Rivolte in Iran: dov’è l’occidente?

15 Dicembre 2022

Il regime dei mullah ha annunciato lunedì di aver impiccato in pubblico un giovane manifestante nella città di Mashhad, nel nord-est dell’Iran.

Majidreza Rahnavard è stato giustiziato meno di tre settimane dopo il suo arresto per aver partecipato alle proteste anti-regime. È stato impiccato a una gru, sollevato lentamente in aria e lasciato scalciare e dimenarsi mentre moriva lentamente per asfissia.

Gli è stato negato l’accesso alla rappresentanza legale durante il processo ed è stato gravemente torturato in prigione, riportando la frattura di un braccio e altre lesioni.

Temendo che i segni delle torture sul suo corpo venissero scoperti, i mullah hanno ordinato di seppellire il corpo di Majidreza in segreto, senza informare la sua famiglia.

La brutalità medievale dell’esecuzione pubblica di Rahnavard arriva a pochi giorni dall’impiccagione di Mohsen Shekari, uno studente di 23 anni arrestato durante le proteste in corso, torturato per fargli fare una confessione e poi condannato a morte per il reato simulato dai mullah di “guerra contro Dio”.

Il fatto che il regime clericale ricorra alla tortura e alle esecuzioni nel tentativo di sedare l’escalation della rivoluzione testimonia il panico crescente e la disperazione di aggrapparsi al potere.

Sono disposti a sfidare tutte le norme legali e tutti i diritti umani fondamentali, usando feroci misure di ritorsione contro il loro stesso popolo. Il mondo civile deve chiederne conto.

Più di 700 uomini e donne, per lo più giovani, sono stati uccisi finora dal regime, che ha adottato una politica di sparare per uccidere o mutilare al fine di fermare le proteste. Oltre 30.000 persone sono state arrestate e molte altre condanne a morte saranno eseguite se non interverranno le nazioni civili del mondo.

L’esecuzione dei due giovani manifestanti riecheggia chiaramente il massacro del 1988 di oltre 30.000 prigionieri politici in Iran, per lo più giovani uomini e donne sostenitori del principale movimento di opposizione. Furono giustiziati su ordine della psicotica ex Guida Suprema Ayatollah Ruhollah Khomeini.

L’attuale presidente iraniano, Ebrahim Raisi, è noto come “il macellaio di Teheran” per il suo ruolo centrale come uno dei membri chiave di una “Commissione di morte” che ordinò le esecuzioni durante quel famigerato massacro.

Ed è stato proprio l’ordine di Raisi di reprimere le donne che non si attenevano a codici di abbigliamento rigidi e misogini a portare alla morte in carcere, a settembre, di Mahsa Amini, la giovane curda uccisa dalla cosiddetta polizia morale per non aver indossato correttamente l’hijab.

La morte di Mahsa Amini ha scatenato la rivolta nazionale che è entrata nel quarto mese consecutivo e si sta rapidamente evolvendo in una rivoluzione su larga scala.

L’attuale Guida Suprema, l’anziano e delirante Ali Khamenei, ha ripetutamente incolpato “poteri esterni” di aver istigato e coordinato l’insurrezione ed è chiaramente determinato, come il suo predecessore, a usare l’esecuzione pubblica dei prigionieri politici come macabro avvertimento agli 85 milioni di iraniani incattiviti che le loro proteste saranno accolte con morte certa.

Si tratta di un grave errore di calcolo. Per ogni morte di un manifestante, l’opinione pubblica si infuria di più. Le folle intonano slogan come: “Morte a Khamenei”, “Morte al dittatore”, “Khamenei sanguinario, ti seppelliremo” e “Khamenei è un assassino, il suo governo è nullo”.

Man mano che i manifestanti, per lo più giovani, sono scesi in piazza in oltre 280 città dell’Iran, i canti sono diventati più radicali, chiedendo il completo rovesciamento del regime.

Stufi di quattro decenni di repressione, culminati in un’inflazione vertiginosa, in un aumento della disoccupazione, in una corruzione sistematica, in discriminazioni e in abusi dei diritti umani, i cittadini iraniani hanno detto basta.

La partecipazione attiva di curdi, balochi, turchi e altre minoranze nazionali iraniane è un aspetto importante dell’insurrezione. Hanno cantato “Dal Kurdistan a Teheran, sacrificherò la mia vita per l’Iran”, “Da Zahedan a Teheran, sacrificherò la mia vita per l’Iran” e “Sciiti e sunniti sono fratelli che odiano a morte il leader”.

Gli studenti, tra cui migliaia di giovani donne di quasi tutte le università iraniane, si sono uniti all’insurrezione nazionale. Le principali università sono in sciopero o, nonostante le misure repressive delle forze di sicurezza, organizzano manifestazioni regolari.

A loro si sono uniti in solidarietà gli alunni delle scuole elementari e superiori, i proprietari di negozi, i commercianti dei bazar, gli operai e altri commercianti. Gli autisti di camion hanno intrapreso azioni sindacali in tutto il Paese, paralizzando la già disastrata economia. Il regime dei mullah è al suo punto più debole e la sua caduta è imminente.

Il Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite, gli Stati Uniti e l’Unione Europea devono intervenire immediatamente per impedire ulteriori atti di barbarie da parte del regime fascista e teocratico. La retorica non è sufficiente.

È ora compito della comunità internazionale esprimere il proprio sdegno e cercare di impedire altri crimini contro l’umanità. Non devono nascondersi dietro un muro di silenzio.

È necessaria un’azione severa. Le ambasciate iraniane dovrebbero essere chiuse e i loro diplomatici espulsi. Il Ministero dell’Intelligence e della Sicurezza e il Corpo delle Guardie Rivoluzionarie Islamiche devono essere inseriti nelle liste nere dei terroristi. La Guida Suprema, sempre più fanatica e feroce, e le sue coorti devono essere chiamate a rispondere di crimini contro l’umanità e sottoposte a processo nei tribunali internazionali.

Soprattutto, l’Occidente deve alzarsi in piedi e farsi valere. La depravazione di Teheran non può più essere tollerata. L’Occidente deve mostrare il proprio sostegno al popolo iraniano.

Seguici su…

massacro del 7 ottobre sito web

I più condivisi di recente

Previous Story

Francesca Albanese, una anti-israeliana con una storia social da brividi

Next Story

Sotto gli attacchi dei droni iraniani gli ebrei Ucraini chiedono aiuto a Israele

Latest from Medio Oriente

Go toTop