Spie italiane e del Mossad sul Lago Maggiore. Cosa è successo veramente?

19 Giugno 2023

Di Ze’ev Abrahami – Il poliziotto locale della città di Stresa guarda nervosamente di lato, forse temendo che qualcuno ci senta. “Nessuno dice di non parlare”, chiarisce, “ma è chiaro che, dopo aver saputo chi è e dopo che la polizia ha sgomberato ogni prova dalla zona in pochi minuti, è meglio non disturbare”.

Ma è chiaro che a due settimane dal misterioso affondamento del battello turistico Gooduria tutti si occupano di “questo”. Stresa, vicino alla sponda occidentale del Lago Maggiore, dove è affondato il battello, è il tipo di città che ha automaticamente il termine “pittoresco” legato al suo nome.

Domenica di due settimane fa, al ristorante Il Verbano, ha cenato un gruppo che sembrava un qualsiasi gruppo di turisti. Nelle foto sembra una festa di compleanno o di laurea. Poi sono tornati in barca. Durante il viaggio, a poche centinaia di metri dalla riva, si scatenò improvvisamente una tempesta che rovesciò la barca e la fece affondare. Due italiani, un russo e un israeliano sono morti. Si scoprì poi che tutti i membri del gruppo erano ufficiali dei servizi segreti, e l’israeliano morto fu identificato come un “pensionato del Mossad” che era ancora impiegato nelle riserve.

La tempesta mediatica si è abbattuta con la stessa rapidità della tempesta che ha affondato la nave: in un sol colpo Stresa e tutto il Lago Maggiore sono diventati una meta turistica ambita, teatro di una guerra segreta condotta dalle organizzazioni di intelligence di tutto il mondo.

Nel frattempo, “non è finita”. Il poliziotto locale dice che l’attività clandestina continua. “Qui ci sono strade bloccate, molte cose vengono confiscate per l’identificazione forense, e ogni sera arrivano sul luogo del disastro barche con enormi torce elettriche e sommozzatori che scendono sul fondo”.

A cosa servono i sommozzatori?

“Gli israeliani hanno dichiarato di aver perso i loro documenti nel naufragio, ma molte persone pensano che ciò che è andato perduto siano stati faldoni e valigie di documenti. Un compleanno è l’ultima cosa che è successa su questa nave”.

Il 28 maggio era domenica, la festa di Pentecoste, la versione cristiana di Shavuot. Un lungo fine settimana. L’estate si risvegliava dal suo lungo sonno primaverile e il Maggiore, il secondo lago più grande d’Italia, e tutti i paesi intorno ad esso, prendevano vita. La gente nuotava nel lago e nelle piscine, faceva picnic, i chioschi dei gelati offrivano la loro merce ai bambini, le birre venivano versate in enormi boccali sui tavoli all’aperto. Gli abitanti del luogo e i turisti noleggiavano ogni imbarcazione possibile per navigare sul lago. Vicino alle banchine, gru mobili si occupavano di calare con cura barche di tutte le dimensioni, ad uso dei vacanzieri. I meteorologi hanno emesso un avviso di “codice giallo” per il resto della giornata – cioè si prevede tempo burrascoso – ma cosa capiscono i meteorologi quando c’è una bella giornata per navigare?

Nella tarda mattinata, un gruppo di 13 israeliani, uomini e donne, è arrivato in auto a noleggio dagli hotel vicino all’aeroporto di Milano al cantiere navale Piccaluga nella città di Lisanza, nella parte sud-orientale del lago. Lì si sono uniti a otto italiani. Tutti sono saliti a bordo della barca, chiamata Gooduria (un gioco di parole in italiano con la parola “piacere”). L’imbarcazione, lunga 16 metri, ha già circa 40 anni, ma di recente è stata sottoposta a una ristrutturazione che le ha permesso di imbarcare 15 passeggeri anziché 11. Ora i 21 passeggeri, e con loro lo skipper e sua moglie, iniziano il viaggio verso nord. In jeans, scarpe da ginnastica, maglietta o polo, assomigliano facilmente a decine di migliaia di altre persone. Il motivo ufficiale della crociera è una festa di compleanno per uno dei membri dell’equipaggio; a posteriori si sa che se c’è qualcosa in cui questo gruppo è un campione, è assimilarsi alla folla e trovare ragioni ufficiali per la loro vera attività.

Dopo un’ora scarsa, si fermano e gettano l’ancora per visitare l’Isola dei Pescatori, la più piccola delle Isole Borromee nel Lago Maggiore. Si fa un giro lì, poi si va a festeggiare al ristorante Il Verbano, un ristorante di lusso dello chef Marco Sacco, che lo definisce “esclusivo e intimo, dove il tempo si ferma”.

Non sto esagerando. Questa settimana, quando ho ripercorso il tragitto del gruppo di agenti segreti, ho raggiunto anche la piccola isola su cui si trova il ristorante. È un arcipelago bellissimo e verde, a circa 300 metri dalla spiaggia. La sua superficie è di 400×100 metri. Numero di residenti permanenti: 25. Il reddito principale proviene dalla pesca, soprattutto per i ristoranti locali dell’isola, visitati ogni anno da centinaia di migliaia di turisti.

Il gruppo di israeliani e italiani di quella domenica non era diverso dagli altri turisti: anche loro hanno mangiato il pesce locale. Questa settimana ho cercato di parlare con i dipendenti del ristorante, dopo aver preso un appuntamento telefonico con il direttore ed essere stato invitato sul posto. Ma quando hanno saputo di cosa chiedevo, si sono tappati la bocca e hanno annunciato che non avrebbero detto una parola. Dato che i camerieri italiani non sono famosi per il loro silenzio, dall’esterno sembra che siano in apprensione o che abbiano ricevuto un avvertimento da qualcuno.

Fuori dal ristorante, ogni 20 minuti circa, piccole imbarcazioni andavano e venivano dall’isola. Circa 40 turisti per barca, cinque euro a testa per ogni tratta. Sette o otto minuti di navigazione per arrivare qui, sette o otto minuti per tornare. Affari. Quando ho iniziato a girare l’isola, sono arrivato a un punto che domina la funivia che sale al Cervino. Qui, con la dolorosa esattezza di due anni meno una settimana, una famiglia israeliana ha iniziato la sua giornata – finché la funivia non è crollata. I cinque membri della famiglia Biran che si trovavano nella funivia sono rimasti uccisi, insieme ad altri nove turisti. L’unico sopravvissuto è il giovane Eitan Biran.

Due anni dopo, meno di una settimana, arriva qui anche il team italo-israeliano. La barca getta l’ancora accanto al molo, sale sulla passerella e sale sull’isola. Alla loro destra si trovano il ristorante e l’hotel che porta lo stesso nome. Poco dopo le 17.15, prima ancora che arrivino al piatto principale, il meteorologo aumenta il suo allarme sul tempo. La maggior parte delle imbarcazioni del lago torna a riva, ma non Gooduria. Salpa di nuovo alla fine del pasto, tra le 18.00 e le 19.00. Alla loro destra si vedono le magnifiche Alpi.

Anche martedì di questa settimana, quando siamo arrivati sull’isola, il meteorologo ha dato un avviso di “codice giallo”, che significa che il tempo sta per cambiare. È proprio quello che è successo: le nuvole pesanti sono scese a visitare e baciare le cime degli alberi. La pioggia è caduta e i venti hanno soffiato. Una tempesta molto più forte è riuscita ad affondare il Gooduria, ma Marco lo spagnolo ha detto che i nostri non avrebbero avuto problemi a navigare.

“È stato un errore dello skipper”, dice a proposito dell’incidente. “Un bravo skipper se ne sarebbe tirato fuori, e uno skipper come me non si mette mai in una situazione del genere”. Ho suggerito che avremmo potuto aspettare un po’, finché il mare e i venti non si fossero calmati; lui mi ha chiesto di non preoccuparmi, mi ha lanciato dei sacchetti per il vomito e mi ha offerto un giubbotto di salvataggio. “Se avesse insistito perché tutti ne indossassero uno durante la crociera, nessuno sarebbe morto”, dice.

Quella domenica, alle 19:20, davanti alle spiagge di Varazze e alla città di Sesto Calende, l’avvertimento del meteorologo è diventato realtà. Fino a quel momento il cielo era azzurro e il mare piatto, ma all’improvviso il cielo è diventato grigio, le nuvole pesanti hanno riversato una pioggia terribile e i venti alla velocità di circa 70 chilometri all’ora hanno fatto infuriare le onde.

“Quella domenica ero seduto al settimo piano, nello Sky Bar dell’Hotel La Palma”, racconta il poliziotto locale. “Era una giornata perfetta. Sole piacevole, temperatura elevata. E all’improvviso, in 30 secondi, tutto si è capovolto. Un uragano davanti ai nostri occhi. Ma non c’erano più imbarcazioni sul lago quando è successo”.

Il Gooduria trema a destra e a sinistra. La moglie dello skipper, che non sa nuotare, inizia a urlare istericamente e a pregare in russo. Anche una donna italiana del gruppo ha un attacco di panico ed entrambe vengono portate sottocoperta. “Nel giro di 30 secondi ci ha colpito un’apocalisse”, ha detto lo skipper Claudio Carminati, “la barca è affondata e siamo finiti tutti in acqua”.

Le due donne calate nella pancia della barca annegano immediatamente. Un altro uomo italiano affonda sul fondo del lago, senza vita. Un uomo israeliano cerca con tutte le sue forze di salvare altri due passeggeri. Ci riesce, poi muore e il suo corpo galleggia sulla superficie dell’acqua. Gli altri presenti nuotano per 150 metri fino alla riva, oppure vengono avvistati dalle poche barche rimaste nel lago e accorrono in loro aiuto. I loro uomini li raggiungono con i remi e altri aiuti di salvataggio.

Alessandro, 30 anni, era uno dei soccorritori. Stava navigando in barca con un amico, vicino a Sesto Calende. Altri due amici stavano navigando accanto a loro in un’altra barca.

“Stavamo già tornando a casa quando è iniziata una tempesta come non ne avevamo mai viste”, ricorda. “Abbiamo 30 anni e l’acqua fa parte della nostra vita da 25 anni. Viviamo per questo e pensavamo di aver visto tutto. Ma non abbiamo mai visto nulla di simile. Sembrava di navigare in una nuvola. Poi sono iniziate le grida e le urla che ci sono giunte dalle vicinanze. Non sembrava normale. E proprio in quel momento uno stormo di gabbiani è passato sopra di noi e abbiamo pensato che fossero loro la fonte delle urla, ma le urla non si sono fermate. Urla terribili, di persone che imploravano per la loro vita. Abbiamo raggiunto la zona ed era una scena da film catastrofico: frammenti di alberi e sedie che galleggiavano sulla superficie dell’acqua, e tra loro persone che cercavano di lottare per la propria vita. Abbiamo iniziato a gettare in acqua tutto il possibile perché cercassero di galleggiare, abbiamo iniziato a mandare loro i remi che avevamo per trascinarli verso la barca e salvarli. Li abbiamo caricati e abbiamo continuato la missione di salvataggio. L’altra barca è andata a chiedere aiuto alle forze di soccorso. E quando non c’era più nessuno da caricare”.

Sulla spiaggia, bagnati ed esausti, i sopravvissuti sono stati interrogati dalle forze di sicurezza. Gli israeliani hanno sostenuto che tutti i loro documenti erano andati perduti nell’affondamento. Insieme agli italiani, sono stati evacuati negli ospedali di Boracay. In meno di un giorno sono stati dimessi e miracolosamente tutti i loro documenti di ricovero sono scomparsi. Così sono scomparsi anche tutti i documenti di registrazione degli israeliani nell’hotel. In meno di un giorno sono stati tutti rilasciati. Gli israeliani non si sono nemmeno preoccupati di restituire le loro auto a noleggio. Un aereo destinato alle missioni speciali li riporta a Tel Aviv.

I media italiani annunciano che quattro persone sono morte annegate: Claudio Alonzi, 62 anni; Tiziana Barnovi, 53 anni; un israeliano di 50 anni e la russa Vanya Buzkova, moglie dello skipper della barca, Carminati. Solo un mese fa avevano fondato una società chiamata Love Lake, che offre colazioni e gite in barca sul lago.

Questa storia, per quanto tragica, sarebbe stata sicuramente raccontata per qualche ora, per poi scomparire nel flusso delle notizie dei media italiani. Ma poi c’è un colpo di scena: si scopre che gli otto italiani e i 13 israeliani lavorano, o hanno lavorato, per i servizi segreti di sicurezza dei loro Paesi. L’israeliano era un ufficiale dell’intelligence del Mossad e il capo della missione, un uomo molto attivo nelle attività operative e che negli ultimi tempi si occupava soprattutto dei rapporti con le agenzie di intelligence straniere. La Repubblica intitola la vicenda agli “007”, il Corriere della Sera incorona l’evento con il nome di “summit del Lago Maggiore”, e gli italiani cominciano a chiedersi cosa sia successo davvero.

“Siamo diventati un centro di spionaggio internazionale?”. Si è chiesto questa settimana Giovanni Bozzi, sindaco della città di Sesto Calende, sulle cui rive è affondata la barca. Ebbene, le persone con cui abbiamo parlato questa settimana lungo le sponde del Lago Maggiore hanno avuto una risposta inequivocabile: sì.

Il paesaggio intorno al lago è davvero pieno di James Bond, ma non è questo il motivo per cui l’area del Maggiore è diventata improvvisamente una vivace scena di intelligence internazionale, intrighi e cospirazioni.

Questa regione, nell’Italia settentrionale, si trova a un crocevia che è diventato critico negli ultimi anni. È molto vicina al confine meridionale della Svizzera e a quello orientale della Francia. La Svizzera è sempre stata un rifugio per banche segrete e società di paglia di ogni tipo. La Francia è una delle mete preferite dagli oligarchi russi, spesso legati ai lati oscuri dei regimi del mondo. L’Italia in generale, e il nord in particolare, è un centro globale per aziende e startup ad alta tecnologia che si occupano e producono prodotti, sistemi, software per l’industria spaziale e aeronautica, e soprattutto componenti per uso civile che possono essere utilizzati anche per scopi militari, compresi i componenti per i droni.

Dopo l’invasione russa dell’Ucraina e l’inasprimento dei legami militari tra Iran e Russia, lo spionaggio internazionale nella regione ha ingranato la marcia più alta. Molti oligarchi si sono trasferiti sulla sponda orientale del Piemonte, a Verbania, in Italia. Altri, la cui residenza è in Francia, possono raggiungerla in poche ore. Hanno utilizzato banche in Svizzera, un Paese che non aveva ancora sentito parlare di una legge antiriciclaggio che non poteva essere piegata per superare l’embargo economico occidentale, hanno acquistato costosi immobili e costruito un hotel a sette stelle. In breve tempo, anche i russi iniziarono a mediare e a impegnarsi nella vendita di droni iraniani all’esercito russo. Allo stesso tempo, sempre più agenti iraniani venivano in Italia per fiutare l’acquisto di tecnologie e componenti per i loro progetti di armamento.

“Qui ci sono decine di aziende italiane all’avanguardia. Siamo una parte molto significativa dell’industria e delle esportazioni italiane”, mi dice un dipendente di una di queste aziende tecnologiche italiane, nella zona industriale della vicina Lombardia. “Quindi, comprensibilmente e chiaramente, c’è molto spionaggio industriale qui, non siamo innocenti. Ma negli ultimi mesi si è intensificato a livelli che non conoscevamo. Ci sono hackeraggi, sorveglianze, dispositivi di ascolto impiantati. Prima c’era una normale distribuzione di persone che volevano reclutare per le aziende; ora tutte le aziende cercano solo combattenti nell’arena cibernetica. Non è normale”.

Che cosa hanno fatto gli agenti israeliani e su che cosa hanno collaborato con gli agenti italiani? Ci sono molte teorie che girano sul lago. Spiare i russi è un’ipotesi. Ma un’ipotesi molto più concreta è che, alla luce degli allarmanti e costanti progressi degli iraniani nel progetto nucleare, abbiano collaborato contro i funzionari e gli agenti iraniani che si aggirano in Italia, soprattutto in questa regione, alla ricerca di tecnologie da acquistare per il loro Paese e per approfondire i legami economici tra le aziende italiane e il regime iraniano.

“Può darsi che sia tutto vero, che siano solo andati in barca insieme e abbiano festeggiato un compleanno e che qui non ci sia nessuna storia alla James Bond, ma solo una barca con delle persone a bordo finita nel posto sbagliato al momento sbagliato”, mi dice il poliziotto locale. “Ma qui ci sono troppe coincidenze e troppe circostanze, e a me e ai miei amici sembra un’operazione, o una crociera della vittoria per un’operazione che si è conclusa con successo”.

Di quale operazione sta parlando?

“La spiegazione è che sono riusciti a impedire che gli iraniani mettessero le mani su armi avanzate o che impedissero loro accesso ad armi strategiche o la proliferazione di armi non convenzionali. Non posso confermare o verificare nulla di quello che dico, perché è ancora una spy story, ma è così che appare agli esperti di sicurezza qui presenti”.

“Le ho già detto che non siamo innocenti”, dice un operaio di una delle industrie della difesa nella regione industriale della Lombardia, una delle province più ricche d’Italia. “Chiunque lavori qui, ogni manager, ogni programmatore e ogni receptionist sa esattamente su cosa sta lavorando. Non mentiamo a noi stessi. Posso dire che lavoro nella programmazione per un’azienda aerospaziale, ma è solo un bel nome per un’industria di armi. E possiamo dire che produciamo solo prodotti e tecnologie per uso civile, ma è chiaro che non è tutta la verità. Stiamo contribuendo alla produzione di questa o quella arma, alcune delle quali, alla fine, raggiungeranno anche Paesi e autorità che non sostengo né mi fido”.

E come si convive con questa situazione?

“Il mio governo non mi ha ancora detto che è vietato, e non mi ha detto che smetterà di fare affari con l’Iran. E ora sento che un’agenzia che appartiene al mio governo è membro di un’agenzia di un altro governo, e sta cercando di impedire qualcosa che non è vietato. Spero che gli israeliani abbiano dato all’Italia una buona ricompensa per questa assurdità. Quindi, continuo a venire in ufficio ogni giorno e a fare il mio lavoro, senza pensare troppo a ciò che significa.

“D’altra parte, anch’io vivo qui e capisco che la gente ha paura di quello che ci sarà qui e di quello che potrebbe accadere, anche a causa dei nuovi residenti russi. E so di essere parte del problema. E personalmente, ve l’ho già detto, c’erano molte preoccupazioni riguardo allo spionaggio qui. Ora, quando la questione è esplosa con il disastro, tutto è diventato più formale, ufficiale. Non si tratta più di speculazioni. C’era un gruppo di persone del Mossad che si è unito all’intelligence locale, e sapete cosa fanno insieme. Sono spie. Non è una cosa che ti fa dormire bene la notte”.

Le esportazioni italiane verso l’Iran sono state pari a 532 milioni di euro nel 2021, l’ultimo anno per il quale esistono dati validi. “L’Italia dei governi precedenti era un’Italia che si comprava assicurazioni di qua e di là”, mi spiega un accademico italiano che fa parte di un think tank sulla sicurezza a Roma. “Era anche al fianco di Israele nella lotta al terrorismo, e teneva d’occhio anche il commercio delle industrie italiane con il regime iraniano”.

E ora?

“Il cambio di governo in Italia ha cambiato completamente il quadro. Potrà condannare Israele sulla questione palestinese, ma in modo molto più debole. Allo stesso tempo, adotterà misure molto più drastiche per prevenire, o almeno non essere partner di armi nucleari e terrorismo islamico. Questo è un punto molto forte, e si tratta di una questione che riceve un’attenzione molto significativa nell’amministrazione, anche a causa della crisi dei rifugiati. Per gli italiani, questa è una situazione in cui non possono che trarre vantaggio: stanno anche cercando di fermare la bomba iraniana e, nel frattempo, stanno studiando il lavoro di spionaggio in una delle migliori scuole del mondo”.

Ma si tratta pur sempre di mezzo miliardo di euro di entrate all’anno, non è una cifra trascurabile.

“Credo che l’Italia imparerà a fare affari per vie traverse e per interposta persona. Ma non è un’entrata che può facilmente trascurare. È un po’ una prova di carattere, come per tutti i Paesi occidentali: Cosa si è disposti a pagare per stare dalla parte giusta delle cose”.

All’esterno dell’impianto tecnologico, mentre parlo con l’impiegato, decine e forse centinaia di dipendenti, la maggior parte dei quali fino alla metà del quarto decennio, si riversano intorno a noi dagli uffici delle aziende. Sono usciti per fare una pausa o per pranzare. Alcuni hanno finito il turno e sono tornati a casa in auto. Sembrano proprio persone che lavorano nell’high-tech: scarpe da ginnastica, maglietta o polo e jeans, lo stesso abbigliamento indossato dai passeggeri della nave del disastro. L’italiano ha cercato di spiegarmi qualche proverbio italiano. Non ho capito bene, ma lo tradurrò approssimativamente: chi va a letto con i componenti del reattore nucleare in Iran, non deve sorprendersi se al mattino si sveglia quando una nave spia naviga davanti a casa sua.

Tutti qui – almeno quelli che sono disposti a parlare – hanno una teoria o una spiegazione per quello che è successo a Majora. Anche per Paolo, un altro skipper del porto da cui è salpato il gruppo. “Prima di tutto, tutti sanno che il capitano che li ha presi non è un capitano che si assume per una crociera, né lo è la sua barca”, spiega. “Lo si assume perché è un uomo di logistica. Organizza le cose. Non fa domande, porta 23 persone quando ne sono ammesse solo 15. E sua moglie parlava russo, il che significa che non è possibile fare una crociera. E sua moglie parla russo, il che è un grande vantaggio per le spie”.

“Ora, c’è anche il percorso che hanno fatto sulla via del ritorno. Avrebbero dovuto tornare indietro da dove erano venuti, e così avrebbero evitato i venti e il tempo pazzesco. Ma hanno percorso qualche chilometro in più verso Ispra. Ispra è la sede dell’Euratom – una delle più grandi aziende al mondo in materia di scorie radioattive e uno dei più grandi laboratori al mondo per la sperimentazione e la ricerca sull’uso dell’energia atomica – e lo skipper si è vantato per tutta la settimana di aver prenotato una crociera con un gruppo di scienziati dell’Euratom per lunedì, il giorno dopo il naufragio. E sono abbastanza sicuro che non avrebbero dovuto essere soli in crociera. A mio parere, le agenzie volevano un luogo completamente privato, per poter scambiare informazioni e documenti, e lui glielo ha fornito”.

Il capitano della Gooduria è ora sospettato di aver causato la morte per negligenza e di aver navigato con troppe persone. La causa sostiene che a causa del peso aggiuntivo era più difficile per lui governare l’imbarcazione in caso di tempesta.

Il morto israeliano è stato portato ad Ashkelon per la sepoltura, alla quale ha partecipato anche l’attuale capo del Mossad, David Barnea, che ha reso omaggio. I media italiani lo hanno identificato come Erez Shimoni, anche se molti sono convinti che si tratti di un nome falso. Tutti i sopravvissuti israeliani hanno fornito la stessa versione dei fatti al momento del disastro. “Tutto era perfetto”, ha scritto la stampa locale dopo che sono stati resi noti i dettagli del caso e l’identità delle persone sulla barca, “tranne la festa di chiusura”.

La procura italiana sta sì indagando sul disastro, raccogliendo ogni brandello di informazione, attivando i reparti della scientifica e portando i sommozzatori sul luogo del naufragio, ma ha già chiarito che intende indagare solo sul naufragio in sé e sulle morti che ne sono derivate, e non indagherà sui rapporti tra le persone che erano sulla barca e su quello che stavano facendo.

Questo lascia il poliziotto locale con molte domande: “Quando ho sentito l’ordine delle cose, come sono accadute e chi era coinvolto, ho iniziato a chiedermi: Chi è rimasto nel lago? Una barca, una sola? Chi viene da Milano – e ha navigato fino all’isola per festeggiare il compleanno di uno dei membri dell’equipaggio? Questo non è un posto per il compleanno di uno dei membri dello staff, questo è un posto dove si viene a festeggiare qualcosa di veramente grande. Un gruppo così numeroso, a questi prezzi, con uno staff che per tutta la vita ha imparato a vivere all’ombra della vita? Si viene in un posto come questo per festeggiare qualcosa di molto più grande di un compleanno. Molto più grande”.

Quanto grande? Forse non lo sapremo mai. Ma probabilmente abbastanza grande da destare preoccupazione.

“So che si tratta di una catastrofe personale e nazionale”, mi dice un membro del consiglio di amministrazione del porto turistico, “ma è anche una catastrofe per noi che lavoriamo nell’industria del turismo del Lago Maggiore. Prima c’è stata la pandemia di coronavirus che non ha avuto precedenti in tutto il mondo; poi c’è stato il disastro della funivia. Tra i suoi morti c’era anche una famiglia israeliana; e ora questo. Non è una buona cosa per il nostro turismo”.

Non state esagerando un po’? La gente sarà impegnata per un’altra settimana e tra due settimane non ci saranno abbastanza barche per i turisti.

“Lei pensa? Pensaci bene. C’è un notiziario mondiale che parla di spie israeliane e italiane che lavorano insieme e che hanno avuto un incidente. Quanto tempo pensi che gli iraniani e gli americani, gli inglesi e i tedeschi verranno qui per cercare di capire perché il Mossad era qui? Quanto tempo pensa che passerà prima che i russi comincino ad avvelenare la gente qui? Vi dico che questo è un duro colpo per noi”.

SOSTIENICI USANDO STRIPE

Sostienici usando PAYPAL

Sostieni Rights Reporter con una piccola donazione

Newsletter

Fai come migliaia di nostri lettori, iscriviti alla nostra newsletter per rimanere sempre aggiornato senza però essere disturbato. Puoi cancellarti quando vuoi
Previous Story

Per la prima volta Israele vende vecchi carri armati Merkava (in Europa)

Next Story

Per quanto tempo Israele può rimandare una vasta operazione a Jenin?

Latest from Intelligence

Go toTop