Per quanto tempo Israele può rimandare una vasta operazione a Jenin?

20 Giugno 2023

Di Yonah Jeremy Bob – Lunedì le operazioni dell’IDF e delle altre forze di sicurezza a Jenin, nel nord della Cisgiordania, sono sfuggite di mano.

L’IDF sarà finalmente coinvolto in una più ampia operazione di pulizia a Jenin?

Le operazioni sono sfuggite di mano sia perché decine di palestinesi sono stati feriti e cinque uccisi per arrestare due sospetti terroristi – un risultato che pochi definirebbero un successo.

L’operazione è sfuggita di mano perché l’IDF ha subito sette feriti, perché un veicolo blindato è stato gravemente danneggiato e perché circa sette veicoli sono rimasti bloccati per diverse ore.

L’operazione è sfuggita di mano anche perché l’IDF ha dovuto utilizzare un elicottero per sparare i missili, anche se il missile è stato sparato in un’area aperta.

Questa non è la prima operazione andata male a Jenin.


Dal 2022, molti incidenti hanno causato danni ai soldati dell’IDF
Dal 2022 e da gennaio di quest’anno, molti incidenti hanno causato danni a soldati dell’IDF e a un gran numero di palestinesi che non sembravano valere l’obiettivo limitato dell’operazione originale.

I sospetti terroristi erano ricercati, ma non erano alti funzionari come i sei ufficiali della Jihad islamica a Gaza, per i quali l’assassinio di loro e anche di alcuni civili vicini potrebbe essere più chiaramente giustificato e avere senso.

Tutto ciò suggerisce che l’IDF non solo ha perso il controllo su Jenin, ma ha perso la capacità di entrare e uscire da Jenin in modo affidabile con la supremazia di controllo che ha caratterizzato la Cisgiordania fino ad oggi rispetto a Gaza.

Nel rispondere alle critiche, alti funzionari dell’IDF hanno citato il crescente numero di casi in cui centinaia di forze dell’IDF e di sicurezza si sono recate in aree della Cisgiordania per arrestare qualcuno o demolire una casa.

Con un tale livello di forze, e aggiungendo l’azione dell’elicottero di lunedì, diventa sempre più difficile capire cosa ci sia di diverso tra le operazioni in corso dell’IDF e un’operazione di grandi dimensioni – a parte forse il fatto che l’IDF è in fase di negazione.

Se ci fosse stato qualche segno che l’IDF fosse vicina a ridurre l’insurrezione o le ondate di terrore dalla Cisgiordania che risalgono al marzo 2022, senza più o meno forza, avrebbe avuto senso.

Ma la strategia attuale sembra essere: non abbiamo idea di come porre fine alle ondate di terrore, ma abbiamo anche paura di fare un’operazione più grande o di chiamarla tale.

In parte ciò potrebbe essere dovuto al fatto che gli alti funzionari della difesa temono che un’operazione più grande, etichettata come tale e per un periodo più lungo, possa mettere fine all’Autorità Palestinese.

Secondo loro, sarebbe molto peggio di come stanno le cose ora.

Almeno ora, a volte c’è un coordinamento tra l’Autorità palestinese e le forze israeliane contro Hamas.

Almeno ora, Hamas non può prendere il controllo della Cisgiordania perché l’Autorità palestinese, per quanto debole, ha ancora più potere in Cisgiordania.

Queste argomentazioni hanno senso
Ma dato che l’Autorità palestinese continua a tremare fino alle fondamenta e che l’insurrezione di Jenin e di altre città palestinesi diventa sempre più sofisticata, tanto da colpire i veicoli blindati e da richiedere l’intervento di elicotteri d’attacco, se non si usa una nuova strategia, non è forse più probabile che il crollo della Cisgiordania nel caos si verifichi comunque?

È possibile che l’IDF sia in corsa per trovare una strategia migliore prima che un’operazione più ampia diventi inevitabile o prima che sia troppo tardi per prevenire un più ampio collasso della Cisgiordania nel caos.

SOSTIENICI USANDO STRIPE

Sostienici usando PAYPAL

Sostieni Rights Reporter con una piccola donazione

Newsletter

Fai come migliaia di nostri lettori, iscriviti alla nostra newsletter per rimanere sempre aggiornato senza però essere disturbato. Puoi cancellarti quando vuoi
Previous Story

Spie italiane e del Mossad sul Lago Maggiore. Cosa è successo veramente?

Next Story

Israele non ha bisogno di operazioni di vasta portata in Cisgiordania, ma di una migliore intelligence

Latest from Medio Oriente

Go toTop