L’anno scorso sono state scoperte oltre 6.000 identità false nei registri di tre insediamenti, secondo una lettera delle Nazioni Unite diffusa a fine gennaio 2023 a donatori e diplomatici.

La frode è stata scoperta per la prima volta dalle agenzie ONU, ma ha coinvolto persone dell’Ufficio del Primo Ministro (OPM) ugandese, che sovrintende agli affari dei rifugiati. I lavoratori erano incaricati di registrare i rifugiati nei database utilizzati dalle Nazioni Unite per distribuire gli aiuti.

Secondo la lettera, redatta congiuntamente dall’Agenzia delle Nazioni Unite per i Rifugiati (UNHCR) e dal Programma Alimentare Mondiale (PAM), quattordici persone sono state licenziate dall’OPM e sottoposte a indagini penali.

Frank Walusimbi, funzionario associato alle comunicazioni dell’UNHCR, ha affermato che il caso dimostra che i controlli antifrode stanno funzionando meglio rispetto al 2018. Durante quell’episodio, i funzionari del governo ugandese avevano creato 300.000 cosiddetti “rifugiati fantasma” nel corso di diversi anni.

“L’identificazione delle irregolarità da parte dell’UNHCR e del PAM e la rapida azione dell’Ufficio del Primo Ministro, responsabile delle questioni relative ai rifugiati, indicano che ci sono stati dei progressi rispetto al 2018”, ha dichiarato Walusimbi.

Tuttavia, la lettera delle Nazioni Unite e le interviste a diplomatici e donatori evidenziano le persistenti vulnerabilità del processo di registrazione dei rifugiati e sottolineano il timore che le frodi possano essere più diffuse negli insediamenti.

Mentre alcuni donatori e diplomatici hanno elogiato il governo per aver preso provvedimenti in seguito alla recente scoperta, altri operatori umanitari hanno affermato che le indagini dell’OPM sono state lente a partire, con l’inizio delle indagini solo alla fine del 2022.

“Abbiamo continuato a chiedere un riscontro [al governo], cosa è stato fatto, quali sono i progressi? Ma non è successo nulla”, ha dichiarato un alto funzionario della coprazione con conoscenza diretta del caso che ha chiesto di rimanere anonimo.

Douglas Asiimwe, commissario ad interim per i rifugiati presso l’OPM, non ha risposto alle domande, ma ha affermato che la questione è stata “gestita” e che le agenzie e i partner delle Nazioni Unite sono stati informati sulle “azioni intraprese e sulla strada da seguire”.

Frodi su piccola scala

L’Uganda è il Paese africano che ospita più rifugiati e offre protezione a più di 1,5 milioni di persone, provenienti soprattutto dal Sud Sudan e dalla Repubblica Democratica del Congo. Il governo è responsabile della registrazione dei rifugiati, mentre il cibo e gli altri aiuti umanitari sono forniti principalmente dalle Nazioni Unite e dalle ONG.

campi profughi uganda

Il programma per i rifugiati del Paese è stato ampiamente elogiato per la promozione dell’autosufficienza dei rifugiati ed è considerato un esempio per le iniziative di accoglienza dei rifugiati. Il prossimo Global Refugee Forum – il più grande incontro internazionale sui rifugiati, organizzato ogni quattro anni – sarà ospitato in Uganda a dicembre.

Tuttavia, lo scandalo del 2018 e la relativa cattiva gestione dell’UNHCR hanno intaccato la fiducia dei donatori e delle agenzie di aiuto. E i principali funzionari ugandesi e delle Nazioni Unite coinvolti nel caso sembrano aver evitato ripercussioni legali e professionali, come ha scoperto una recente indagine indipendente.

La scoperta del 2022 è stata fatta inizialmente da funzionari del PAM nell’insediamento nord-occidentale di Rhino, che ospita soprattutto rifugiati sud-sudanesi. Una frode simile è stata poi scoperta in altri due insediamenti, Bidi Bidi e Kiryandongo.

Due funzionari a conoscenza delle frodi a Kiryandongo e Rhino hanno dichiarato che esse coinvolgevano personale di basso livello addetto alla registrazione impiegato dall’OPM, che negli ultimi anni è stato colpito da una serie di scandali di corruzione.

Secondo i funzionari, la natura dei furti varia nei campi. Tuttavia, uno schema comune prevedeva che gli operatori dell’OPM prendessero tangenti dai rifugiati per aumentare le dimensioni dei loro nuclei familiari.

Le false registrazioni – per lo più camuffate come relative a nuove nascite, secondo la lettera delle Nazioni Unite – davano diritto ai rifugiati di ricevere ulteriore assistenza umanitaria, in denaro o attraverso razioni alimentari.

La frode del 2018, invece, ha coinvolto funzionari dell’OPM di livello molto più alto che hanno gonfiato le liste di registrazione e sottratto grandi quantità di aiuti alimentari, che poi hanno venduto sui mercati.

Sebbene il recente furto sia di portata minore, è stato scoperto nel corso di una crisi relativa ai finanziamenti che ha visto le organizzazioni di risposta ai rifugiati raccogliere meno della metà degli 804 milioni di dollari richiesti ai donatori nel 2022. Le razioni di cibo sono state tagliate a causa di questo divario.

Una storia positiva?

Secondo i funzionari della coperazione e i verbali delle riunioni del Refugee Humanitarian Partners Group (RHPG) dell’Uganda – un forum per le agenzie di aiuto e i donatori – che sono stati condivisi con alcuni media, la recente scoperta della frode è stata considerata da molti una buona notizia.

Ad esempio, due diplomatici dei Paesi donatori che finanziano la risposta dell’Uganda ai rifugiati e che sono stati informati della frode, hanno sottolineato come i sistemi di monitoraggio siano stati in grado di rilevare il problema.

Allo stesso modo, uno dei donatori citato nei verbali della riunione dell’RHPG di gennaio ha affermato che la gestione del caso ha dimostrato “quanta strada abbiamo fatto” – un riferimento ai passi compiuti dopo lo scandalo del 2018 e che riecheggia il punto di vista di Walusimbi e dell’UNHCR.

Durante l’episodio del 2018, l’UNHCR è stato accusato da altre agenzie umanitarie e ONG di non aver agito in base ai segnali di allarme che indicavano che i numeri dei rifugiati del governo erano fortemente esagerati.

Un audit interno delle Nazioni Unite pubblicato alla fine del 2018 ha rilevato che l’UNHCR non è riuscito a sfruttare i suoi finanziamenti al governo per assicurarsi l’accesso alla piattaforma di registrazione dei rifugiati, che era gestita dall’OPM e conteneva i dati falsificati.

L’UNHCR ha ora accesso e controllo sul sistema di registrazione ed è stato quindi in grado di rilevare diverse anomalie, il che, secondo diverse fonti, indica un miglioramento delle misure di controllo.

Supervisione debole

Tuttavia, diversi operatori degli aiuti di emergenza che hanno parlato con alcuni media hanno espresso preoccupazione per la scoperta della frode, così come i funzionari dei donatori citati nei verbali delle riunioni dell’RHPG.

Secondo un operatore umanitario di base a Kiryandongo e le interviste con tre rifugiati che vivono lì, la frode potrebbe essere rimasta inosservata per diversi anni. Tutti hanno descritto vari modi in cui le procedure di registrazione sono state corrotte da funzionari di basso livello dell’OPM.

Secondo la lettera delle Nazioni Unite e le interviste con gli operatori umanitari, che l’hanno descritta come una debolezza preoccupante nel processo di registrazione, la frode a Rhino è stata resa possibile da una scarsa supervisione degli addetti alla registrazione OPM da parte dei loro supervisori OPM e dei comandanti degli insediamenti.

La lettera afferma che false identità camuffate da nuove nascite in famiglie di rifugiati esistenti sono state aggiunte ai database senza una documentazione appropriata, come carte o certificati di nascita.

“Il comandante [dell’insediamento] non effettuava controlli incrociati regolari su ciò che questi [funzionari dell’OPM addetti alla registrazione] stavano facendo”, ha detto l’alto funzionario della cooperazione, riferendosi alla situazione di Rhino. “Aveva solo fiducia in loro”.

Il funzionario della cooperazione ha sostenuto che la frode a Rhino è stata scoperta casualmente. Hanno detto che un problema tecnico nei sistemi dell’UNHCR ha indotto una revisione, che ha poi portato alla scoperta di grandi aumenti nelle dimensioni di alcune famiglie.

Tuttavia, Walusimbi ha affermato che non c’è stato alcun intoppo e che le irregolarità sono state individuate grazie ai “controlli di routine sulla qualità dei dati” e alle misure di salvaguardia introdotte dal 2018. Walusimbi ha detto che “l’area di debolezza” identificata dalla recente frode “è ora in fase di correzione”.

Tuttavia, la vulnerabilità del sistema di registrazione è sottolineata anche dai dati di una linea telefonica di feedback lanciata alla fine del 2018 dalle agenzie umanitarie, in modo che i rifugiati possano richiedere informazioni o presentare reclami sulla corruzione e su altri problemi negli insediamenti.

I dati – contenuti nei verbali della riunione dell’RHPG – mostrano che i reclami di cattiva condotta più comuni presentati nel 2021 e 2022 dai rifugiati riguardavano questioni relative alla registrazione; in totale sono stati presentati 250 reclami.

Ritardo nell’indagine

Anche il tempo impiegato dall’OPM per condurre un’indagine ha suscitato reazioni contrastanti.

Walusimbi ha dichiarato che l’OPM ha incaricato un team nell’agosto 2022 di indagare sulle accuse. Ha detto che l’indagine è stata completata “in autunno” e che a dicembre è stata presentata una richiesta per un’indagine di polizia.

“A differenza del 2018, l’OPM ha istituito un comitato per indagare sulle irregolarità riscontrate e sono state intraprese azioni rapide per identificare e affrontare i problemi e istituire misure punitive contro i responsabili”, ha dichiarato Walusimbi.

Tuttavia, l’alto funzionario della cooperazione ha detto che il divario tra aprile – quando la frode è stata individuata per la prima volta – e il momento in cui l’OPM ha iniziato le sue indagini sul campo ha sollevato dubbi tra gli attori umanitari.

Il funzionario ha detto che alcuni hanno attribuito il ritardo alla burocrazia dell’OPM, mentre altri lo hanno considerato un tentativo di evitare le responsabilità. “Molti pensavano che non sarebbe successo nulla”, ha detto il funzionario.

Preoccupazioni simili sono espresse anche nei verbali della riunione dell’RHPG. Il verbale contiene una citazione di un diplomatico che ha affermato che “la tempistica dell’indagine dell’OPM solleva molte domande”.

Sebbene alcuni membri del personale dell’OPM stiano ora affrontando un procedimento penale per il loro ruolo nella frode, le ricerche condotte sui processi anticorruzione del passato hanno spesso rivelato difetti in questi processi.

Come è accaduto nel caso del 2018, i processi raramente prendono di mira chi è realmente al vertice delle frodi e spesso sono deliberatamente tirati per le lunghe dal governo nella speranza che la comunità internazionale perda interesse.

Corruzione endemica

Per eliminare la cattiva condotta degli operatori governativi di basso livello nei campi profughi sarà necessario affrontare una cultura della corruzione presso l’OPM e l’Uganda in generale – oltre alle soluzioni tecniche – hanno detto funzionari degli aiuti e attivisti anti-corruzione.

“L’OPM, a livello nazionale, è implicato in questi processi [di frode] locali in vari modi”, ha dichiarato Marlon Agaba, direttore esecutivo dell’Anti-Corruption Coalition Uganda (ACCU). “Non ci si può fidare che l’OPM indaghi da solo [sul proprio personale]”.

Lo scandalo più recente dell’OPM è emerso a febbraio e riguardava la sottrazione di lastre di ferro da parte di funzionari, tra cui ministri del governo. Le lamiere erano destinate ai residenti di Karamoja, la regione più povera dell’Uganda.

L’operatore umanitario senior ha affermato che se i ministri sono noti per aver rubato gli aiuti, è probabile che gli addetti alla registrazione negli insediamenti dei rifugiati seguano il loro esempio. “È ovvio che cerchino un modo per trarre profitto”, ha detto il funzionario.

Agaba dell’ACCU ha affermato che l’OPM non è l’unica istituzione da riformare. “Noi, come Paese, perdiamo quasi il 20% [del bilancio nazionale] a causa della corruzione”, ha detto Agaba. “L’OPM lavora in questo contesto”.