Domande e risposte sulla guerra a Gaza

Parlando della guerra a Gaza, Israele non ha altra scelta che distruggere Hamas come forza combattente efficace. Per capire meglio cosa sta succedendo, perché sta succedendo e perché non si può tornare indietro immaginiamo una conversazione con un critico di questo punto di vista, un ingenuo in buona fede.

Migliaia di civili gazani, molti dei quali bambini, sono stati uccisi, bombardati nelle loro case o fuori di esse. Ora si trovano ad affrontare una catastrofe umanitaria sotto forma di carenza di medicinali e cibo, persino di fame. Come si può giustificare tutto ciò?

Come tutte le guerre, anche questa è orribile e straziante. Ma io incolpo Hamas, non Israele, per la devastazione.

Hamas è un gruppo terroristico i cui leader dovrebbero affrontare la giustizia per i massacri del 7 ottobre. Ma non sono state le bombe, i missili o l’artiglieria di Hamas a radere al suolo Gaza. Sono quelle di Israele.

Giusto. Ma Hamas, che ha iniziato la guerra, potrebbe porre fine a questa pioggia di fuoco domani. Ha rifiutato un cessate il fuoco di sei settimane che avrebbe fermato i combattimenti e consentito molti più aiuti in cambio del rilascio di circa 40 dei 100 ostaggi israeliani rimasti. Potrebbe fermare definitivamente i combattimenti semplicemente arrendendosi.

Hamas potrebbe non voler interrompere i combattimenti, ma c’è poco da fare. Israele può fermare l’assalto, risparmiando così vite palestinesi. E poiché Biden ha un’influenza su Israele, dovrebbe usarla.

Il modo migliore per far smettere Hamas di combattere è sconfiggerlo. Se Israele ponesse fine alla guerra ora, con diversi battaglioni di Hamas intatti, accadrebbero almeno quattro cose.

In primo luogo, sarebbe impossibile istituire a Gaza un’autorità politica che non sia Hamas: Se l’Autorità Palestinese o i gazesi locali tentassero di farlo, non vivrebbero a lungo. In secondo luogo, Hamas ricostituirebbe la sua forza militare come ha fatto Hezbollah in Libano dopo la guerra con Israele del 2006 – e Hamas ha promesso di ripetere gli attacchi del 7 ottobre “una seconda, una terza, una quarta” volta. Terzo, gli ostaggi israeliani sarebbero bloccati nella loro terribile prigionia a tempo indeterminato.

Quarto, non ci sarà mai uno Stato palestinese. Nessun governo israeliano accetterà uno Stato palestinese in Cisgiordania se rischia di assomigliare a Gaza.

Tutto ciò è speculativo. La realtà è che i bambini sono affamati, i malati non ricevono le medicine, i palestinesi innocenti vengono uccisi, ora. È sbagliato evitare danni teorici causando danni reali.

Potrebbe essere più speculativo se questa non fosse la quinta grande guerra che Hamas ha provocato da quando ha preso il potere a Gaza nel 2007. Dopo ogni guerra, le capacità di Hamas sono diventate più forti e le sue ambizioni più audaci. A un certo punto tutto questo doveva finire; per gli israeliani, il 7 ottobre è stato quel momento.

Forse, ma perché Israele non può essere molto più accorto nell’uso della forza?

Ha qualche suggerimento specifico su come Israele possa sconfiggere Hamas risparmiando i civili?

Non sono un esperto militare.

Ho notato che ogni volta che i critici di Israele danno lezioni al Paese su come calibrare meglio l’uso della forza, non hanno suggerimenti concreti. Gli israeliani sono abbastanza intelligenti da combattere meglio, ma troppo stupidi per apprezzare le conseguenze diplomatiche del non farlo?

Forse hanno sete di vendetta.

La realtà della guerra urbana è che è eccezionalmente costosa e difficile. Gli Stati Uniti sotto Barack Obama e Donald Trump hanno passato nove mesi ad aiutare le forze irachene a spianare la città di Mosul per sconfiggere l’ISIS, con risultati che sembravano persino peggiori di quelli di Gaza oggi. Non ricordo gli appelli al “cessate il fuoco subito” di allora. Hamas ha reso le cose ancora più difficili per Israele perché, invece di dare rifugio ai civili nella sua immensa rete di tunnel, dà rifugio a se stesso.

Tuttavia, questo non solleva Israele dall’obbligo di prevenire una catastrofe umanitaria.

Non è che Israele non stia muovendo un dito. Solo domenica, secondo l’esercito israeliano, 225 camion carichi di aiuti sono entrati a Gaza attraverso Israele. Ma lei sembra pensare che la responsabilità principale del governo di Israele sia il benessere della popolazione di Gaza. Non è così. Come ogni governo, i suoi obblighi sono nei confronti del proprio popolo.

Gli israeliani stanno per lo più bene ora. Sono i palestinesi a morire.

Israele ha passato gli ultimi cinque mesi a ridurre le capacità militari di Hamas al punto che sembra aver esaurito i razzi da lanciare contro Israele. E circa 200.000 israeliani vivono come rifugiati all’interno del loro Paese perché i confini non sono sicuri. Nessun Paese può tollerarlo. Israele non è nato per mostrare la vittimizzazione degli ebrei. È nato per porre fine alla loro vittimizzazione.

Visto che si allude all’Olocausto, di certo non è nell’interesse di Israele essere visto perpetrare una versione dell’Olocausto a Gaza. Basta vedere l’esplosione mondiale dell’antisemitismo dopo il 7 ottobre.

Questa analogia è falsa e offensiva a molti livelli. Israele sta combattendo una guerra che non ha cercato, contro un nemico che ha giurato di distruggerlo e che tiene in ostaggio decine di suoi cittadini. Se Israele avesse voluto spazzare via i gazesi come i tedeschi cercavano di spazzare via gli ebrei, avrebbe potuto farlo il primo giorno di guerra. Israele sta combattendo una guerra difficile contro un nemico malvagio che mette in pericolo i propri civili. Forse si dovrebbe fare più pressione pubblica su Hamas perché si arrenda, piuttosto che su Israele perché salvi Hamas dalle conseguenze delle sue azioni.

Per quanto riguarda l’antisemitismo, la guerra non ha generato un torrente di antisemitismo quanto piuttosto lo ha messo in luce.

Probabilmente è un mix delle due cose. Tuttavia, si commette l’errore di immaginare che Hamas possa essere sconfitto. Non si può uccidere un’idea, soprattutto generando i terribili risentimenti che sicuramente stanno nascendo a Gaza e in tutto il mondo arabo.

Secondo questa logica, gli Alleati avrebbero dovuto risparmiare la Germania perché anche il nazionalsocialismo era un’idea. Forse non si può uccidere un’idea, ma la si può disinnescare, così come si può persuadere le generazioni future che alcune idee hanno conseguenze terribili per coloro che le sposano.

Quindi cosa suggerisce di fare l’amministrazione Biden?

Aiutare Israele a vincere la guerra in modo decisivo, in modo che gli israeliani e i palestinesi possano un giorno conquistare la pace.

By Bret Stephens

Clicca qui per saperne di più sull’autore e sull’articolo

Questo articolo è stato pubblicato nella versione cartacea del New York Times il 13 marzo 2024 , sezione A , pagina 19 con il titolo: Israele non ha altra scelta che continuare a combattere. Online a questo link.