L’Iran invia armi di Hezbollah alla Russia e alle tribù arabe in Siria

2 Ottobre 2023
triangolo russia iran hezbollah

(Dal Jerusalem Post) – Uno straordinario articolo del quotidiano kuwaitiano Al-Jarida ha affermato che l’Iran sta cercando di creare un complesso accordo in Siria per trasferire armi da Hezbollah alle tribù arabe sostenute dal regime siriano e da queste inviare armi a Mosca.

Maariv ha descritto questo come un accordo a quattro vie che minaccia anche Israele e l’Ucraina. Il rapporto è preoccupante perché l’interazione tra Russia, Iran, Hezbollah e il regime siriano è sempre stata una relazione complessa in Siria. Qualsiasi movimento che avvantaggi Hezbollah o i proxy sostenuti dall’Iran è una minaccia.

Il rapporto indica che la mossa di Iran e Russia potrebbe vedere un flusso di armi andare da Hezbollah alle tribù arabe e da queste alla Russia e che nuove armi iraniane potrebbero essere dirette a Hezbollah.

Sebbene lo spostamento di armi da Hezbollah alle tribù o alla Russia appaia controintuitivo, dal momento che Hezbollah solitamente immagazzina armi, questo potrebbe aiutare Hezbollah, permettendogli di sbarazzarsi delle munizioni più vecchie e di prepararsi a ricevere le armi più recenti, guadagnando anche un po’ di gratitudine da Mosca. Questo può anche minacciare gli Stati Uniti in Siria, il che dà all’Iran quattro vantaggi: Aiutare la Russia, Hezbollah e minacciare gli Stati Uniti e Israele.

Per comprendere l’importanza di questo rapporto, vale la pena di capire il contesto. Storicamente, l’Iran ha trasferito armi a Hezbollah attraverso la Siria. Durante la guerra civile siriana, questa equazione è leggermente cambiata perché Hezbollah è intervenuto in Siria per aiutare il regime siriano. L’Iran voleva questo risultato e ha contribuito ad alimentarlo. L’Iran ha anche trasferito membri dell’IRGC in Siria e ha aiutato il regime a sostenere diverse tribù. L’obiettivo era il radicamento iraniano. Quando il regime ha sconfitto i ribelli siriani con l’aiuto di Hezbollah, questi ultimi ne hanno beneficiato e si sono insediati in aree della Siria, come nei pressi di Aleppo e del Golan. L’Iran ha ampliato il suo asse commerciale in Siria, spostando armi ad Albukamal, al confine con l’Iraq, per poi trasferirle alla base T-4, a Damasco e in Siria.

Nel 2017-2018 sono circolate voci secondo cui l’Iran avrebbe potuto ridurre le sue forze in Siria. Tuttavia, sebbene alcuni membri dell’IRGC siano partiti, i proxy dell’Iran sono rimasti. Quando la Russia ha invaso l’Ucraina, i media arabi hanno riportato la notizia che la Russia avrebbe potuto spostare le sue forze in Ucraina e che l’Iran avrebbe potuto trarre vantaggio in Siria, riempiendo il vuoto russo.

Il rapporto di Al-Jarida, che ha riferito in passato sugli sviluppi nella regione, è intitolato “L’Iran apre i magazzini di Hezbollah alle tribù della Siria orientale e a Mosca“.

Il rapporto afferma che la Forza Quds dell’IRGC ha dato notizia di un accordo tra Russia e Iran in cui Hezbollah “consegnerà gran parte delle sue vecchie armi alle tribù arabe in Siria e in cambio riceverà armi iraniane di nuova generazione. Mosca otterrà una parte delle armi e delle munizioni per rifornire la sua costosa guerra in Ucraina”.

Il leader della Forza Quds Ismail Qaani, che ha sostituito Qasem Soleimani quando quest’ultimo è stato ucciso dagli Stati Uniti nel 2020, è stato recentemente in Siria e in Libano. La “fonte” ha detto ad Al-Jarida di essere stata con Qaani durante il suo recente viaggio e che ha accettato di contribuire a fornire nuove armi iraniane a Hezbollah in Libano attraverso la Siria, “in cambio della consegna di gran parte delle sue vecchie armi e munizioni per armare le tribù arabe che combattono per il Paese”. Le tribù sono utilizzate dal regime siriano per minacciare le Forze Democratiche Siriane sostenute dagli Stati Uniti nella Siria orientale e per estendere l’influenza del regime.

Il rapporto rileva quindi che il problema è anche quello di minacciare l’SDF e, di conseguenza, gli Stati Uniti in Siria. “La fonte ha spiegato che la Russia, che ora ha bisogno di grandi quantità di armi che diano alle sue forze una potenza di fuoco, indipendentemente dal tipo, da usare nella guerra ucraina, otterrà una quantità di queste munizioni e armi che Hezbollah ha accumulato nei suoi magazzini dalla guerra del 2006 con Israele”. La fonte ha anche affermato che l’accordo potrebbe sostenere gli sforzi di Mosca per raggiungere un accordo tra Turchia e Siria. La Turchia occupa il nord della Siria. La Turchia ha sostenuto i ribelli siriani. Negli ultimi anni ha usato i ribelli per combattere le SDF.

Ankara sostiene che le SDF sono “terroristi”. La Turchia ha discusso sempre più spesso con la Russia, il regime siriano e l’Iran sulla normalizzazione tra la Turchia e il regime siriano. Tuttavia, la Turchia esita. Ankara vuole che il regime siriano “rimuova le fazioni curde dal confine turco oltre una fascia di confine di 45 chilometri all’interno del territorio siriano”, si legge nel rapporto. In realtà il regime siriano ha già preso questo impegno nell’ambito dell’accordo di Adana tra Siria e Turchia del 1998.

“Ankara, Teheran e Mosca vogliono evitare un confronto diretto con Washington, ognuno per le proprie ragioni, e quindi tutti ritengono che la soluzione migliore sia quella di spostare le tribù arabe per svolgere il compito di rimuovere l’SDF”, si legge nel rapporto. Ciò indica che le recenti rivolte delle tribù nelle aree vicine all’Eufrate, che hanno sfidato l’SDF, sono in realtà parte di un più ampio sforzo da parte di Iran, Turchia e Russia per creare problemi. Le tribù hanno bisogno di armi. Per lo più trasportano AK-47 e armi di piccolo calibro.

“Il segretario generale di Hezbollah, Hassan Nasrallah, aveva informato Qaani durante il loro incontro in Libano che il confronto con Israele era entrato in una nuova fase [incentrata] sul conflitto per le fonti energetiche nel Mediterraneo orientale, e quindi il partito [Hezbollah] aveva bisogno di armi qualitative che potessero creare un equilibrio di deterrenza con Israele. Ha aggiunto che il funzionario iraniano si è impegnato a raggiungere un accordo con Mosca per consentire il passaggio di queste armi senza esporle al rischio di essere esposte all’aviazione israeliana”.

Magazzini di armi

Riassumiamo cosa dice il rapporto. In primo luogo, che Hezbollah aprirebbe i suoi magazzini di armi, che ha accumulato negli ultimi due decenni, e permetterebbe a queste armi di trasferirsi alle tribù arabe in Siria. Si tratta di una distanza relativamente breve. Alcuni di questi razzi, fucili, RPG, mine ed esplosivi sono vecchi e decadenti e sarebbe vantaggioso per Hezbollah liberarsene. Si stima che Hezbollah abbia circa 150.000 razzi e una massa di armi acquisite illegalmente nel corso dei decenni, la maggior parte delle quali provenienti dall’Iran.

In secondo luogo, anche la Russia trarrebbe vantaggio dall’acquisizione di alcune armi, apparentemente perché vuole avere accesso a munizioni, granate e razzi a basso costo. Non è chiaro come Mosca trasferirebbe le armi.

In terzo luogo, come parte dell’accordo, Russia, Turchia, Iran e il regime siriano sosterranno le tribù arabe contro l’SDF sostenuto dagli Stati Uniti.

Quarto, Hezbollah riceverà nuove spedizioni dall’Iran per riempire i suoi magazzini di armi più avanzate, in modo da poter minacciare Israele e aumentare le sue capacità “qualitative”.

Potenzialmente questo accordo, se si realizzasse o fosse anche solo vagamente basato sulla realtà, avvantaggerebbe Hezbollah facendo sì che Mosca si affidi all’asse Iran-Hezbollah in Siria. In passato, rapporti esteri suggerivano che Mosca e l’Iran non erano sempre sulla stessa lunghezza d’onda in Siria e che la Russia avrebbe potuto ridurre il ruolo dell’Iran in Siria come parte della sua strategia generale. Ora la situazione potrebbe essere ribaltata.

Lunedì i media di Al-Mayadeen hanno pubblicato un altro rapporto che riportava le dichiarazioni del viceministro degli Esteri siriano Bassam Al-Sabbagh, secondo il quale “il processo di transizione verso un mondo multipolare è iniziato ed è irreversibile, ma è difficile prevedere quando avverrà”. Ha rilasciato queste dichiarazioni in un’intervista a Sputnik. “La cosa positiva è che il processo di transizione verso un mondo multipolare è già iniziato”, ha detto, aggiungendo: “Sono sicuro che di questa questione ma ci vorrà del tempo”. Ciò indica che anche il regime siriano sta commentando quello che vede come un importante spostamento in Siria dell’equilibrio di potere a favore di Iran-Russia e contro gli interessi degli Stati Uniti.

SOSTIENICI USANDO STRIPE

Sostienici usando PAYPAL

Sostieni Rights Reporter con una piccola donazione

Newsletter

Fai come migliaia di nostri lettori, iscriviti alla nostra newsletter per rimanere sempre aggiornato senza però essere disturbato. Puoi cancellarti quando vuoi
elezioni in Slovacchia 2023, vince Rober Fico ammiratore di Putin
Previous Story

Putin conquista la Slovacchia senza nemmeno invaderla. Inquietudine in occidente

disinformazione russa arma di putin
Next Story

È la disinformazione l’arma più potente in mano a Putin

Latest from Medio Oriente

Go toTop