Africa

Nigeria: bruciate quattro chiese e uccisi 33 cristiani da pastori musulmani

Continuano a classificare questa vera e propria persecuzione contro i cristiani come una semplice diatriba tra tribù

Lug 17, 2021

Nigeria: bruciate quattro chiese e uccisi 33 cristiani da pastori musulmani

Articolo di Fredrick Nzwili – Appena una settimana dopo il rapimento di quasi 140 studenti in un collegio battista nello stato nordoccidentale di Kaduna, in Nigeria, un nuovo attacco terroristico nella regione ha provocato la morte di almeno 33 persone mentre quattro chiese e centinaia di abitazioni sono state date alle fiamme.

Artefici di questo ennesimo massacro di cristiani sono stati ancora una volta i pastori Fulani, allevatori nomadi musulmani i cui mezzi di sussistenza sono stati minacciati negli ultimi anni dalla siccità che li avrebbe spinti a depredare, rapire e massacrare i cristiani della regione di Kaduma.

Dal 2016, 108 comunità agricole nel sud di Kaduna sono state sfollate a causa di attacchi dei pastori Fulani che così si appropriano di terre non loro.

Nell’ultimo attacco, secondo fonti locali, gli assalitori hanno posto d’assedio la zona per sei giorni, assaltando case e saccheggiando generi alimentari e oggetti di valore prima di incendiare case, insieme a chiese cattoliche, anglicane e cristiane evangeliche.

In tutto questo periodo l’esercito nigeriano ha semplicemente fatto finta di nulla lasciando che i predoni musulmani facessero quello che volevano, ha raccontato il reverendo John Joseph Hayab, presidente della sezione di Kaduna dell’Associazione cristiana della Nigeria.

«Sono arrabbiato. Sono preoccupato. Qualcuno dorme sul lavoro mentre migliaia di persone innocenti vengono massacrate» ha detto il reverendo John Joseph Hayab. «La cosa più preoccupante è che coloro che stanno compiendo gli attentati non vengono arrestati» ha poi aggiunto.

Dei 6,1 milioni di abitanti di Kaduna, circa il 60% sono pastori musulmani Hausa-Fulani, che vivono principalmente nel nord dello stato. Il restante 40%, sono prevalentemente agricoltori cristiani.

Nel 2000, le autorità statali hanno introdotto la legge della sharia, alimentando le tensioni tra i due gruppi.

L’introduzione della legge islamica contraddiceva la costituzione nazionale del paese varata nel 1999, che dichiarava la Nigeria uno stato laico, ma nessuno è intervenuto per correggere la prepotenza islamista.

I cristiani accusano i pastori musulmani di aver incendiato i terreni agricoli, mentre i pastori accusano i contadini cristiani di aver ucciso il loro bestiame.

Con l’intensificarsi della violenza tra i gruppi, i leader cristiani si sono lamentati del fatto che i fedeli stavano sopportando il peso maggiore della dislocazione dei pastori, poiché le chiese vengono bruciate e cristiani uccisi o rapiti per ottenere un riscatto.

Essi rifiutano le conclusioni degli esperti secondo cui il conflitto riguarda questioni tribali sull’uso della terra. Sostengono invece che i pastori musulmani stanno prendendo di mira i cristiani per la loro fede.

«Questa è persecuzione religiosa. Dobbiamo chiamarla così. Ho 1.000 ragioni per crederlo», ha detto il reverendo Hayab.

Il 5 luglio i terroristi islamici hanno rapito gli studenti della Bethel Baptist Church High School, alla periferia della capitale dello stato, dopo aver sopraffatto gli agenti di sicurezza. Decine di studenti sono fuggiti, ma 125 sono ancora nelle loro mani.

«Questi sono bambini nigeriani innocenti che hanno lasciato i loro genitori alla ricerca di un’istruzione e di un domani migliore», ha affermato in una nota il reverendo Samson Ayokunle, presidente dell’Associazione cristiana della Nigeria.

Prima di questo ultimo rapimento, almeno 950 bambini erano stati rapiti dalla loro scuola da uomini armati a partire da dicembre e nessuno sembra voler fare niente per impedirlo.

Solo nelle sei settimane a partire dalla fine di maggio, più di 500 bambini sono stati rapiti in attacchi separati nelle parti centrali e nord-ovest della Nigeria. I bambini non sono mai stati trovati.

«Gli stiamo dicendo: abbiamo ascoltato i tuoi numerosi discorsi, ma ora vogliamo l’azione. Evoca il tuo potere di capo di stato e comandante in capo e arresta questi criminali. Sappiamo che possono essere sconfitti», ha detto il reverendo John Joseph Hayab.