Attacco a Rafah: si dilata la frattura tra USA e Israele

7 Maggio 2024
attacco a Rafah i civili fuggono

Di Michael R. Gordon – L’intensa campagna pubblica e privata dell’amministrazione Biden per evitare l’assalto di Israele a Rafah è diventata il test più duro che abbia mai affrontato l’alleato mediorientale.

Ore dopo che il Presidente Biden aveva messo in guardia il Primo Ministro israeliano Benjamin Netanyahu da un assalto su larga scala a Rafah, l’esercito israeliano ha condotto quelli che ha definito attacchi aerei mirati nella parte orientale della città e ha inviato i carri armati mentre si impadroniva del valico di frontiera dell’enclave con l’Egitto.

L’attacco israeliano ha evidenziato l’ampio divario tra Biden e Netanyahu sulla strategia da adottare per garantire il rilascio degli ostaggi detenuti da Hamas e, in ultima analisi, per porre fine ai combattimenti.

Finora la Casa Bianca non ha ottenuto un cessate il fuoco tra Hamas e Israele né ha convinto Netanyahu a rinviare l’offensiva di Rafah.

Lunedì Hamas ha dichiarato di aver accettato un cessate il fuoco temporaneo. Gli Stati Uniti hanno detto che stavano esaminando la risposta di Hamas, mentre Israele ha evidenziato come il gruppo terrorista ha introdotto nuove condizioni.

L’affermazione di Hamas di aver accettato il cessate il fuoco è apparsa più come una controfferta, volta a far ricadere su Israele l’onere di impedire la tregua. Anche l’attacco di Israele a Rafah potrebbe essere stata una tattica negoziale, volta almeno in parte a far capire ad Hamas i costi del mancato accordo per il rilascio degli ostaggi.

Dal suo viaggio di guerra in Israele dopo l’attacco a sorpresa di Hamas del 7 ottobre, il Presidente Biden è emerso come uno dei più forti sostenitori del Paese.

Miliardi di dollari in armi americane sono affluiti in Israele e gli Stati Uniti hanno ripetutamente difeso il diritto di Israele a difendersi, una strategia di “abbraccio dell’orso” che i funzionari statunitensi speravano consentisse a Washington di lavorare dietro le quinte per influenzare i calcoli dei leader israeliani.

Nelle ultime settimane, l’amministrazione Biden ha progressivamente aumentato la pressione su Israele e Hamas per cercare di ottenere un cessate il fuoco di sei settimane, che i funzionari statunitensi speravano di poter trovare un modo per estendere attraverso un’ulteriore diplomazia.

Secondo i funzionari statunitensi, una pausa è necessaria per garantire il rilascio degli ostaggi, compresi i cittadini americani, e fornire un’opportunità per gli sforzi diplomatici volti a incoraggiare la normalizzazione delle relazioni tra Arabia Saudita e Israele.

“Se saremo in grado di ottenere l’accordo, il cessate il fuoco e la liberazione degli ostaggi, cercheremo il modo di costruire qualcosa che sia sostenibile nel tempo”, ha dichiarato mercoledì il Segretario di Stato Antony Blinken dopo un incontro a Gerusalemme con Netanyahu.

Netanyahu, al contrario, ha sottolineato l’imperativo di distruggere i quattro battaglioni di Hamas e portare la guerra in casa della leadership del gruppo a Rafah.

“L’idea di fermare la guerra prima di aver raggiunto tutti i suoi obiettivi è fuori discussione”, ha detto Netanyahu la scorsa settimana, secondo una dichiarazione del suo ufficio. Ha aggiunto che Israele entrerà a Rafah per distruggere i battaglioni di Hamas “con o senza un accordo”.

Anche se un cessate il fuoco si rivelasse elusivo, gli Stati Uniti hanno detto per settimane che non avrebbero appoggiato una grande incursione di terra israeliana a Rafah, a meno che Israele non presentasse un piano efficace per garantire che più di un milione di palestinesi che si sono rifugiati nella città non siano in pericolo o tagliati fuori dall’assistenza umanitaria – un obiettivo che secondo alcuni funzionari statunitensi potrebbe non essere realizzabile.

“Gli Stati Uniti non sosterranno l’offensiva di Rafah attualmente prevista da Israele”, ha dichiarato lunedì il portavoce del Dipartimento di Stato Matthew Miller. “Tale offensiva aumenterebbe drammaticamente le sofferenze del popolo palestinese”.

Lunedì, gli israeliani hanno sganciato dei volantini che dicevano a 100.000 persone di evacuare la parte orientale di Rafah per la zona costiera di al-Mawasi e avvertivano che avrebbero usato “la forza estrema contro le organizzazioni terroristiche nelle aree in cui vivete”.

Questa mossa israeliana ha stimolato la speculazione che il piano di Israele potrebbe essere quello di evitare il grande assalto di terra contro il quale gli Stati Uniti hanno messo in guardia, almeno per ora, conducendo una serie di operazioni più limitate mentre prende il controllo del confine tra Gaza e l’Egitto.

Allo stesso tempo, il gabinetto di guerra israeliano ha dichiarato di voler inviare una delegazione ai colloqui per il cessate il fuoco, ancora in corso, ma di voler continuare l’operazione di Rafah per fare pressione su Hamas affinché rilasci gli ostaggi e per portare avanti “gli altri obiettivi della guerra”, ha dichiarato l’ufficio di Netanyahu in un comunicato.

mappa Rafah

“Sembra che abbiano intenzione di farlo in modo graduale. Non sarà quello contro cui l’amministrazione Biden ha inveito”, ha dichiarato Aaron David Miller, ex negoziatore di pace statunitense, ora al Carnegie Endowment for International Peace. “Il calcolo di Netanyahu è molto più incentrato sul mantenimento della sua coalizione che sulla felicità di Joe Biden”.

La popolarità di Netanyahu sta iniziando a riprendersi dopo il crollo del 7 ottobre, quando le carenze di sicurezza di Israele hanno permesso ad Hamas di attaccare il sud di Israele e di uccidere 1.200 persone. Ma la sua sopravvivenza come primo ministro dipende dal mantenere intatta la sua risicata maggioranza parlamentare e dal non alienarsi i membri di estrema destra del suo governo che si oppongono a fermare la guerra fino a quando l’ultimo bastione di Hamas a Rafah non sarà preso.

Lunedì nella telefonata di 30 minuti tra Biden e Netanyahu, il presidente ha discusso i negoziati per il cessate il fuoco e l’accordo sugli ostaggi. La Casa Bianca ha dichiarato che Israele ha accettato di riaprire il valico di frontiera di Kerem Shalom, utilizzato per convogliare gli aiuti a Gaza, che era stato chiuso dopo che domenica un attacco missilistico di Hamas aveva ucciso quattro soldati israeliani.

Il timore dell’amministrazione Biden è che anche un’operazione limitata possa spingere centinaia di migliaia di palestinesi a fuggire, sovraccaricando i rifugi, il cibo e l’assistenza medica che potrebbero essere raccolti per la popolazione sfollata di Rafah.

Con le due parti in disaccordo sulla potenziale operazione di Rafah, l’amministrazione Biden ha ritardato la consegna di migliaia di armi di precisione a Israele, la seconda volta negli ultimi mesi che gli Stati Uniti hanno bloccato un accordo sulla consegna di armi al loro più stretto alleato in Medio Oriente nel contesto della guerra a Gaza.

La mossa riguarda fino a 6.500 munizioni da attacco diretto congiunto (Joint Direct Attack Munitions), che consentono di dirigere bombe non guidate verso un obiettivo grazie alla guida satellitare.

La Casa Bianca non ha confermato né smentito la mossa, ma la tempistica ha suggerito che fosse parte della sua strategia per fare pressione su Israele affinché non attacchi la città Rafah.

Autore Ospite

I migliori autori ed inviati delle maggiori testate internazionali tradotti dallo staff di Rights Reporter

SOSTIENICI USANDO STRIPE

stampa italiana succube di hamas
Previous Story

Povera stampa italiana succube (felice) di Hamas

ostaggi di hamas
Next Story

Altro che trattative, Hamas non ha abbastanza ostaggi vivi

Latest from Medio Oriente

nuovo piano americano per gaza

Ecco il nuovo piano americano per Gaza

Secondo POLITICO l’amministrazione Biden sta valutando la possibilità di nominare un funzionario statunitense come massimo consigliere civile di una forza prevalentemente palestinese al termine
Go toTop