Ucraina, grande ondata di attacchi contro obiettivi in Russia

Mercoledì, Ucraina e Russia si sono scambiate attacchi reciproci e per il secondo giorno consecutivo Kiev ha lanciato attacchi di droni contro impianti petroliferi russi.

Uno dei droni ucraini ha colpito una raffineria di petrolio nella regione di Ryazan, a circa 100 miglia a sud-est di Mosca, causando un incendio che è stato spento dopo poche ore, secondo quanto detto dal governatore locale Pavel Malkov.

L’Ucraina ha confermato che l’obiettivo era proprio la raffineria. “Stiamo sistematicamente attuando una strategia meticolosamente calcolata per ridurre il potenziale economico della Federazione Russa”, ha dichiarato un funzionario ucraino. “Il nostro compito è quello di privare il nemico delle risorse e di diminuire il flusso di denaro e di carburante che la Russia incanala direttamente nella guerra e nell’uccisione dei nostri cittadini”.

Il Ministero della Difesa russo, tuttavia, ha affermato di aver abbattuto tutti i 65 droni lanciati in sei regioni russe durante la notte.

Si è trattato del secondo attacco in territorio russo in due giorni, dopo che martedì le forze ucraine hanno lanciato droni contro nove città e paesi russi – alcuni molto all’interno del Paese – tra cui gli impianti petroliferi di Nizhny Novgorod, che hanno preso fuoco.

I due giorni consecutivi di attacchi in profondità rappresentano il più ampio assalto di Kiev alle infrastrutture russe dall’inizio della guerra.

Gli attacchi indicano una maggiore volontà di Kiev nel colpire in profondità la Russia, mentre le forze ucraine lottano con la carenza di proiettili e soldati in prima linea e le forze russe stanno intensificando la loro offensiva.

La scorsa settimana, un drone ucraino ha colpito un deposito di petrolio nella regione di Belgorod e dall’inizio dell’anno l’Ucraina ha attaccato più di una dozzina di strutture petrolifere e del gas – tra cui raffinerie, depositi di petrolio e terminali di gas – in sette regioni.

Mercoledì, il più grande attacco ucraino è stato sferrato nella regione di Voronezh, nel sud-ovest della Russia, dove sono stati intercettati 35 droni, ha dichiarato il Ministero della Difesa russo.

Un funzionario ucraino ha affermato che i droni hanno preso di mira anche “una base delle forze aerospaziali russe a Buturlinovka e un aeroporto militare a Voronezh”.

I droni hanno attaccato anche la raffineria di petrolio di Novoshakhtinsk, nella regione di Rostov, nella Russia sud-occidentale, come ha dichiarato il governatore di Rostov, Vasily Golubev, su Telegram mettendola temporaneamente fuori servizio.

I dispositivi di disturbo elettronico hanno costretto i droni ad atterrare sul territorio della raffineria senza provocare danni, ma “le strutture tecnologiche dell’impresa sono state bloccate”, ha detto Golubev, sul quale “si stanno chiarendo le conseguenze”.

Il servizio di intelligence militare ucraino “non ha potuto confermare o smentire il suo coinvolgimento nell’operazione”, ha dichiarato il portavoce Andrii Yusov, aggiungendo che l’impianto era “utilizzato per scopi militari”.

Un altro drone ha colpito il quartier generale dell’FSB, l’agenzia di intelligence interna della Russia, a Belgorod, vicino al confine russo con l’Ucraina, ha riferito l’agenzia di stampa russa Tass.