L’ONU adotta una risoluzione a sostegno dello Stato palestinese

Più che altro è un voto simbolico ma rimarca ancora una volta da un lato l'isolamento di Israele, dall'altro la ferrea volontà da parte degli Stati Uniti di difendere lo Stato Ebraico
10 Maggio 2024
voto onu per la palestina

Venerdì l’Assemblea Generale delle Nazioni Unite ha adottato a larga maggioranza una risoluzione che dichiara che i palestinesi hanno i requisiti per ottenere lo status di membro a pieno titolo delle Nazioni Unite, una mossa altamente simbolica che riflette la crescente solidarietà globale con i palestinesi e rappresenta un rimprovero a Israele e agli Stati Uniti.

La risoluzione è stata approvata con un voto di 143 a 9 e 25 nazioni si sono astenute. L’Assemblea è scoppiata in un grande applauso dopo il voto. Gli Stati Uniti hanno votato no.

La risoluzione è stata preparata dagli Emirati Arabi Uniti, attuale presidente del Gruppo arabo dell’ONU. L’Assemblea generale, composta da 193 membri, ha affrontato la questione dell’adesione della Palestina dopo che gli Stati Uniti, ad aprile, hanno posto il veto su una risoluzione del Consiglio di sicurezza che riconosceva la piena adesione di uno Stato palestinese. La maggioranza dei membri del Consiglio ha appoggiato la mossa, ma gli Stati Uniti hanno affermato che il riconoscimento dello Stato palestinese dovrebbe essere ottenuto attraverso negoziati tra israeliani e palestinesi.

La rabbia e la frustrazione nei confronti degli Stati Uniti si è diffusa per mesi tra molti alti funzionari e diplomatici delle Nazioni Unite, anche da parte di alleati come la Francia, per aver ripetutamente bloccato le risoluzioni per il cessate il fuoco in seno al Consiglio di Sicurezza e per aver sostenuto con fermezza la guerra di Israele contro Hamas a Gaza, anche quando le sofferenze umanitarie sono aumentate.

“Gli Stati Uniti sono rassegnati ad avere un’altra giornata negativa alle Nazioni Unite”, ha dichiarato Richard Gowan, esperto delle Nazioni Unite per l’International Crisis Group, un’organizzazione per la prevenzione dei conflitti. Ma ha aggiunto che la risoluzione “dà una spinta ai palestinesi senza creare una rottura sul fatto che siano o meno membri delle Nazioni Unite”.

La Carta delle Nazioni Unite stabilisce che l’Assemblea Generale può concedere la piena adesione a uno Stato nazionale solo dopo l’approvazione del Consiglio di Sicurezza. Esempi di questo tipo sono la creazione degli Stati di Israele e del Sud Sudan. La risoluzione adottata venerdì afferma esplicitamente che la questione palestinese è un’eccezione e non costituirà un precedente, un linguaggio che è stato aggiunto durante i negoziati sul testo quando alcuni Paesi hanno espresso la preoccupazione che Taiwan e il Kosovo potessero seguire un percorso simile per perseguire la statualità.

Riyad Mansour, ambasciatore palestinese presso le Nazioni Unite, ha dichiarato all’Assemblea prima del voto che il diritto dei palestinesi alla piena adesione all’ONU e alla statualità “non sono oggetto di negoziati, sono i nostri diritti intrinseci di palestinesi”. Ha aggiunto che un voto contro la statualità palestinese è un voto contro la soluzione dei due Stati.

Tuttavia, la risoluzione offre nuovi vantaggi diplomatici ai palestinesi. I palestinesi possono ora sedere tra gli Stati membri in ordine alfabetico; possono parlare alle riunioni dell’Assemblea Generale su qualsiasi argomento, anziché limitarsi agli affari palestinesi; possono presentare proposte ed emendamenti; e possono partecipare alle conferenze dell’ONU e agli incontri internazionali organizzati dall’Assemblea e da altri enti delle Nazioni Unite.

L’ambasciatore di Israele presso le Nazioni Unite Gilad Erdan, un critico acuto delle Nazioni Unite, ha detto che votare per uno Stato palestinese significherebbe invitare “uno Stato di terrore” in mezzo a noi e premiare i “terroristi” che hanno ucciso civili ebrei con privilegi e ha definito gli Stati membri che la appoggiano “odiatori di ebrei”.

La risoluzione afferma che “stabilisce che lo Stato di Palestina è qualificato per l’adesione alle Nazioni Unite”, secondo le regole della Carta e raccomanda che il Consiglio di Sicurezza riconsideri la questione con un esito favorevole.

Nate Evans, portavoce della missione statunitense presso le Nazioni Unite, ha dichiarato che se l’Assemblea rinviasse la questione al Consiglio, il veto avrebbe di nuovo lo stesso esito, con gli Stati Uniti che bloccherebbero la mossa.

I palestinesi sono attualmente riconosciuti dall’ONU come Stato osservatore non membro, uno status concesso loro nel 2012 dall’Assemblea Generale. Non hanno il diritto di votare le risoluzioni dell’Assemblea Generale o di nominare candidati per le agenzie delle Nazioni Unite.

La sessione dell’Assemblea non è stata priva di momenti di dramma performativo.

Il signor Gilad. Gilad, ambasciatore di Israele, ha mostrato la foto del leader militare di Hamas Yahya Sinwar, considerato l’architetto degli attacchi del 7 ottobre contro Israele, con la parola “Presidente”, e poi un tritatutto trasparente, inserendovi un pezzo di carta, e ha detto che gli Stati membri stavano “distruggendo la Carta delle Nazioni Unite”.

Gabor H. Friedman

Consulente per i progetti di sviluppo per diverse organizzazioni internazionali. Vive negli Stati Uniti

SOSTIENICI USANDO STRIPE

obiettivi di Hamas e di Sinwar
Previous Story

Quali sono gli obiettivi di Hamas, ora e nel dopoguerra

Stato Palestinese o hamastan
Next Story

Stato Palestinese all’ONU? Macché, è iniziato il riciclaggio di Hamas

Latest from Report e analisi

Go toTop