissimo di vedere la festa dell’amore tra Kim e Putin che si svolge al di là del confine cinese”, ha dichiarato John Delury, professore di studi cinesi all’Università Yonsei di Seoul. Il signor Kim e il signor Putin, ha detto, hanno ragioni per cercare di ottenere maggiore autonomia e influenza dalla Cina, la “potenza dominante nel triangolo”, rafforzando i loro legami bilaterali.

La Russia potrebbe ottenere più armi dalla Corea del Nord per intensificare la sua guerra in Ucraina. La Corea del Nord potrebbe ottenere aiuti o assistenza tecnologica dalla Russia e incrementare il suo programma di armi nucleari.

“Tutte queste attività arriverebbero alle porte di Pechino, ma al di fuori del suo controllo o della sua influenza”, ha detto Delury.

Per la Cina, tale cooperazione potrebbe incoraggiare la Russia e la Corea del Nord a intensificare le loro azioni provocatorie.

Questo potrebbe essere un problema per Pechino, che vuole evitare di subire maggiori pressioni per tenere a freno Pyongyang e Mosca. La Cina ha anche cercato di impedire ai suoi vicini di avvicinarsi a Washington. I test missilistici di Kim hanno già contribuito alla decisione del mese scorso della Corea del Sud e del Giappone di mettere da parte le loro storiche differenze per firmare un accordo di difesa trilaterale con gli Stati Uniti.

Le percezioni sulla gestione della Corea del Nord e della Russia da parte della Cina sono importanti perché, forse più che in qualsiasi altro momento della sua storia, la Cina si sta candidando a una maggiore quota di leadership globale. Ritiene che il suo sviluppo economico senza precedenti negli ultimi quarant’anni, insieme alle sue dimensioni e alla sua potenza militare, le conferiscano la legittimità di sostenere un ordine mondiale alternativo in cui gli Stati Uniti non siano più l’unica superpotenza dominante.

Per sottolinearlo, mercoledì il Ministero degli Esteri cinese ha presentato un’ampia proposta di revisione della governance globale, dando più potere alle nazioni in via di sviluppo ed evitando il “confronto tra campi”, un riferimento a quello che la Cina vede come uno sforzo guidato dagli Stati Uniti per dividere il mondo in blocchi separati che ricordano la Guerra Fredda.

L’appello della Cina si è rivolto in gran parte al Sud globale e ai Paesi che nutrono rancori nei confronti dell’Occidente. Ma per avere successo nel lungo periodo, l’obiettivo di Pechino di rimodellare l’ordine mondiale richiederà un sostegno più ampio, anche da parte degli alleati statunitensi in tutto il mondo.

Su questo punto, Xi ha avuto poco successo. Il suo tacito sostegno all’invasione della Russia e le sue rivendicazioni sempre più aggressive nei confronti dell’isola autogovernata di Taiwan hanno in gran parte alienato la Cina dal club delle nazioni guidate dall’Occidente in un modo che non si vedeva dai tempi del massacro di Piazza Tienanmen nel 1989.

La Cina ha cercato di cambiare la percezione, almeno per quanto riguarda l’Ucraina, proponendo una soluzione politica e inviando un inviato di pace, ma questi sforzi sono stati ampiamente respinti in Occidente come se servissero in gran parte gli interessi russi.

Anche ora, la Cina deve valutare quanto vuole essere vista cooperare con la Russia e la Corea del Nord. Sergei K. Shoigu, ministro della Difesa russo, ha suggerito a luglio che i tre Paesi conducano esercitazioni militari congiunte per contrastare la cooperazione trilaterale nella regione da parte di Stati Uniti, Corea del Sud e Giappone.

Per Pechino, qualsiasi apparenza di solidificazione di un asse di tre nazioni opposte all’Occidente, ciascuna con ambizioni territoriali, può solo minare i suoi interessi, ha dichiarato Paul Haenle, ex direttore per la Cina del Consiglio di Sicurezza Nazionale sia nell’amministrazione di George W. Bush che in quella di Obama. Una mossa del genere sarebbe in contraddizione con le critiche della Cina alla “politica dei blocchi” e aumenterebbe il rischio che gli alleati degli Stati Uniti si allineino maggiormente a Washington e alle sue richieste di restrizioni più severe nei confronti della Cina.

Haenle è stato rappresentante dell’amministrazione Bush dal 2007 al 2009 nei cosiddetti colloqui a sei sul disarmo nucleare della Corea del Nord. A quel tempo, ha detto, la Cina sembrava più disposta a mettere da parte le differenze che aveva con gli Stati Uniti. La speranza era che la Cina avrebbe usato la sua influenza su Pyongyang, in quanto unico alleato del Nord e principale fonte di commercio e assistenza economica, per ottenere la denuclearizzazione della penisola coreana.

Ora, la Corea del Nord fa parte di una lunga lista di questioni come il cambiamento climatico, le comunicazioni militari e il fentanyl che la Cina si rifiuta di affrontare a meno che gli Stati Uniti non facciano concessioni. Pechino vuole che Washington allenti le restrizioni sull’accesso alla tecnologia avanzata dei semiconduttori statunitensi e ritiri il suo sostegno a Taiwan.

“Quando facevo parte dei colloqui a sei, il contesto era molto più incentrato sulla denuclearizzazione, con la geopolitica sullo sfondo”, ha detto Haenle. “Ora la situazione si è ribaltata”.

“La Cina ha deciso di tenersi stretta la Corea del Nord per avere una leva strategica nei confronti degli Stati Uniti”, ha proseguito.

Questo rende qualsiasi erosione dell’influenza cinese su Pyongyang preoccupante per Pechino. Il simbolismo della visita di Kim in Russia, e non in Cina, per il suo primo viaggio all’estero in più di tre anni è inequivocabile. La Cina diffiderà anche di qualsiasi supporto tecnologico che la Russia potrebbe dare alla Corea del Nord e che potrebbe rafforzare il programma di armi nucleari di Pyongyang.

“La cooperazione politica ed economica tra Russia e Corea del Nord non inciderà troppo sulla Cina, ma se la cooperazione militare coinvolgerà armi nucleari o veicoli per la consegna di armi nucleari, aumenterà l’incertezza nel nord-est asiatico e inciderà sulla stabilità periferica della Cina”, ha dichiarato Xiao Bin, ricercatore dell’Istituto di studi russi, dell’Europa orientale e dell’Asia centrale dell’Accademia cinese delle scienze sociali.

Sebbene la Corea del Nord sia l’unico alleato della Cina, il rapporto è stato a volte difficile e non sempre stretto come “labbra e denti”, come fu descritto da Mao Zedong. Le relazioni si sono raffreddate nel 2017 dopo che la Cina ha aderito alle sanzioni del Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite volte a fermare il programma di armi nucleari e di missili balistici della Corea del Nord. Pyongyang si è scagliata contro la Cina con un linguaggio insolitamente tagliente, accusando Pechino di “comportamento meschino” e di “ballare al ritmo degli Stati Uniti”.

I legami tra Cina e Corea del Nord sono migliorati l’anno successivo, dopo che Kim si è recato a Pechino e ha incontrato per la prima volta Xi. La Cina era nervosa per il previsto incontro tra Kim e il presidente Donald J. Trump che avrebbe portato a un grande accordo che avrebbe escluso la Cina dai futuri negoziati sulla penisola coreana.

“Nella misura in cui esiste un obiettivo strategico per la Cina, è in gran parte quello di mantenere la stabilità. Non sono interessati a risolvere i problemi”, ha dichiarato Victor D. Cha, professore di governo e affari internazionali alla Georgetown University e titolare della cattedra di Corea presso il Center for Strategic and International Studies di Washington. Il comportamento mercuriale di Pyongyang può essere un’irritazione per Pechino, ma viene tollerato finché il regime rimane al suo posto, fungendo da cuscinetto contro le forze statunitensi di stanza in Corea del Sud.

“Vogliono il cuscinetto”, ha continuato Cha. “Non sostengono l’unificazione e non vogliono che la situazione in Corea sfugga di mano”.

Autore Ospite

I migliori autori ed inviati delle maggiori testate internazionali tradotti dallo staff di Rights Reporter

Post navigation

If you like this post you might also like these

back to top