Aiuti militari all’Ucraina: è arrivato il momento di uno scatto in avanti

Biden ha fatto molto per l'Ucraina ma è arrivato il momento di fare di più e di farlo meglio

Guerra UcrainaAiuti militari all'Ucraina: è arrivato il momento di uno scatto in avanti

Il Presidente ucraino Volodymyr Zelensky è arrivato a Washington, dove incontrerà il Presidente Biden e i membri del Congresso. Questo è di per sé una sorta di miracolo.

Vale la pena ricordare che pochi esperti militari pensavano che l’Ucraina avrebbe resistito come Paese pienamente sovrano, di orientamento occidentale e democratico per più di qualche giorno o settimana all’invasione su larga scala attuata dal Presidente russo Vladimir Putin, quasi 19 mesi fa. Pochi avrebbero scommesso sulla sopravvivenza di Zelensky.

E praticamente nessuno aveva previsto che l’Ucraina non solo avrebbe resistito, ma anche che, nel giro di pochi mesi, avrebbe respinto le forze russe dal territorio chiave che avevano conquistato, per non parlare del lancio di una controffensiva che ha messo in difficoltà quello che un tempo era considerato il secondo esercito più potente del mondo.

Questi sviluppi sono un tributo a due cose: Primo, la ferrea determinazione di Kiev a rimanere libera dal giogo del Cremlino. In secondo luogo, la determinazione dell’Occidente – soprattutto di Biden – a fornire agli ucraini i mezzi per combattere. E hanno combattuto.

Tuttavia, l’Occidente, e in particolare gli Stati Uniti, non hanno fatto abbastanza per aiutare Kiev a raggiungere qualcosa che possa essere definito una vittoria. Nonostante i risultati ottenuti dall’Ucraina sul campo di battaglia, è evidente che la guerra, che ha ucciso o ferito quasi mezzo milione di soldati, non finirà presto.

Putin, dopo aver riattrezzato l’industria russa per una guerra di logoramento, sta giocando con il tempo nella speranza che Donald Trump conquisti nuovamente la Casa Bianca e riduca gli aiuti statunitensi all’Ucraina. Zelensky, dopo essersi reinventato come uno dei leader di guerra più ispirati della storia moderna, ha radunato i suoi connazionali con l’appello a spingere gli invasori fuori da quel 20% circa del Paese che occupano.

Questo obiettivo potrebbe non essere raggiungibile, almeno non a breve. La controffensiva ucraina, lanciata a giugno, è stata lenta e sanguinosa. È impossibile dire se le forze ucraine avrebbero avuto più successo se avessero ricevuto tutte le armi che Zelensky e i suoi generali più importanti hanno invocato – o se le avessero ricevute prima. È innegabile che le spedizioni di armi statunitensi all’Ucraina siano state consistenti. È altrettanto vero che l’amministrazione Biden ha ripetutamente tirato per le lunghe.

È ormai un modello consolidato che la Casa Bianca si sia opposta alle richieste ucraine di armi avanzate, per poi concederle mesi dopo. Lo ha fatto con i carri armati M1 Abrams, i caccia F-16, i lanciarazzi HIMARS, i missili di difesa aerea e altre armi. Anche ora, mesi dopo che Biden ha approvato l’addestramento degli F-16 per i piloti ucraini, ci vorranno mesi prima che questi aerei vengano schierati a sostegno delle forze di Kiev.

Secondo quanto riferito, Biden starebbe valutando se approvare la consegna all’Ucraina di missili a lungo raggio di fabbricazione statunitense, noti come ATACMS, un’arma che Zelensky ha richiesto per mesi. La Casa Bianca e il Pentagono si sono opposti alla richiesta, affermando che gli Stati Uniti hanno troppo pochi ATCMS nel loro arsenale, che non sono un’arma particolarmente efficace o che gli ucraini non ne hanno bisogno.

Nel frattempo, i francesi e i britannici hanno fornito all’Ucraina missili da crociera a lancio aereo con una gittata simile a quella degli ATACMS. Le forze ucraine li avrebbero utilizzati la settimana scorsa per attaccare la flotta russa del Mar Nero a Sebastopoli, in Crimea, danneggiando gravemente una nave e un sottomarino in bacino di carenaggio.

Non esiste un singolo sistema d’arma che possa fornire agli ucraini una potenza di fuoco rivoluzionaria. Tuttavia, nel corso del tempo, gli ucraini hanno dimostrato di saper usare la maggior parte delle armi che gli sono state fornite. Biden dovrebbe smettere di indugiare e fornire a Kiev gli ATACMS.

Al successo di Biden nel galvanizzare gli alleati statunitensi non è corrisposto un pressing a tutto campo per preparare gli americani a una lunga lotta. La Casa Bianca ripete che sarà al fianco dell’Ucraina “fino a quando sarà necessario”. L’obiettivo implicito è quello di convincere Putin che la guerra è diventata troppo costosa – per l’esercito, l’economia e la posizione della Russia nel mondo – per continuare. L’idea è che alla fine potrebbe essere costretto a negoziare se sottoposto alla giusta combinazione di pressioni e incentivi.

Tuttavia, mentre Biden ha tenuto discorsi sull’Ucraina durante i suoi viaggi in Lituania e a Kiev, non ha ancora tenuto un discorso importante sulla guerra dallo Studio Ovale, rivolto al popolo americano. Egli può spiegare con forza la necessità di intensificare il sostegno degli Stati Uniti, spiegando anche l’effetto deterrente della sua politica sulle ambizioni cinesi in Asia orientale. Dovrebbe essere un messaggio con un appeal bipartisan: il modo migliore per dissuadere la Cina dall’invadere Taiwan è riuscire a contrastare la Russia in Ucraina.

La leadership di Biden in questa guerra è stata fondamentale per la sopravvivenza dell’Ucraina. Ora deve insistere per costringere Mosca a chiedere la pace.