Una casta di cialtroni

14 Ottobre 2011

Ennesima “fiducia” del regime Berlusconi (la 53esima) che come le altre è stata condizionata non dalla effettiva fiducia sul Premier ma dal tentativo di raggiungere l’obbiettivo del vitalizio parlamentare, da “gruppi di acquisto” e da cialtroni che in una democrazia normale dove è il cittadino a votare non arriverebbero mai e poi mai alla Camera.

Non solo casta quindi, ma anche cialtroni di bassissimo rango che vivacchiano alle spalle nostre e ai quali non interessa assolutamente niente del bene del Paese, una massa di sanguisughe e parassiti della società che pure di ottenere il tanto agognato vitalizia mandano a fondo il Paese.

Domani a Roma e in altre città ci sarà la grande manifestazione degli indignados dopo che oggi i ragazzi hanno preso d’assalto la sede Fininvest e quella di Goldman Sachs appena saputo della fiducia ottenuta da Berlusconi. I Giovani gridavano “Berlusconi pezzo di merda” e “Berlusconi ladro mafioso” invitandolo ad andarsene.

Domani si raccomanda la massima calma a tutti e si invita a non cadere nei tranelli e nelle provocazioni che sicuramente ci saranno. La manifestazione, a differenza di altre volte, è quasi spontanea e non c’è una regia e una organizzazione, per cui è possibile che qualche guastatore si infili nella legittima protesta. Si prega pertanto di mantenere la massima attenzione.

SOSTIENICI USANDO STRIPE

Sostienici usando PAYPAL

Sostieni Rights Reporter con una piccola donazione

Newsletter

Fai come migliaia di nostri lettori, iscriviti alla nostra newsletter per rimanere sempre aggiornato senza però essere disturbato. Puoi cancellarti quando vuoi
Previous Story

La crisi in Italia spiegata alla stampa straniera (non dileggiate il popolo italiano)

Next Story

Convegno per la pace, la democrazia e lo stato di Diritto in RD Congo. Roma, 20 e21 ottobre

Latest from Senza categoria

Burkina Faso: nuovo golpe militare

A pochi giorni dalle elezioni che avrebbero dovuto portare alla democrazia in Burkina Faso, previste per il prossimo 11 ottobre, i militari hanno deposto
Go toTop