accordo assistenza militare tra Cina e Maldive

Lunedì la Cina ha firmato con le Maldive un accordo di cooperazione nel settore della difesa che fornirà alla nazione insulare assistenza militare gratuita.

Questo sviluppo arriva quasi un mese dopo che il governo delle Maldive aveva dichiarato che l’India aveva accettato di ritirare il proprio personale militare dalla nazione insulare entro il 10 maggio e di sostituire il personale di gestione dell’aviazione con civili.

Il 26 febbraio, la prima squadra indiana di personale tecnico civile ha raggiunto le Maldive per sostituire il personale militare indiano di stanza in loco per il funzionamento delle attrezzature dell’aviazione.

Lunedì, il ministro della Difesa delle Maldive Mohamed Ghassan Maumoon ha avuto colloqui bilaterali sulla cooperazione militare con il maggiore generale Zhang Baoqun, vicedirettore dell’Ufficio per la cooperazione militare internazionale della Cina.

Le due parti hanno firmato un accordo sulla “fornitura di assistenza militare gratuita da parte della Cina alla Repubblica delle Maldive, favorendo il rafforzamento dei legami bilaterali”, ha dichiarato il Ministero della Difesa maldiviano sui social media. I dettagli dell’accordo non sono stati forniti.

Domenica, inoltre, la Cina ha regalato alle Maldive 12 ambulanze ecologiche, secondo quanto riportato da media locali.

I legami tra India e Maldive sono diventati tesi dopo il giuramento del presidente Mohamed Muizzu a novembre.

Per Muizzu, che si ritiene abbia una posizione favorevole nei confronti della Cina, l’allontanamento dei militari indiani dal suo Paese era una promessa elettorale fondamentale.

Muizzu ha effettuato la sua prima visita ufficiale di Stato in Cina all’inizio di gennaio, nel mezzo di una disputa diplomatica con l’India a causa delle osservazioni di tre viceministri della nazione insulare sui post del primo ministro Narendra Modi sui social media. Dopo i negoziati preliminari di ottobre, ha chiesto all’India di ritirare le truppe dal Paese. A dicembre ha affermato che l’India aveva accettato di ritirare i suoi soldati.

L’India era l’unica potenza straniera con una presenza militare nelle Maldive. Circa 70 membri della difesa indiana mantenevano stazioni radar e aerei di sorveglianza nell’arcipelago. Le navi da guerra indiane aiutavano anche a pattugliare la zona economica esclusiva delle Maldive. Questa collaborazione era di importanza strategica per Nuova Delhi nel contesto della competizione geopolitica con la Cina nella regione dell’Oceano Indiano.

Per continuare la sua presenza nella regione, la Marina indiana aprirà una nuova base – INS Jatayu – vicino alle Maldive il 6 marzo, sull’isola Lakshadweep di Minicoy.

Secondo una dichiarazione rilasciata sabato dalla Marina indiana, la nuova base aumenterà la “sorveglianza operativa” dell’India nella regione.

L’INS Jatayu sarà situata a circa 258 chilometri più vicina alle Maldive rispetto alla base esistente della Marina indiana – l’INS Dweeprakshak – sull’isola di Karavatti, nel Lakhshadweep, ha riferito l’AFP. “Minicoy è l’isola più meridionale di Lakshadweep e si trova a cavallo delle linee di comunicazione marittime vitali”, ha dichiarato la Marina indiana.