Zelensky all’ONU: “la lotta dell’Ucraina è quella di tutto il mondo”

20 Settembre 2023
discorso zelensky alle nazioni unite

Tutto il mondo ha interesse a contribuire a sconfiggere l’invasione russa dell’Ucraina, ha dichiarato martedì il Presidente ucraino Volodymyr Zelensky all’Assemblea Generale delle Nazioni Unite, facendo intendere che è una questione di sicurezza – persino di sopravvivenza – per molte altre nazioni.

Pronunciando uno dei discorsi più attesi dell’incontro annuale dei leader mondiali, Zelensky ha dipinto la Russia come un aggressore seriale, citando gli interventi militari di Mosca in Moldavia, Georgia e Siria, il suo crescente controllo sulla Bielorussia e le sue minacce contro gli Stati baltici.

“L’obiettivo dell’attuale guerra contro l’Ucraina è trasformare la nostra terra, il nostro popolo, le nostre vite, le nostre risorse, in un’arma contro di voi, contro l’ordine internazionale basato sulle regole”, ha dichiarato.

A quasi 19 mesi dall’inizio di una guerra che non ha fine, i leader delle Nazioni Unite avevano segnalato che volevano che l’Assemblea Generale di quest’anno, iniziata martedì, fosse incentrata sul riscaldamento globale e sullo sviluppo sostenibile dei Paesi più poveri. Speravano di concentrarsi meno sull’Ucraina rispetto all’anno scorso, quando Zelensky si era rivolto all’assemblea in video.

Questa volta, però, Zelensky si è recato a New York per parlare di persona, con l’obiettivo di evitare che il mondo perda l’interesse – o la pazienza – per il più grande conflitto in Europa dalla Seconda Guerra Mondiale. Egli vuole sostenere gli Stati Uniti e i loro alleati e conquistare i molti altri Paesi che hanno evitato accuratamente di schierarsi. Il leader ucraino proseguirà per Washington nel corso della settimana.

Il messaggio di Zelensky, secondo cui la causa dell’Ucraina è globale, ha fatto il paio con le osservazioni del Presidente Biden, che ha detto all’assemblea: “Se permettiamo che l’Ucraina venga fatta a pezzi, l’indipendenza di qualsiasi nazione è sicura? Suggerisco rispettosamente che la risposta è no”.

Zelensky ha affermato che, mentre il mondo si è a lungo concentrato sulla guerra nucleare tra le grandi potenze come minaccia definitiva – il Cremlino ha accennato ripetutamente all’uso di armi nucleari durante le attuali ostilità – ha perso di vista l’importanza di pericoli che possono sembrare meno minacciosi. Ha sottolineato gli sforzi della Russia per bloccare le esportazioni alimentari ucraine, contribuendo alla carenza di cibo in Africa e altrove; la manipolazione del petrolio e del gas per fare pressione su altri Paesi; il bombardamento sistematico delle infrastrutture energetiche dell’Ucraina.

Mosca, ha detto, sta armando questi elementi essenziali “non solo contro il nostro Paese, ma anche contro i vostri”.

Zelensky ha contestato aspramente la pratica russa di prelevare i bambini dalle zone occupate dell’Ucraina per affidarli a lontane famiglie russe. La Corte penale internazionale ha incriminato il presidente Vladimir Putin e il funzionario russo responsabile del benessere dei bambini per queste azioni.

“A quei bambini in Russia viene insegnato a odiare l’Ucraina e tutti i legami con le loro famiglie vengono spezzati, e questo è chiaramente un genocidio”, ha detto Zelensky.

L’Ucraina, ha detto, ha i nomi di decine di migliaia di bambini ucraini che sono stati rapiti e trasferiti dalla Russia. “Stiamo cercando di riportare i bambini a casa, ma il tempo passa”, ha detto. “Cosa ne sarà di loro?”.

Anche il presidente sudafricano Cyril Ramaphosa, uno dei leader mondiali che si è mantenuto rigorosamente neutrale nella guerra, martedì ha detto a sua volta che “i bambini che sono stati portati via dall’Ucraina dovrebbero essere restituiti”.

Putin non partecipa alla sessione e il rappresentante russo non parlerà prima della fine della settimana.

Ramaphosa, che ha incontrato Zelensky a margine dell’incontro, ha offerto il Sudafrica come intermediario per la pace, ma ogni parte in guerra ha posto condizioni per i colloqui che l’altra parte definisce inaccettabili.

L’Ucraina ha cercato di ottenere il sostegno per un programma di accordo in 10 punti che richiede il completo ritiro della Russia e il pagamento dei danni, mentre la Russia insiste sul riconoscimento ucraino e internazionale della sua annessione del territorio ucraino.

Da mesi Zelensky e i suoi collaboratori stanno raccogliendo consensi per un vertice sulla guerra russa che includa anche le nazioni in via di sviluppo che sono state indecise o che addirittura propendono per la Russia. “Per la prima volta nella storia moderna, abbiamo la possibilità reale di porre fine all’aggressione alle condizioni della nazione che è stata attaccata”, ha dichiarato martedì.

Ha messo in guardia da “loschi accordi dietro le quinte” tra le nazioni che cercano la pace, ribadendo l’insistenza dell’Ucraina sul fatto che deve vincere la guerra e non essere costretta ad accettare un accordo che premi l’aggressione russa.

Zelensky ha fatto un parallelo con il destino di Yevgeny V. Prigozhin, il signore della guerra mercenario che si è ribellato ai vertici militari russi, per poi ritirarsi con la garanzia della sua sicurezza. Due mesi dopo è morto quando il suo aereo è misteriosamente caduto.

“Non ci si può fidare del male”, ha detto Zelensky. “Chiedete a Prigozhin”.

[jetpack_subscription_form]

SOSTIENICI USANDO STRIPE

Sostienici usando PAYPAL

Sostieni Rights Reporter con una piccola donazione

Newsletter

Fai come migliaia di nostri lettori, iscriviti alla nostra newsletter per rimanere sempre aggiornato senza però essere disturbato. Puoi cancellarti quando vuoi
sanzioni e guerra economica contro la Russia
Previous Story

Come condurre la guerra finanziaria contro l’economia russa

aiuti militari americani a ucraina
Next Story

Aiuti militari all’Ucraina: è arrivato il momento di uno scatto in avanti

Latest from Guerra Ucraina

Go toTop