A un anno dalla guerra della Russia contro l’Ucraina, la Cina offre una proposta in 12 punti per porre fine ai combattimenti.

La proposta fa seguito al recente annuncio della Cina di voler agire come mediatore nella guerra che ha rianimato le alleanze occidentali viste da Pechino e Mosca come rivali.

Il documento riprende le affermazioni russe secondo cui i governi occidentali sono responsabili dell’invasione del 24 febbraio 2022 e critica le sanzioni alla Russia

Con la sua pubblicazione, il governo del presidente Xi Jinping ribadisce la pretesa della Cina di essere neutrale, nonostante l’ostruzionismo alle Nazioni Unite sulla condanna all’invasione.

Il documento riprende le affermazioni russe secondo cui i governi occidentali sono responsabili dell’invasione del 24 febbraio 2022 e critica le sanzioni alla Russia.

Alla riunione di Monaco, il Segretario di Stato americano Antony Blinken ha espresso scetticismo sulla posizione di Pechino prima della pubblicazione del piano. Ha affermato che la Cina ha fornito assistenza non letale a sostegno dello sforzo bellico del presidente russo Vladimir Putin e ha detto che gli Stati Uniti hanno informazioni che Pechino sta “considerando di fornire supporto letale”. La Cina ha definito l’accusa una “calunnia” e ha affermato che manca di prove.

COSA HA PROPOSTO LA CINA?

La proposta della Cina prevede un cessate il fuoco e colloqui di pace e la fine delle sanzioni contro la Russia.

La Cina ha attribuito la responsabilità delle sanzioni ad altri “Paesi rilevanti”, senza nominarli. Questi Paesi, si legge, “dovrebbero smettere di abusare delle sanzioni unilaterali” e “fare la loro parte nella de-escalation della crisi ucraina”.

Molti dei 12 punti erano molto generici e non contenevano proposte specifiche.

Senza menzionare né la Russia né l’Ucraina, si afferma che la sovranità di tutti i Paesi dovrebbe essere sostenuta. Non viene specificato cosa questo comporti per l’Ucraina e per le terre che le sono state sottratte da quando la Russia si è impadronita della Crimea nel 2014.

La proposta condanna anche la “mentalità da guerra fredda”, un termine che spesso si riferisce agli Stati Uniti e all’alleanza militare statunitense-europea NATO. “La sicurezza di una regione non dovrebbe essere raggiunta rafforzando o espandendo i blocchi militari”, si legge nella proposta.

Altri punti chiedono un cessate il fuoco, colloqui di pace, protezione per i prigionieri di guerra e la cessazione degli attacchi ai civili, senza approfondire, oltre a mantenere sicure le centrali nucleari e facilitare le esportazioni di grano.

“Il tono di base e il messaggio fondamentale della politica è piuttosto favorevole alla Russia”, ha dichiarato Li Mingjiang, professore di politica estera cinese e sicurezza internazionale presso la Nanyang Technological University di Singapore.

LA CINA APPOGGIA LA RUSSIA NELLA SUA GUERRA CONTRO L’UCRAINA?

La Cina ha rilasciato dichiarazioni contraddittorie sulla sua posizione. Afferma che la Russia è stata provocata ad agire dall’espansione della NATO verso est, ma ha anche rivendicato la propria neutralità sulla guerra.

Prima dell’attacco russo, Xi e Putin hanno partecipato all’apertura delle Olimpiadi invernali dello scorso anno a Pechino e hanno rilasciato una dichiarazione in cui affermavano che i loro governi avevano un’amicizia “senza limiti”. Da allora la Cina ha ignorato le critiche occidentali e ha riaffermato tale impegno.

Putin ha dichiarato di aspettarsi che Xi visiti la Russia nei prossimi mesi. La Cina deve ancora confermarlo.

La Cina sta “cercando di avere entrambe le cose”, ha detto Blinken domenica sulla NBC.

“In pubblico si presenta come un Paese che si batte per la pace in Ucraina, ma in privato, come ho detto, abbiamo già visto negli ultimi mesi la fornitura di assistenza non letale che va direttamente ad aiutare e favorire lo sforzo bellico della Russia”.

LA CINA HA FORNITO SOSTEGNO ALLA RUSSIA?

Il sostegno della Cina alla Russia è stato in gran parte retorico e politico. Pechino ha contribuito a impedire gli sforzi per condannare Mosca alle Nazioni Unite. Non ci sono prove pubbliche che la Cina stia attualmente fornendo armi alla Russia, ma gli Stati Uniti hanno affermato che la Cina sta già fornendo supporto non letale e potrebbe fare di più.

Blinken, alla conferenza di Monaco, ha dichiarato che gli Stati Uniti sono da tempo preoccupati che la Cina possa fornire armi alla Russia. “Abbiamo informazioni che ci fanno temere che stiano considerando di fornire supporto letale alla Russia”, ha detto.

Blinken ha detto di aver espresso all’inviato cinese all’incontro, Wang Yi, che “questo sarebbe un problema serio”.

Il capo della NATO ha detto mercoledì di aver visto alcuni segnali che indicano che la Cina potrebbe essere pronta a fornire armi e ha avvertito che ciò significherebbe sostenere una violazione del diritto internazionale.

Le forze russe e cinesi hanno tenuto esercitazioni congiunte dopo l’invasione, l’ultima delle quali con la marina sudafricana in una rotta di navigazione al largo della costa sudafricana.

Il ministro della Difesa ucraino Oleksii Reznikov ha espresso dubbi sulla volontà della Cina di inviare aiuti letali alla Russia.

“Penso che se la Cina li aiuterà non si tratterà di armi. Si tratterà di qualche tipo di abbigliamento”, ha dichiarato Reznikov lunedì a Kiev.