Stati Uniti: una taglia da 10 milioni sul capo di Hezbollah in Iraq

Dieci milioni di dollari a chi darà informazioni su Muhammad Kawtharani, capo di Hezbollah in Iraq.

È questa la taglia messa sulla testa di uno dei principali leader del gruppo terrorista libanese che ormai è considerato a tutti gli effetti un gruppo terrorista globale.

Lo rende noto il Dipartimento di Stato USA precisando che l’operazione rientra all’interno del programma “Rewards for Justice” implementato dallo stesso Dipartimento di Stato e volto a dare un premio in denaro a chi fornisce informazioni sui terroristi globali inseriti in una apposita lista.

Muhammad Kawtharani è un leader senior delle forze di Hezbollah in Iraq e ha assunto la direzione del coordinamento politico dei gruppi paramilitari allineati all’Iran precedentemente organizzati da Qassem Soleimani, ucciso da un drone americano lo scorso mese di gennaio durante una sua visita in Iraq.

In tale veste, Muhammad Kawtharani facilita le azioni di gruppi che operano al di fuori del controllo del governo iracheno, che hanno represso violentemente le proteste in Iraq, attaccato missioni diplomatiche straniere e intrapreso attività criminali organizzate su vasta scala.

Come membro del Consiglio politico di Hezbollah, Kawtharani ha lavorato per promuovere gli interessi di Hezbollah in Iraq, compresi gli sforzi del gruppo terrorista libanese per fornire formazione, finanziamenti, supporto politico e logistico ai gruppi di ribelli sciiti iracheni.

Nel 2013 il Dipartimento del Tesoro statunitense ha designato Kawtharani come terrorista globale inserendolo in una apposita lista di ricercati.

Nell’aprile dello scorso anno il programma Rewards for Justice ha messo una taglia da dieci milioni di dollari a chiunque fornisse notizie che portassero alla rottura dei meccanismi finanziari dell’organizzazione terroristica globale Hezbollah.

Questo è quindi un ulteriore passo avanti da parte del Dipartimento di Stato americano nella lotta al gruppo terrorista palestinese.

La taglia può essere incassata da chi fornisce informazioni su:

  • Fonti di entrate per Hezbollah o i suoi principali meccanismi di facilitazione finanziaria;
  • Principali donatori o facilitatori finanziari di Hezbollah;
  • Istituzioni finanziarie o agenzie di cambio valuta che facilitano le transazioni di Hezbollah;
  • Imprese o investimenti posseduti o controllati da Hezbollah o dai suoi finanziatori;
  • Società di facciata impegnate in appalti internazionali di tecnologia a doppio uso per conto di Hezbollah;
  • Piani criminali che coinvolgono membri e sostenitori di Hezbollah a beneficio finanziario dell’organizzazione

A differenza dell’Unione Europea che considera solo la cosiddetta “ala militare” di Hezbollah quale entità terroristica, gli Stati Uniti non fanno nessuna distinzione tra ala politica e ala militare e considerano Hezbollah un gruppo terrorista sin dal 1984.

Dall’ottobre del 2001 il Dipartimento di Stato americano ha designato Hezbollah come un gruppo terrorista globale ai sensi dell’Executive Order (EO) 13224.