Medio OrienteLo stupro delle donne ebree è "meno stupro"

Lo stupro delle donne ebree è “meno stupro”

Staff RR e Agenzie
Staff RR e Agenziehttps://www.rightsreporter.org/
Lo staff di Rights Reporter in collaborazione con le migliori agenzie e testate

La manifestazione mira a sensibilizzare l'opinione pubblica sui crimini sessuali contro le donne durante i massacri del 7 ottobre; gli Stati Uniti affermano che le donne sono ancora tenute in ostaggio perché se liberate potrebbero parlare di ciò che è accaduto loro in cattività

Centinaia di persone si sono riunite lunedì alle Nazioni Unite per una sessione speciale guidata dalla Missione permanente di Israele presso l’ONU, per sensibilizzare l’opinione pubblica sui crimini sessuali commessi contro le donne durante gli attacchi di Hamas del 7 ottobre, tra la crescente rabbia per il silenzio della comunità internazionale su quei gravissimi crimini.

“Il 7 ottobre Israele ha subito il più brutale massacro dai tempi dell’Olocausto; le atrocità sono state più barbare dell’ISIS, alcuni dicono più dei nazisti”, ha dichiarato l’ambasciatore israeliano alle Nazioni Unite Gilad Erdan all’inizio dell’evento. Le famiglie sono state bruciate vive, i bambini giustiziati davanti ai loro genitori e i genitori giustiziati davanti ai loro figli”.

“Ma i crimini non sono finiti qui: Hamas ha usato lo stupro e la violenza sessuale come armi da guerra. Non si è trattato di decisioni improvvise di deflorare e mutilare le ragazze per poi farle sfilare mentre gli spettatori applaudivano; si è trattato piuttosto di azioni premeditate”, ha dichiarato Erdan. “Purtroppo, il silenzio degli organismi internazionali che dovrebbero difendere le donne è stato assordante”.

Di fronte alle crescenti prove del contrario, Hamas ha affermato lunedì che le accuse di violenza sessuale fanno parte di “campagne sioniste che promuovono menzogne e accuse infondate per demonizzare la resistenza palestinese”.

Erdan, che ha avviato la sessione speciale, ha dichiarato di aver scelto la sede delle Nazioni Unite come luogo per “evidenziare l’ipocrisia e i doppi standard di UN Women e di altre agenzie ONU che hanno completamente abbandonato le donne israeliane aggredite da Hamas”.

“Rappresento Israele qui da tre anni e mezzo e non ho mai assistito a un comportamento così terribile da parte delle agenzie ONU. Stanno apertamente discriminando le donne israeliane”, ha dichiarato.

L’Entità delle Nazioni Unite per l’uguaglianza di genere e l’emancipazione delle donne, nota anche come UN Women, è stata sottoposta a un intenso fuoco per una dichiarazione del 13 ottobre che equiparava l’attacco terroristico di Hamas alla risposta militare di Israele nella Striscia di Gaza, senza menzionare il gruppo terroristico per nome o affrontare le sue aggressioni sessuali.

Poi, alla fine del mese scorso, l’organizzazione ha pubblicato su Instagram una condanna dei “brutali attacchi di Hamas del 7 ottobre”, per poi cancellarla poco dopo.

Il 1° dicembre, UN Women ha rilasciato un’altra dichiarazione che iniziava esprimendo “profondo rammarico” per la ripresa delle operazioni israeliane a Gaza e ribadiva che “le donne, le donne israeliane, le donne palestinesi, come tutti gli altri, hanno diritto a una vita vissuta in sicurezza e libera dalla violenza”.

La dichiarazione ha continuato a “condannare inequivocabilmente i brutali attacchi di Hamas” e ha espresso allarme per “le numerose testimonianze di atrocità di genere e di violenza sessuale durante questi attacchi”.

Erdan ha dichiarato di non essere impressionato da UN Women, accusando l’organizzazione di prestare “servizio a parole” agli israeliani per alleggerire la pressione. Sabato, il ministro degli Esteri Eli Cohen ha invitato il direttore esecutivo del gruppo, Sima Sami Bahous, a dimettersi.

Alla sessione di lunedì ha partecipato anche la senatrice democratica degli Stati Uniti Kirsten Gillibrand e ha tenuto un discorso l’ex direttore generale di Facebook Sheryl Sandberg, fondatrice di Lean In, un gruppo per i diritti e l’avanzamento delle donne.

“È importante dare voce alle donne violentate e uccise il 7 ottobre ed è importante dire la verità al potere in questo luogo e in questo momento”, ha dichiarato Gillibrand. “Quando ho visto l’elenco delle organizzazioni femminili che non hanno detto nulla, sono rimasta scioccata. Dov’è la solidarietà per le donne in questo mondo?”.

“Gli atti orribili compiuti da Hamas sono indescrivibili, ho visto molti dei filmati. Il livello puro di malvagità non si può non vedere, ti perseguita”, ha continuato Gillibrand. “Sebbene sia difficile raccontare queste storie, dobbiamo assicurarci collettivamente che il mondo conosca la natura atroce e barbara di Hamas. Dobbiamo fare in modo che questo rimanga impresso nella storia per sempre”.

Sandberg ha detto lunedì che “il silenzio è complicità, e di fronte al terrore non possiamo tacere”.

“Il 7 ottobre Hamas ha brutalmente ucciso 1.200 persone e in alcuni casi le ha prima violentate”, ha detto. “Lo sappiamo dai testimoni oculari, dai paramedici di guerra e lo sapremmo dalle stesse vittime se fosse stato permesso loro di vivere. Direbbero qualcosa che non dovrebbe essere detto: Lo stupro non dovrebbe mai essere usato come strumento di guerra, indipendentemente dalla marcia a cui si partecipa o dalla bandiera che si sventola.

“Siamo arrivati a stabilire che lo stupro è un crimine contro l’umanità e a credere alle vittime di violenza sessuale. Ecco perché il silenzio è pericoloso: rischia di annullare un movimento e decenni di progressi”, ha detto Sandberg.

Un rapporto pubblicato il mese scorso da Physicians for Human Rights-Israel (PHRI) includeva le testimonianze dei volontari di ricerca e soccorso dello ZAKA sugli abusi sessuali diffusi da Hamas il 7 ottobre.

Tra queste, corpi nudi legati insieme in una casa del Kibbutz Be’eri e una donna uccisa a cui erano stati tolti i pantaloni. Il rapporto cita anche un video in cui un paramedico di un’unità militare d’élite israeliana afferma di aver visto il corpo seminudo di una donna con chiari segni di stupro, che ha descritto nei dettagli.

Un rapporto grafico pubblicato questa settimana dal Sunday Times del Regno Unito ha anche offerto dettagli strazianti sulle prove delle atrocità commesse contro più donne.

L’unità della Polizia di Israele che indaga sulle violenze sessuali commesse il 7 ottobre ha raccolto migliaia di dichiarazioni, fotografie e filmati che documentano i crimini di Hamas.

L’ex segretario di Stato e candidata alla presidenza degli Stati Uniti Hillary Clinton è intervenuta alla sessione in video.

“Come comunità globale dobbiamo rispondere alla violenza sessuale come arma con una condanna”, ha detto la Clinton. “Lo stupro come arma di guerra è un crimine contro l’umanità. Non ha posto in nessun conflitto. È scandaloso che alcuni che affermano di essere a favore della giustizia chiudano gli occhi e il cuore alle vittime della violenza di Hamas”.

Il portavoce del Dipartimento di Stato americano, Matthew Miller, ha suggerito lunedì che Hamas sta trattenendo un certo numero di ostaggi israeliani di sesso femminile perché non vuole che testimonino su ciò che hanno vissuto in prigionia.

“Il fatto che continuino a tenere in ostaggio delle donne, che continuino a tenere in ostaggio dei bambini, il fatto che sembra che una delle ragioni per cui non vogliono consegnare le donne che hanno tenuto in ostaggio, e il motivo per cui questa tregua è crollata, è che non vogliono che quelle donne possano parlare di ciò che è accaduto loro durante il periodo di detenzione”, ha detto Miller, in risposta alla domanda di un giornalista sulle crescenti prove di stupri e abusi sessuali da parte di Hamas il 7 ottobre.

“C’è ben poco che metterei al di là di Hamas quando si tratta del suo trattamento dei civili, e in particolare del trattamento delle donne”, ha aggiunto.

Gli sforzi per sensibilizzare l’opinione pubblica sui crimini sessuali commessi da Hamas sembra stiano invertendo la tendenza, con manifestazioni a sostegno delle donne israeliane tenutesi la scorsa settimana a Tel Aviv, Londra, New York e in altre città del mondo, in concomitanza con la Settimana internazionale di sensibilizzazione delle Nazioni Unite per l’eliminazione della violenza contro le donne.

Sempre lunedì, il gruppo di attivisti israeliani Women Building an Alternative ha pubblicato un annuncio a tutta pagina sul New York Times, chiedendo al mondo di riconoscere i crimini sessuali commessi contro le donne israeliane il 7 ottobre, mentre decine di donne hanno protestato davanti alle Nazioni Unite.

Al grido di “Vergogna all’ONU”, i manifestanti pro-Israele hanno tenuto striscioni con la scritta “Lo stupro è uno stupro”, mentre gli oratori hanno attaccato l’ONU per l’inazione nei confronti dei maltrattamenti subiti dalle donne israeliane.

Una fila di 20 donne imbrattate di sangue sintetico, alcune con indosso solo la biancheria intima, ha formato una fila in testa alla manifestazione per attirare l’attenzione sulla violenza contro le donne da parte di Hamas.

“Lo chiamo il ‘Nulla Unito’… perché dobbiamo essere qui per dire alle Nazioni Unite di proteggere le persone?”, ha detto la manifestante Hillary Larson, 64 anni, infermiera pediatrica di New York. “Prima dovrebbero condannare [Hamas] al 100%… poi chiedere che Hamas rilasci gli ostaggi, persone innocenti portate via dalle loro case”.

I manifestanti tra i circa 150 presenti sventolavano la bandiera di Israele e scandivano “liberate gli ostaggi”, mentre uno teneva uno striscione con la scritta “Antonio Guterres, Segretario Generale delle Nazioni Unite, cosa succederebbe se Hamas rapisse la tua famiglia?”.

“Siamo qui per sostenere le donne israeliane che sono state brutalmente violentate. Meritano il sostegno delle altre donne. Qualsiasi altro attacco alle donne sarebbe trattato come un crimine”, ha dichiarato all’AFP l’ex legislatrice Carolyn Maloney, intervenuta alla marcia.

Account Instagram come metoounlessurajew e unwomen_forallwomen stanno conducendo una campagna online che invita le donne a fotografarsi con le mani che coprono la bocca.

“Trecento donne sono state massacrate due volte il 7 ottobre”, ha dichiarato il portavoce del governo israeliano Tal Heinrich durante la sessione di lunedì. “La prima volta, quando Hamas ha commesso scioccanti atti di violenza sessuale contro di loro, abusando, stuprando e mutilando, in alcuni casi di fronte ai loro cari; e la seconda volta quando i terroristi hanno sparato loro un proiettile.

“Oggi sentiamo numerose testimonianze di queste atrocità. Non permetteremo che vengano uccisi una terza volta. Non li trascureremo; li piangeremo e condivideremo le loro storie”.

Erdan ha dichiarato: “Anche se questo è straziante per tutte le donne, non dobbiamo disperare. Ogni persona presente in questa sala si sta opponendo all’immoralità. Questo è un’immensa fonte di ispirazione e dà forza alle donne di tutto il mondo. Anche se UN Women decide di rimanere in silenzio, non significa che il mondo la seguirà. Il mondo conoscerà la verità. La verità prevarrà e sarà fatta giustizia”.

[jetpack_subscription_form]

sede onu a gaza unrwa

La sala di comando di Hamas era nella sede ONU a Gaza

0
La sala di comando di Hamas si trovava nella sede della UNRWA di Gaza. Lo...
armi NATO a Ucraina

Le armi NATO destinate all’Ucraina. Ma ci sono ancora limitazioni

0
Nonostante i miliardi di dollari in armi aggiuntive e assistenza alla sicurezza annunciati dalla NATO,...
bombe per israele retina

Gli Stati Uniti inviano le bombe da 500 libbre a Israele

0
Gli Stati Uniti invieranno al più presto a Israele le bombe da 500 libbre la...
boicottaggio contro Israele

Il boicottaggio contro Israele si allarga e comincia a pesare

0
Di Anat Peled - Anni di campagne pro-palestinesi per un boicottaggio globale contro Israele hanno...
autorità palestinese terrorista

Autorità Palestinese terrorista come Hamas

0
La storia di come Abeed Shtayyeh, che ha ucciso due soldati israeliani, sia sfuggito alla...