Come la Cina sta invadendo l’area economica della Russia

Altro che "amicizia senza limiti". Alla Russia l'amicizia cinese costa molto cara. La guerra in Ucraina, le sanzioni e ora l'espansione cinese nelle aree economiche in Asia che fino a ieri erano di esclusiva competenza di Mosca, stanno (non tanto) lentamente strangolando la Russia
3 Luglio 2024
Cina invade zone economiche della Russia

Quando Vladimir Putin ha visitato Tashkent, capitale dell’Uzbekistan, nell’ambito di una recente offensiva di charme in Asia, i funzionari locali hanno decorato i viali con manifesti del volto del leader russo – un tributo atteso in una ex repubblica sovietica dove Mosca proietta ancora una grande ombra.

Ma sotto i manifesti c’era la prova di un cambiamento con implicazioni cupe per il peso internazionale di Mosca: Sempre più auto con marchi cinesi come BYD e Geely circolano per le strade dell’Uzbekistan, mentre il numero di Lada russe diminuisce.

Le relazioni tra Cina e Russia sono a un livello storico, mentre le potenze autoritarie si coalizzano per affrontare quella che considerano una campagna occidentale volta a ingabbiare entrambe. Ma in Asia centrale, che Mosca considera il suo cortile di casa, l’amicizia che Putin e il leader cinese Xi Jinping hanno dichiarato essere “senza limiti” si sta scontrando con le ambizioni globali di Pechino.

Questa tensione aleggia sullo sfondo con Xi e Putin che questa settimana si trovano entrambi in Kazakistan per un vertice della Shanghai Cooperation Organization, un blocco politico e di sicurezza regionale. Xi dovrebbe proseguire per il Tagikistan, nell’ambito della sua ottava visita in Asia centrale da quando è diventato presidente della Cina nel 2013.

La Cina ha approfittato dell’invasione dell’Ucraina per intaccare le tradizionali sfere d’influenza russe. In Asia centrale, come nell’Artico, la dipendenza di Mosca da Pechino per sostenere la sua macchina da guerra la costringe ad accettare gli sconfinamenti.

In tutta la regione, situata in posizione strategica, Pechino sta attirando le economie locali nella sua orbita. Gli investimenti cinesi stanno allontanando i giovani lavoratori della regione dalla Russia. Una ferrovia finanziata dalla Cina promette di collegarla all’Europa, aggirando il territorio russo. I progetti cinesi sulle energie rinnovabili stanno contribuendo a ridurre la dipendenza dal gas russo.

Sanjarbek Qulmatov, un operaio di 29 anni che lavora in una fabbrica cinese nell’Uzbekistan centrale, ha dichiarato che il denaro cinese ha cambiato radicalmente le prospettive di lavoro per lui e per i suoi connazionali.

Secondo l’Organizzazione Internazionale per le Migrazioni delle Nazioni Unite, nel 2023 lavoravano in Russia circa 1,3 milioni di uzbeki, in calo rispetto agli 1,45 milioni dell’anno precedente. Le ragioni del calo sono complesse, ma Qulmatov le attribuisce in parte all’aumento delle alternative finanziate dalla Cina.

“Chiunque sia disoccupato può trovare lavoro qui invece di dover andare in Russia”, ha detto.

Per la Russia zarista, l’Asia Centrale era simile a ciò che l’Occidente era per i pionieri americani: un territorio presumibilmente selvaggio in cui espandersi, modernizzarsi ed estrarre risorse. Lo sfruttamento e la modernizzazione sono continuati sotto i sovietici, che hanno custodito gelosamente i confini del loro impero contro l’invasione cinese.

Il cambiamento di potere nella regione è in atto da anni, ma si è accelerato dopo l’invasione dell’Ucraina da parte della Russia, che è stata vista da molti nella regione come una violazione bieca e minacciosa dell’integrità territoriale di una ex repubblica sovietica. Invece di sostenere Mosca, tutti e cinque gli Stati dell’Asia centrale hanno scelto di rimanere neutrali rispetto all’invasione.

“La Cina offre un’immagine del futuro dell’Asia centrale. La Russia è un regime politico miope che non investe negli obiettivi strategici dell’Asia centrale”, ha dichiarato Temur Umarov, borsista del Carnegie Russia Eurasia Center.

Per la Cina e la Russia, due potenze terrestri, l’Asia centrale è una via di comunicazione sempre più importante. Offre a Putin un accesso più diretto ai mercati dell’Asia meridionale. Ed è centrale per la Belt and Road Initiative di Xi, il vasto progetto infrastrutturale che mira a collegare la Cina al resto del continente eurasiatico attraverso varie rotte terrestri e marittime.

Anche gli Stati Uniti hanno recentemente intensificato gli sforzi per riguadagnare la propria influenza in Asia centrale, inviando nella regione una serie di funzionari di alto livello, anche se la loro attenzione è stata per lo più limitata alla lotta contro la recrudescenza del terrorismo dall’Afghanistan.

Per anni, Russia e Cina hanno avuto una tacita divisione del lavoro nella regione: La Russia è il principale fornitore di sicurezza, mentre la Cina si concentra sullo sviluppo e sugli investimenti.

Ora, Pechino sta ribaltando l’equilibrio, rafforzando il suo ruolo e utilizzando il suo enorme potere economico per aumentare la sua influenza politica. L’anno scorso gli scambi commerciali tra Cina e Asia centrale sono saliti a 98 miliardi di dollari, più che triplicati rispetto al 2016.

Secondo le statistiche ufficiali in Uzbekistan, la più popolosa e industrializzata delle cinque nazioni post-sovietiche dell’Asia centrale, la Cina ha scalzato la Russia dal primo posto tra i partner commerciali nel 2023. Il Paese sta cercando di integrarsi nell’economia globale dopo due decenni di isolazionismo.

Il parco industriale Peng Sheng, dove lavora Qulmatov, è stato avviato con finanziamenti cinesi vicino alla città centrale uzbeka di Sirdaryo nel 2009. Con un recente afflusso di investimenti, ora ospita più di una dozzina di aziende cinesi.

Qulmatov ha detto che gli piace portare suo figlio in un parco, anch’esso costruito con fondi cinesi, vicino alla zona industriale e spera di mandare il bambino in un nuovo asilo che insegna in cinese e inglese.

“Mi piacerebbe vedere ancora più aziende cinesi qui”, ha detto.

Un’azienda cinese appena arrivata, la BYD, produttrice di veicoli elettrici, ha iniziato la produzione giovedì in un nuovo stabilimento a Jizzax, la provincia in cui è nato il presidente uzbeko Shavkat Mirziyoyev, con l’obiettivo di produrre 50.000 veicoli all’anno. Le batterie e altri componenti chiave saranno spediti dalla Cina, mentre i lavoratori locali si occuperanno di tutto, dalla saldatura alla verniciatura, fino all’assemblaggio delle auto.

Secondo le statistiche ufficiali, nel 2023 quasi l’80% degli oltre 73.000 veicoli importati dall’Uzbekistan proveniva dalla Cina. La Russia ha esportato circa 4.500 auto in Uzbekistan nel 2021, ma la domanda è scesa così tanto che le auto del Paese sono ora raggruppate nella categoria “altri Paesi”.

Un nuovo tunnel di 12 miglia costruito in Cina ha aperto la strada al primo collegamento ferroviario diretto tra la Valle di Fergana, nell’estremo Uzbekistan orientale, e il resto del Paese. Un’autostrada costruita in Cina che collega il nord e il sud del Tagikistan ha ridotto i tempi di percorrenza di otto ore.

In passato, la maggior parte delle linee ferroviarie e delle autostrade costruite dai sovietici in Asia centrale conducevano a Mosca. La mancanza di collegamenti interni e con il resto del mondo rendeva l’Asia Centrale uno dei luoghi più isolati al mondo.

Potrebbero essere in arrivo cambiamenti più importanti. All’inizio di giugno, i presidenti di Cina, Kirghizistan e Uzbekistan hanno firmato un accordo chiave per la costruzione di una linea ferroviaria destinata a collegare i loro Paesi, di cui si discuteva dal 1997. Il progetto accorcerebbe i viaggi tra l’Asia orientale, il Medio Oriente e l’Europa meridionale di centinaia di chilometri, aggirando la Russia.

Per anni, la Russia ha usato la sua influenza sul Kirghizistan, membro dell’Unione economica eurasiatica a guida russa, per rallentare lo sviluppo della linea, secondo Mirshohid Aslanov, fondatore del think tank Center for Progressive Reforms di Tashkent, che in precedenza ha lavorato come diplomatico uzbeko. Ma le sanzioni legate alla guerra in Ucraina hanno cambiato le dinamiche del commercio attraverso la Russia.

La Cina sta sfidando la Russia anche nel settore energetico, tradizionalmente dominato da Mosca. L’Uzbekistan ha firmato un accordo per l’acquisto di gas russo nel 2023 dopo una serie di blackout, ma finora ha limitato il contratto a due anni, secondo gli analisti per evitare che la Russia usi il gas come leva politica.

Nel frattempo, camion e treni che trasportano moduli solari e turbine eoliche dei campioni cinesi delle energie rinnovabili LONGi e Goldwind attraversano il Paese, nell’ottica della spinta di Tashkent a ricavare almeno il 40% della produzione di energia elettrica da fonti rinnovabili entro il 2030.

“Siamo amici della Russia, ma allo stesso tempo siamo alla ricerca di opportunità”, ha dichiarato Aslanov. “Stiamo guardando con grande interesse verso est”.

La Cina non può usurpare completamente il ruolo della Russia. Le carriere e le reti delle élite della regione sono profondamente intrecciate con Mosca e il russo rimane la lingua franca. Secondo un sondaggio condotto nel 2022 dall’organizzazione no-profit Central Asia Barometer, la popolazione della regione tende ancora a considerare la Russia più favorevolmente della Cina.

La reputazione della Cina è stata danneggiata dal trattamento riservato agli uiguri musulmani turchi, con i quali molti in Asia centrale condividono cultura e lingua, e dal sentimento anticinese fomentato da alcuni media in lingua russa.

Ma ci sono già segni che la Cina sta facendo breccia in una nuova generazione di élite dell’Asia centrale.

Nodirxon Mahmudov, uno studente di economia di 19 anni che si è diplomato in una scuola superiore d’élite in Uzbekistan, ha detto che tre dei suoi 26 compagni di classe sono andati in Cina a studiare e nessuno è andato in Russia. In passato, ha detto, molti si sarebbero iscritti alle università russe.

Mahmudov, che dice di desiderare una BYD, lavora anche come marketing manager presso la Hong Kong Academy, una società privata di insegnamento delle lingue. In un pomeriggio d’estate, otto studenti di età compresa tra gli 11 e i 21 anni stavano studiando diligentemente i caratteri cinesi in un corso per principianti.

Secondo Mahmudov, anche funzionari governativi e uomini d’affari si recavano all’accademia in cerca di tutor cinesi per il loro avanzamento professionale. “Tutti pensano che la Cina sia il futuro”, ha detto.

Vasyl Bodnar

Italo - Ucraino tornato in patria per difenderla dall'invasore russo. Laureato in scienze politiche, analista per l'Est Europa, hacker etico per RR

SOSTIENICI USANDO STRIPE

Sostienici usando PAYPAL

Sostieni Rights Reporter con una piccola donazione

Newsletter

Fai come migliaia di nostri lettori, iscriviti alla nostra newsletter per rimanere sempre aggiornato senza però essere disturbato. Puoi cancellarti quando vuoi
Yahya Sinwar capo di hamas a Gaza
Previous Story

Yahya Sinwar: “o la vittoria o il martirio”

joe biden ritiro o corsa USA 2024
Next Story

Cosa succederebbe se Biden si ritirasse dalle elezioni?

Latest from Report e analisi

Go toTop