Editoriali

Si può parlare di Palestina senza considerare Hamas?

Ieri a Roma il Premier israeliano, Benjamin Netanyahu, e il Segretario di Stato americano, John Kerry, si sono incontrati per discutere in merito alla prossima proposta palestinese che presumibilmente verrà presentata nelle prossime ore al Consiglio di Sicurezza dell’Onu e che prevede il ritiro di Israele entro i confini del 1967 nel tempo massimo di due anni.

Netanyahu ha detto con chiarezza che Israele si opporrà a qualsiasi decisione unilaterale, Kerry come al solito è stato vago sulla posizione americana e su un eventuale possibile veto alla proposta palestinese anche se oggi volerà a Londra per incontrare un delegazione della Lega Araba che si è già detta favorevole alla proposta palestinese (ci mancherebbe altro) e francamente da la netta impressione che l’incontro serva solo a prendere ordini dagli arabi e che quindi gli Stati Uniti siano molto propensi ad astenersi. Spunta anche una proposta francese più “morbida” di quella palestinese che fisserebbe in due anni il termine per raggiungere un accordo ma che non parla di ritiro israeliano. La proposta francese sarebbe supportata anche da Gran Bretagna e Germania.

In questo vortice diplomatico in cui il mondo sembra essere impazzito (ci sono crisi ben più gravi di quella palestinese) e nel quale tutti appaiono elettrizzati, quasi drogati dalla parola “Palestina”, nessuno sembra ricordarsi quale sia il problema principale per raggiungere quello che tutti affermano sia l’obbiettivo principale, cioè due Stati per due popoli che vivano in pace uno accanto all’altro. Quel problema si chiama Hamas e non si può accantonare come se nulla fosse. Sarebbe un po’ come fare i conti senza l’oste.

Che tutti quelli in buona fede mirino alla costruzione di due Stati per due popoli è fuor di dubbio, al limite l’unico vero dubbio è proprio dalla parte palestinese che se avessero veramente voluto costruire un loro Stato lo avrebbero fatto come minimo da vent’anni. Ma parlare di “Palestina” in termini generici senza considerare che attualmente ci sono due “Palestine” è davvero una sottovalutazione imperdonabile. E non chiedersi nemmeno quale Palestina si voglia creare, se cioè si vuole una Palestina sulla falsariga di quella della ANP oppure si vuole uno stato palestinese basato sulla ideologia di Hamas, è ancora peggio perché non denota solo sottovalutazione del rischio ma evidenzia persino una malafede di fondo da parte di chi tratta l’argomento che non può non conoscere il problema e i rischi che esso comporta.

E allora, fatto salvo il concetto dei due Stati per due popoli, come si intende arrivare a questa soluzione? Di certo la strada intrapresa da Mahmoud Abbas (alias Abu Mazen) è sbagliata proprio perché non considera il problema principale, cioè Hamas. Eppure i palestinesi ci sono già passati con il ritiro di Israele dalla Striscia di Gaza. Quello che doveva essere un caposaldo degli accordi di Oslo e quindi della creazione di due Stati è diventato il trampolino di lancio del califfato di Hamas basato sul terrore, sulla prevaricazione del Diritto e sull’obbiettivo della distruzione di Israele. Ed è fortemente probabile che quanto accaduto a Gaza si ripeta in Cisgiordania.

Non si può non saperlo, per questo parlo di “malafede” da parte di chi tratta. Ho l’impressione che l’obbiettivo finale non sia la creazione di uno Stato palestinese che viva in pace accanto a quello israeliano, ma il compimento dell’obbiettivo di Hamas, cioè la creazione di un califfato islamico e la distruzione di Israele. Che poi Mahmoud Abbas sia solo un mezzo inconsapevole di questo disegno o ne sia consapevolmente partecipe è solo un dettaglio irrilevante. Quello di cui non mi capacito è la cecità della comunità internazionale che queste cose non le può non sapere e considerare.

Quindi di cosa stiamo parlando quando parliamo di Palestina? Di cosa parla la comunità internazionale quando parla di Palestina? Cosa intende con quel termine? Una Palestina pacifica oppure una Palestina nelle mani degli assassini di Hamas? C’è qualcuno che se lo è chiesto?

[glyphicon type=”user”] Scritto da Miriam Bolaffi

[glyphicon type=”euro”] Sostieni Rights Reporter

Tags

Related Articles

One Comment

  1. Credo che in realtà ci sia solo una Palestina: quella di Hamas.
    La Palestina di Abu Mazen è una maschera di carta pesta costruita dall’Occidente o al massimo una Palestina di superficie, adatta a gestire l’ordinaria amministrazione sotto un controllo esterno come adesso , ma sicuramente incapace di mobilitare e motivare sulla base di valori identitari le masse arabe.
    La realtà storica dei paesi arabi e islamici in genere é ancora quella delle guerre di religione.
    La versione più moderna – quella del nazionalismo – é già entrata in crisi, ancor prima di maturare, per il carattere frequentemente tribale di quelle realtà culturalmente ancora arcaiche.
    Il risveglio dell’Islam ha infatti delle radici arcaiche dappertutto: dall’ Iran alla Turchia al Pakistan ai paesi arabi.
    La Palestina non fa eccezione.
    Gli arabi e gli islamici in genere non hanno ancora assorbito la lezione che i diritti si accompagnano ai doveri: sono spinti dalla volontà di potenza e pensano di poterla soddisfare volgendosi a un passato di conquiste.
    Nel caso della Palestina non c’ é neppure il passato: c’è solo un po’ di geografia senza Storia.
    E infatti inventano la Storia.
    E non sono i soli , visto che perfino il turco Erdogan sente il bisogno di riempire il vuoto storico del suo Paese e l’assenza dell’ Islam nella costruzione della modernità, inventando che l’ America è stata scoperta dai musulmani.
    In queste ore sembra che l’UE e gli USA abbiano rallentato il passo nella corsa a riconoscere unilateralmente lo Stato palestinese.
    Forse si stanno rendendo conto che è meglio non soffiare troppo sul fuoco, almeno si spera.
    Preparare un ulteriore teatro di conflitto forse non conviene neppure a questi governi, abituati alla retorica e piuttosto «distratti».
    In fondo che interesse avrebbero?
    Netanyhau fa bene a parlar chiaro e a tirare dritto.

Close