Scienziati britannici aiutano l’Iran sulla tecnologia dei droni

16 Giugno 2023
droni iraniani in ucraina
Una macchina per uccidere: Esperti di armi ucraini studiano un drone abbattuto

Scienziati di università britanniche stanno aiutando l’Iran a sviluppare una “rivoluzionaria” tecnologia di sciamatura dei droni che potrebbe permettere di manovrare simultaneamente centinaia di veicoli aerei senza equipaggio utilizzando i laser, secondo quanto rivelato da The Jewish Chronicle.

Gli esperti militari ritengono che il sistema di comando e controllo potrebbe consentire al Corpo delle Guardie Rivoluzionarie Islamiche (IRGC) dell’Iran – che gestisce il programma militare di droni – di lanciare attacchi suicidi a sciame su Israele o sugli alleati occidentali, collegando droni, aerei, navi, missili e boe sottomarine.

I dettagli del lavoro sulle futuristiche reti di comunicazione aerea sono l’ultima ricerca portata alla luce da un’indagine del JC su come l’Iran stia sfruttando i legami con gli scienziati britannici per aggirare le sanzioni sulla tecnologia con potenziali usi militari.

La scorsa settimana è stato rivelato che almeno 11 università britanniche stavano collaborando con ingegneri iraniani per ricerche con potenziali applicazioni militari, tra cui lo sviluppo di motori per droni più veloci e ad alta quota, jet da combattimento aggiornati e blindature per il campo di battaglia.

Alti parlamentari e deputati hanno espresso profonda preoccupazione per i risultati e un portavoce del governo ha dichiarato che la Gran Bretagna “non accetterà collaborazioni che compromettano la nostra sicurezza nazionale”.

Ora tre progetti di ricerca avanzata recentemente identificati mostrano altri specialisti britannici – questa volta con sede nelle università di Glasgow, Edimburgo e al King’s College di Londra – che lavorano con scienziati iraniani su una tecnologia simile “a doppio uso”.

Gli esperti militari hanno descritto il lavoro, che potrebbe consentire il controllo di enormi flotte di UAV, come “altamente pericoloso”.

I documenti accademici sotto i riflettori – che non menzionano apertamente l’uso militare o sul campo di battaglia – hanno ciascuno esaminato la possibilità di collegare numerosi droni utilizzando i laser per creare una sofisticata piattaforma di comunicazione mobile aviotrasportata.

La rete potrebbe consentire a centinaia di droni di “parlare” tra loro e con i controllori a terra alla velocità della luce.

L’apparecchiatura potrebbe avere usi civili, tra cui, come si legge in un documento, la fornitura di “larghezza di banda internet a zone colpite da disastri, la copertura di reti di aree suburbane, il monitoraggio del traffico e le operazioni di soccorso”.

Ma gli esperti hanno ben pochi dubbi sul fatto che la ricerca – sviluppata insieme agli scienziati dell’Università Shahid Beheshti di Teheran, sottoposta a sanzioni per il suo ruolo nel programma nucleare iraniano – avesse anche applicazioni militari di vasta portata.

Farzin Nadimi, esperto del settore militare iraniano e senior fellow del Washington Institute, ha dichiarato: “Inizialmente [l’Iran ha sviluppato] droni per la ricognizione, poi ha iniziato gradualmente a lavorare sui droni suicidi. Fin dalle prime fasi, le università sono state coinvolte”.

“L’Università Shahid Beheshti è nota per la ricerca sui droni. Hanno una facoltà molto forte. Sviluppano giovani laureati in ingegneria che poi entrano a far parte del Ministero della Difesa o dell’IRGC”.

Esaminando uno dei documenti, ha detto: “Le comunicazioni ottiche nello spazio libero hanno applicazioni militari, ad esempio negli sciami di droni. Sono resistenti alle interferenze”.

Il dottor Yehoshua Kalisky, specialista in tecnologia laser presso l’Istituto per gli Studi sulla Sicurezza Nazionale (INSS) di Tel Aviv, ha affermato che la ricerca che coinvolge l’Iran e le università britanniche ha un “chiaro valore militare”.

Ha dichiarato: “Questi documenti sono estremamente importanti. Riflettono il duplice uso dei veicoli aerei senza pilota ed è chiaro che gli iraniani potrebbero sfruttare questa ricerca per scopi militari.

Ogni documento è importante di per sé. Ma nel loro insieme suggeriscono un nuovo paradigma per le comunicazioni wireless che potrebbe essere utilizzato sul campo di battaglia, consentendo un controllo estremamente preciso su una flotta di droni.

“Potrebbe essere una svolta, utilizzata per mantenere il comando e il controllo non solo su una flotta di droni, ma anche sulle forze di terra”.

E ha aggiunto: “Si può cercare di difendere queste collaborazioni adducendo la libertà accademica, ma a mio avviso rappresentano una minaccia reale, a causa del duplice uso di queste tecnologie, e dobbiamo stare molto attenti. Gli iraniani hanno già un’enorme capacità tecnica”.

Il dottor Kalisky ha detto che un sistema di controllo di questo tipo potrebbe essere usato per coordinare “decine o addirittura centinaia” di droni in attacchi simultanei contro Israele o i suoi alleati occidentali. “Immaginate quanto sarebbe pericoloso”, ha detto.

Ha affermato che i droni iraniani sono già stati utilizzati in piccoli attacchi coordinati nello Yemen, dove i ribelli Houthi sostenuti dall’Iran hanno attaccato impianti di produzione petrolifera e una nave ormeggiata in un terminal petrolifero nel porto di Al-Dabah.

Un altro esperto, Tal Inbar, della Missile Defence Advocacy Alliance con sede a Washington, ha concordato che i risultati dei documenti si prestano ad applicazioni militari. Ha affermato che: “Nel trattare con l’Iran, non si può concepire la ricerca come un puro progetto accademico, a causa del regime. Dobbiamo essere molto più attenti”.

Ha aggiunto che la collaborazione con gli scienziati britannici potrebbe essere vantaggiosa anche per l’Iran, perché le strutture di laboratorio delle università britanniche d’élite “potrebbero essere superiori a quelle iraniane”.

I regolamenti sulle sanzioni del Regno Unito vietano specificamente il lavoro sulla tecnologia dei droni. Si legge che “l’esportazione o il trasferimento per via elettronica” di tecnologia utilizzata per lo sviluppo di UAV “è vietata verso qualsiasi destinazione in Iran”.

Il divieto riguarda anche le “apparecchiature avioniche e di navigazione” dei droni. La violazione di queste norme è un reato penale e può essere punita con una pena fino a sette anni di carcere.

All’inizio della settimana, il ministro degli Esteri James Cleverly ha dichiarato alla Camera dei Comuni che il governo stava indagando sui rapporti del JC dopo essere stato interrogato sulla questione dal deputato conservatore Bob Blackman.

Cleverly ha confermato che il governo sta “esaminando” il coinvolgimento delle università britanniche, aggiungendo che il Regno Unito “continuerà a rimanere fermo sul nostro impegno che l’Iran non può diventare uno Stato dotato di armi nucleari”.

Blackman ha dichiarato al JC che questo “rafforza ulteriormente le ragioni” per la proscrizione dell’IRGC e ha chiesto un “divieto totale” delle collaborazioni accademiche britannico-iraniane legate alla tecnologia.

“Qualsiasi collaborazione con l’Iran è una minaccia sia per i nostri interessi in Medio Oriente sia, francamente, per la pace nel mondo, perché il regime è una minaccia ovunque si manifesti. Non dovremmo collaborare con l’Iran, punto e basta”, ha dichiarato.

Mercoledì, una delegazione guidata dal Jewish Leadership Council ha incontrato il Ministro degli Esteri per esporre le conclusioni del JC. Cleverly ha detto che stava prendendo la questione “estremamente seriamente” e che stava valutando se le sanzioni fossero state violate. Ma non ha lasciato intendere che la messa al bando dell’IRGC sia imminente.

Il presidente del JLC Keith Black ha dichiarato: “Vorremmo ringraziare il Ministro degli Esteri per aver trovato il tempo di incontrarci e per averci mostrato il suo continuo sostegno. È fondamentale che la nostra politica estera venga utilizzata per combattere l’antisemitismo in tutto il mondo”.

Il deputato Stephen Crabb ha dichiarato: “La profondità e l’ampiezza del sostegno che le università britanniche sembrano aver dato a un regime ostile è davvero notevole. Questa ricerca non solo è una chiara violazione delle sanzioni esistenti, ma può contribuire direttamente ai crimini di guerra dell’Iran. Il governo deve essere rapido nel porre fine a questa situazione farsesca”.

Un portavoce dell’Università di Edimburgo ha dichiarato: “Siamo molto attenti alle questioni di sicurezza nazionale e rispettiamo tutte le linee guida del governo britannico.

“La collaborazione in questione si è limitata a commenti scritti su un singolo documento. Questo studio di modellazione si è basato su informazioni di dominio pubblico e nessun dato è stato condiviso dai ricercatori dell’Università di Edimburgo”.

Un portavoce dell’Università di Glasgow ha dichiarato: “La ricerca dell’università esplora i confini della conoscenza e della comprensione umana per portare a scoperte che cambiano il mondo. I team di ricerca lavorano in collaborazione con accademici, istituzioni e organizzazioni di un ampio spettro.

“Tutte le ricerche condotte all’Università di Glasgow sono sostenute da politiche e da un Codice di buone pratiche che assicurano che siano condotte secondo i più alti standard di rigore accademico”.

Un portavoce del King’s College di Londra ha dichiarato: “Il King’s ha in atto solide politiche e processi di valutazione del rischio, che includono un’adeguata revisione, considerazione e controllo, insieme ai requisiti di sicurezza nazionali e internazionali applicabili e alle linee guida normative pertinenti”.

SOSTIENICI USANDO STRIPE

Sostienici usando PAYPAL

Sostieni Rights Reporter con una piccola donazione

Newsletter

Fai come migliaia di nostri lettori, iscriviti alla nostra newsletter per rimanere sempre aggiornato senza però essere disturbato. Puoi cancellarti quando vuoi
malware whispergate
Previous Story

C’è l’intelligence militare russa (GRU) dietro il malware WhisperGate

fratelli musulmani
Next Story

Il vantaggio islamista esiste ancora? Perché l’Islam politico non vince più

Latest from Intelligence

Go toTop