Cosa vuol dire per Israele l’accusa di genocidio (spiegato bene)

Una bassa "plausibilità" unita alle dichiarazioni incendiare di alcuni ministri fanno della richiesta del Sudafrica un terreno per molti versi scivoloso
11 Gennaio 2024
corte di giustizia dell'Aia

DI JEREMY SHARON (TOI) Oggi, per la prima volta nella sua storia, Israele si troverà sul banco degli imputati della Corte internazionale di giustizia dell’Aia con l’accusa di genocidio.

Sebbene l’idea che Israele stia commettendo un genocidio nella guerra di Gaza, ovvero che stia intenzionalmente uccidendo civili palestinesi, possa sembrare stravagante per alcuni, le accuse sono estremamente serie e anche una sentenza provvisoria contro Israele potrebbe avere un grave impatto sul suo status internazionale e sulla sua reputazione globale, con conseguenze diplomatiche e politiche potenzialmente disastrose.

Una sentenza contro Israele potrebbe persino influenzare la condotta della guerra contro il regime del gruppo terroristico di Hamas a Gaza.

Il ricorso del Sudafrica alla Corte internazionale di giustizia contro Israele sostiene che Israele ha violato la Convenzione sul genocidio, di cui è firmatario. L’istanza cita il gran numero di civili palestinesi uccisi durante la guerra e la grave riduzione dell’accesso al cibo, all’acqua e alle cure mediche della popolazione di Gaza, che secondo il Sudafrica sono il risultato di uno sforzo pianificato da Israele per commettere un genocidio contro i palestinesi di Gaza.

In modo critico, le numerose dichiarazioni incendiarie rilasciate dai ministri del governo israeliano sui palestinesi di Gaza hanno dato al Sudafrica una piattaforma per sostenere che lo Stato di Israele ha l’intenzione di commettere un genocidio, un aspetto cruciale di qualsiasi accusa di genocidio.

Anche se una sentenza definitiva richiederà probabilmente anni, il Sudafrica ha chiesto alla Corte di emettere ordini provvisori contro Israele che potrebbero andare dalla richiesta di un cessate il fuoco totale e immediato – a cui Israele e gli Stati Uniti si oppongono fermamente perché Hamas deve ancora essere smantellato – a ordini più moderati, come l’insistenza sul permesso di far entrare più aiuti umanitari.

Ma sarebbe la stessa sentenza provvisoria, ovvero che le accuse del Sudafrica siano plausibili, a danneggiare maggiormente la posizione di Israele.

Per Israele, l’asticella per stabilire la plausibilità di azioni genocide è molto più bassa rispetto a quella di una sentenza definitiva, e questo mette lo Stato ebraico in un potenziale pericolo significativo. Per cominciare, sarebbe certamente più difficile per gli Stati Uniti, o per qualsiasi altro Paese incline a stare dalla parte di Israele, farlo se la Corte internazionale di giustizia stabilisse che il Paese potrebbe commettere un genocidio.

Il caso davanti al tribunale

Cosa ha portato a questo momento senza precedenti e preoccupante nella storia di Israele?

Il 7 ottobre, migliaia di terroristi guidati da Hamas hanno attraversato il confine con Israele da Gaza e hanno ucciso circa 1.200 persone, la maggior parte delle quali erano civili, commettendo anche gravi atrocità, tra cui stupri di massa, torture e altri crimini.

Hanno preso in ostaggio circa 240 persone, di cui 132 sono ancora prigioniere, anche se non tutte vive.

Israele ha quindi dichiarato guerra a Gaza con l’obiettivo di eliminare Hamas e la sua capacità di minacciare la sicurezza di Israele e di liberare gli ostaggi. In questa campagna, le Forze di Difesa Israeliane si trovano ad affrontare una situazione in cui Hamas ha piazzato i suoi combattenti e costruito le sue installazioni militari in tutte le infrastrutture civili di Gaza, compresi ospedali, scuole, moschee e case.

Il ministero della Sanità di Gaza, gestito da Hamas, afferma che oltre 23.000 persone sono state uccise nei combattimenti, anche se queste cifre non possono essere verificate in modo indipendente e si ritiene che includano sia civili che combattenti, alcuni dei quali come conseguenza del lancio di razzi da parte dei gruppi terroristici. L’IDF afferma di aver ucciso oltre 8.500 combattenti di Hamas a Gaza, oltre a circa 1.000 terroristi all’interno di Israele il 7 ottobre.

La richiesta del Sudafrica alla Corte internazionale di giustizia sostiene che Israele ha violato diversi articoli della Convenzione sulla prevenzione e la punizione del crimine di genocidio – di cui Israele è firmatario – durante la guerra, tra cui la commissione di genocidio, l’incitamento al genocidio, il tentativo di genocidio e la mancata punizione dell’incitamento al genocidio.

Il documento afferma che il 70% delle vittime gazane sono donne e bambini e descrive in dettaglio i pesanti bombardamenti aerei su Gaza condotti dall’aviazione israeliana e l’uso di bombe di grandi dimensioni e talvolta non guidate.

Il documento segnala anche “notizie di persone disarmate… che vengono uccise a vista”, ricordando l’incidente di dicembre in cui tre ostaggi israeliani, riusciti a sfuggire ai loro rapitori, sono stati erroneamente uccisi dalle forze dell’IDF nonostante sventolassero bandiere bianche.

Il documento descrive anche il ridotto accesso dei gazesi al cibo, all’acqua e alle cure mediche a causa della guerra e delle politiche israeliane riguardanti l’ingresso di tali beni e del carburante nella Striscia di Gaza.

Hamas si impadronisce degli aiuti per gaza
Uomini armati di Hamas si impadroniscono degli aiuti umanitari per Gaza

Il documento illustra inoltre quelli che considera commenti altamente problematici da parte del Primo Ministro Benjamin Netanyahu, del Ministro della Difesa Yoav Gallant, del Ministro delle Finanze Bezalel Smotrich e del Ministro della Sicurezza Nazionale Itamar Ben Gvir, tutti membri del Gabinetto di Sicurezza che prende decisioni politiche sulla prosecuzione della guerra. La richiesta sostiene che questi commenti hanno disumanizzato i palestinesi, minacciato attacchi indiscriminati su Gaza o potrebbero essere intesi come minacce ai civili gazesi.

“Gli atti e le omissioni di Israele denunciati dal Sudafrica hanno un carattere genocida, in quanto mirano alla distruzione di una parte sostanziale del gruppo nazionale, razziale ed etnico palestinese”, si legge nel ricorso.

In tutte le sue 84 pagine, la richiesta del Sudafrica non fa alcun riferimento alla pratica documentata di Hamas di incorporare le sue installazioni militari e i suoi combattenti in tutti gli aspetti delle infrastrutture civili di Gaza, compresi ospedali, moschee, scuole, case, strutture delle Nazioni Unite e altri siti simili, anche quando si parla di attacchi israeliani a tali infrastrutture.

Hamas nasconde armi negli ospedali
Alcune delle armi trovate all’interno del complesso ospedaliero di Al-Shifa a Gaza City, il 22 novembre 2023. (Foto di Ahikam SERI / AFP)

La massiccia rete di tunnel di Hamas, in gran parte situati sotto luoghi civili e utilizzati esclusivamente per scopi militari, viene menzionata una sola volta, e solo per sollevare preoccupazioni sull’impatto ecologico dell’allagamento di tali tunnel, che Israele ha effettuato.

Il team legale che rappresenta Israele non parla con la stampa e il Ministero della Giustizia e altre agenzie israeliane competenti hanno mantenuto il riserbo sulla linea che la difesa adotterà.

Ma sembra probabile che il principale rappresentante legale di Israele nell’aula della Corte internazionale di giustizia dell’Aia, l’avvocato britannico Malcom Shaw, sosterrà che le vittime civili sono il risultato non intenzionale dell’obiettivo bellico di Israele di distruggere Hamas e del fatto che il gruppo terroristico ha profondamente radicato le sue strutture militari e i suoi combattenti tra la popolazione civile e le infrastrutture di Gaza.

La difesa probabilmente indicherà anche i milioni di volantini che l’IDF ha sganciato sulle aree di Gaza prese di mira, e le decine di migliaia di telefonate e messaggi di testo che ha fatto per dire ai civili di evacuare.

Queste misure sono state adottate per rispettare l’obbligo, previsto dalle leggi sui conflitti armati, di avvertire adeguatamente i civili che si trovano in una zona di combattimento dell’imminente pericolo per le loro vite.

E probabilmente si obietterà che i commenti dei ministri della sicurezza israeliani sono stati estrapolati dal contesto, che non erano diretti alla popolazione civile palestinese ma ai leader e ai combattenti di Hamas, o che non hanno trovato riscontro nella condotta dell’IDF.

Pericolo giuridico nazionale

Qual è dunque la probabilità che la Corte internazionale di giustizia si pronunci contro Israele?

Il procedimento iniziale che si svolgerà giovedì e venerdì riguarderà la richiesta del Sudafrica di ordinare misure provvisorie contro Israele sulla base delle accuse di genocidio.

Per prendere una decisione di questo tipo non è necessario che Israele sia colpevole di genocidio, ma piuttosto che le accuse siano considerate “plausibili”, ha dichiarato il Prof. Eliav Lieblich della Facoltà di Legge dell’Università di Tel Aviv.

“È una soglia probatoria bassa: basta dimostrare prima facie che ciò che si dice è plausibile”, ha spiegato Lieblich.

La richiesta sudafricana di misure provvisorie ruota quindi in gran parte intorno ai commenti dei politici e a vari video girati dai soldati dell’IDF a Gaza in cui fanno commenti incendiari sui palestinesi, ha detto Lieblich.

Tra i commenti più incendiari fatti da politici israeliani di alto livello ci sono le osservazioni di Netanyahu del 28 ottobre, in cui ha fatto riferimento al nemico biblico degli antichi israeliti, dicendo: “Dovete ricordare ciò che Amalek vi ha fatto, dice la nostra Sacra Bibbia. E noi lo ricordiamo”. La candidatura sudafricana ha citato questo commento, oltre al versetto biblico in Samuele I che comanda agli israeliti di uccidere tutti gli uomini, le donne e i bambini di Amalek.

Nello stesso discorso, tuttavia, Netanyahu ha insistito sul fatto che “l’IDF fa di tutto per evitare di danneggiare i non combattenti” e ha detto che stava “invitando la popolazione civile ad evacuare” in aree sicure a Gaza.

La richiesta del Sudafrica ha anche notato la descrizione di Netanyahu della guerra in un altro discorso come una tra “i figli della luce e i figli delle tenebre”, che ha descritto come “disumanizzante”.

La richiesta fa riferimento anche al commento di Gallant, secondo cui Israele sta “combattendo contro animali umani” e “agirà di conseguenza”, e a un’osservazione di Smotrich, che ha detto: “Dobbiamo sferrare un colpo che non si vedeva da 50 anni e distruggere Gaza”.

Il documento fa inoltre riferimento a una dichiarazione di Ben Gvir: “Quando diciamo che Hamas deve essere distrutto, significa anche che coloro che festeggiano, coloro che sostengono e coloro che distribuiscono caramelle – sono tutti terroristi e dovrebbero essere distrutti”.

Il capo del partito Otzma Yehudit, il ministro della Sicurezza nazionale Itamar Ben Gvir

E ha citato un famigerato suggerimento del Ministro del Patrimonio Amichai Eliyahu, secondo il quale Israele stava prendendo in considerazione l’uso di una bomba nucleare a Gaza, e il suo commento che “non esistono civili non coinvolti a Gaza”.

Lieblich descrive questi commenti come “sconsiderati” e “irresponsabili” che non avrebbero mai dovuto essere fatti e che ora hanno messo Israele in una grande quantità di problemi a causa del requisito di provare l’intento nelle accuse di genocidio.

“Se questi commenti non fossero stati pronunciati, non ci sarebbe stata alcuna base intenzionale per il caso”, ha detto.

Il professore ha detto che la difesa legale di Israele sarà impegnata in “una lotta in salita” in cui dovrà convincere la corte che il primo ministro e altri ministri del gabinetto non intendevano quello che hanno detto e che le loro parole non riflettono ciò che è realmente accaduto sul campo a Gaza.

Nel caso di ministri come Eliyahu, così come di alcuni membri dell’esercito e della Knesset che hanno anch’essi fatto commenti incendiari, il team di difesa probabilmente sottolineerà il fatto che non sono membri del gabinetto di sicurezza e quindi non hanno alcun controllo sulle politiche di guerra di Israele, e che i loro commenti sono quindi irrilevanti per le accuse di genocidio.

Anche le misure adottate dall’IDF per evitare vittime civili, tra cui l’addestramento da parte di esperti di diritto internazionale e la supervisione delle operazioni dell’IDF da parte di funzionari legali dell’IDF, così come gli avvertimenti di evacuazione, saranno probabilmente citati dalla difesa.

Un processo equo?

Una componente cruciale del procedimento dell’ICJ è se Israele possa ricevere un’udienza equa.

I 15 giudici permanenti che fanno parte della Corte sono nominati dall’Assemblea Generale delle Nazioni Unite e provengono da Paesi con livelli di indipendenza giudiziaria molto diversi.

Il presidente della Corte è il giudice statunitense Joan Donoghue, mentre gli altri giudici provengono da Paesi democratici come Francia, Germania, Australia, India, Slovacchia, Giamaica, Giappone e Brasile.

Sia il Sudafrica che Israele stanno inviando giudici da loro nominati come membri ad hoc del collegio giudicante. Il giudice israeliano sarà l’ex presidente della Corte Suprema Aharon Barak.

Ma gli altri giudici provengono da Russia, Cina, Marocco, Somalia, Libano e Uganda, che sono tutte autocrazie o democrazie molto imperfette, dove l’indipendenza della magistratura dalla leadership politica di quei Paesi è quantomeno dubbia, ha dichiarato il professor Robbie Sabel della Facoltà di Giurisprudenza dell’Università Ebraica.

“Se il procedimento della Corte internazionale di giustizia fosse strettamente legale, non si potrebbe parlare di genocidio”, ha affermato Sabel.

“Ma dal momento che c’è un blocco di giudici anti-israeliani, dovremmo essere preoccupati”, ha continuato, sostenendo che la selezione dei giudici nell’Assemblea Generale delle Nazioni Unite è politica e sottolineando che nessun giudice israeliano è mai stato eletto alla Corte.

Sabel ha sostenuto che se Israele avesse voluto commettere un genocidio contro i gazesi, avrebbe potuto causare un numero molto maggiore di vittime civili, data la potenza dell’esercito, e che, insieme agli sforzi dell’IDF per evitare tali vittime e agli aiuti umanitari che Israele ha permesso di entrare nel territorio, “un tribunale imparziale” non potrebbe stabilire che è plausibile che Israele stia commettendo un genocidio.

Il Prof. Amichai Cohen, esperto di diritto internazionale dei conflitti armati presso l’Israel Democracy Institute, ha convenuto che è problematico che alcuni dei giudici provengano da Paesi con un livello di indipendenza giudiziaria inferiore alla media.

Ma ha osservato che Cina e Russia, nonostante non siano ben disposte diplomaticamente nei confronti di Israele, saranno probabilmente caute nei confronti dei procedimenti per genocidio presso la Corte internazionale di giustizia, dato che negli ultimi anni sono state accusate a loro volta di atti di genocidio.

Attualmente è in corso una causa contro la Russia presso la Corte internazionale di giustizia con l’accusa di genocidio per le sue azioni durante l’invasione e l’occupazione di parti dell’Ucraina, mentre la Cina ha affrontato le accuse, anche se non ancora presso la Corte internazionale di giustizia, di aver commesso atti di genocidio contro la sua minoranza musulmana Uighur.

“La maggioranza dei giudici non rappresenta necessariamente gli interessi dei propri Stati, ma piuttosto il diritto internazionale… ed è per questo che Israele sta collaborando con la Corte”, ha dichiarato Cohen.

Per quanto riguarda le accuse in sé, Cohen ha affermato che, poiché le azioni di Israele e le loro conseguenze a Gaza possono essere spiegate in un modo diverso dall’intenzione di commettere un genocidio – cioè cercando di neutralizzare la minaccia militare di Hamas – potrebbe essere possibile convincere la Corte che le accuse sono sbagliate.

“L’affermazione non ha molta sostanza; Israele non è affatto vicino a commettere un genocidio”, ha detto Cohen.

Concorda con Lieblich, tuttavia, sul fatto che i commenti degli alti ministri israeliani hanno reso molto più facile per il Sudafrica portare il suo caso alla Corte internazionale di giustizia, e allo stesso modo ha descritto coloro che hanno fatto tali commenti come “completamente irresponsabili” e ha detto che hanno causato a Israele un danno significativo.

Il professore ha inoltre osservato che, anche se la Corte non dovesse ritenere plausibile l’accusa di genocidio mossa dal Sudafrica, potrebbe ritenere Israele colpevole di incitamento al genocidio e di non aver punito tale incitamento, entrambe violazioni della Convenzione sul genocidio.

Cohen ha dichiarato di ritenere “improbabile” che la Corte ordini a Israele di interrompere le operazioni di combattimento e ha detto che la questione dell’incitamento potrebbe essere al centro di qualsiasi misura provvisoria che la Corte potrebbe ordinare.

Le potenziali ripercussioni legali, diplomatiche e politiche

Se la Corte Internazionale di Giustizia dovesse ritenere plausibili le accuse di genocidio mosse dal Sudafrica, potrebbe teoricamente ordinare una serie di misure contro Israele, tra cui la sospensione delle operazioni di combattimento, l’aumento degli aiuti umanitari e della fornitura di carburante a Gaza e l’adozione di misure contro coloro che sono ritenuti istigatori di genocidio.

Non ci sono misure esecutive a disposizione del tribunale, ma se Israele dovesse rifiutarsi di rispettare gli ordini del tribunale, il caso potrebbe essere deferito al Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite, che ha il potere di imporre sanzioni di vario tipo.

Queste potrebbero includere sanzioni commerciali, un embargo sulle armi o altre azioni punitive.

Sabel dell’Università Ebraica sostiene che gli Stati Uniti, membro permanente del Consiglio di Sicurezza, avrebbero molte probabilità di porre il veto a tali sanzioni. Il Segretario di Stato americano Antony Blinken, in visita a Tel Aviv, ha dichiarato martedì che l’accusa di genocidio mossa dal Sudafrica alla Corte internazionale di giustizia è “priva di merito” e l’ha definita “particolarmente irritante” perché “Hamas, Hezbollah, gli Houthi e il loro sostenitore Iran continuano a invocare apertamente l’annientamento di Israele e l’omicidio di massa degli ebrei”.

Ha sottolineato che una sentenza della CIG non ha implicazioni penali, poiché la CIG non è un tribunale penale. L’impatto principale di una decisione contro Israele, ha detto, sarebbe la sua posizione internazionale.

“Sarebbe una macchia sulla nostra reputazione; non aumenterebbe la nostra salute diplomatica”, ha detto ironicamente.

Lieblich ha fatto commenti simili, affermando che una sentenza secondo cui Israele avrebbe commesso “plausibilmente” un genocidio sarebbe “un risultato molto grave” con serie implicazioni politiche.

Il professore si è detto meno ottimista sulla reazione degli Stati Uniti a tale sentenza, osservando che il Presidente degli Stati Uniti Joe Biden si troverebbe in una posizione difficile a causa dell’ala progressista del suo partito democratico.

All’interno del suo partito potrebbero essere sollevate gravi obiezioni alle vendite di armi statunitensi in corso a Israele e al sostegno diplomatico che l’amministrazione Biden ha dato a Israele, nonché alla copertura politica che ha fornito in seno al Consiglio di Sicurezza.

“Questa è una storia importante”, ha detto Lieblich. “La gente dovrebbe rispondere perché nessuno ha previsto questo [caso], e come mai [alcuni nel] governo hanno agito in modo così irresponsabile e sconsiderato”.

Seguici su…

massacro del 7 ottobre sito web

I più condivisi di recente

Nuovo sistema di difesa spyder
Previous Story

Israele testa con successo il nuovo sistema di difesa SPYDER contro droni e missili balistici

St. Nikolas ex Suez Rajan petroliera sequestrata dall'iran
Next Story

L’Iran sequestra petroliera nel Golfo di Oman. Tensione altissima

Latest from Report e analisi

Go toTop