C’è un Governo filo-russo sul cammino della Georgia verso l’Europa

Una proposta di legge sugli "agenti stranieri" potrebbe bloccare il percorso del Paese verso l'Unione Europea e la NATO.
2 Maggio 2024
proteste in Georgia

Il futuro di un’altra ex repubblica sovietica, la Georgia, è in un momento critico. Come in Ucraina, molti cittadini, soprattutto i più giovani, desiderano legami più stretti con l’Europa e la libertà dalla tirannia russa.

Ma i giovani georgiani si scontrano con un governo guidato dal partito “Sogno georgiano”, fondato dall’ex primo ministro e oligarca Bidzina Ivanishvili, che cerca di allinearsi alla Russia.

Questo conflitto è arrivato al culmine, quando i vivaci gruppi della società civile georgiana hanno riempito le strade di proteste contro una proposta di legge, mutuata dalla Russia di Vladimir Putin, volta a reprimere l’opposizione al governo.

Il mese scorso il partito Sogno georgiano ha rinnovato la sua spinta per una legge punitiva sugli “agenti stranieri” come quella che Putin ha imposto al suo popolo nel 2012.

Il progetto di legge, in attesa del voto finale del Parlamento georgiano, richiederebbe ai gruppi non governativi e ai media che ricevono più del 20% dei loro finanziamenti dall’estero di registrarsi come organizzazioni “che portano avanti gli interessi di una potenza straniera” e di fornire dichiarazioni finanziarie annuali sulla loro attività. I trasgressori potrebbero essere multati fino a 9.000 dollari.

La legge è stata proposta l’anno scorso e poi ritirata di fronte alle manifestazioni di massa contro di essa. Molti critici sostengono che il suo scopo sia quello di paralizzare le organizzazioni della società civile prima che la Georgia tenga le elezioni parlamentari in ottobre.

Ivanishvili non ha lasciato dubbi sulle sue intenzioni durante un discorso tenuto lunedì a Tbilisi. Ha inveito contro un sinistro “partito della guerra globale” che, a suo dire, è stato “nominato dall’esterno”. Ha affermato che questo partito sta cercando di prendere il controllo della Georgia finanziando le organizzazioni non governative, o ONG.

Ha dichiarato che forze esterne sono dietro la tumultuosa presidenza di Mikheil Saakashvili, in carica dal 2004 al 2013, che l’attuale governo ha imprigionato con accuse infondate.

Secondo un resoconto delle dichiarazioni di Ivanishvili, registrato dal gruppo Civil Georgia, egli ha anche attaccato le ONG definendole una “pseudo élite”, aggiungendo: “Non hanno una patria; non amano il loro Paese o il loro popolo perché non li considerano veramente propri. Al contrario, queste persone si vergognano del loro Paese e del loro popolo”.

Questa descrizione delle ONG è contorta e falsa, ma non certo originale. Da quando Putin ha usato la legge russa per reprimere la società civile indipendente, almeno 60 Paesi hanno approvato o elaborato leggi volte a limitare le ONG e 96 hanno attuato altre politiche di limitazione, imponendo requisiti di registrazione onerosi, monitoraggi invasivi, molestie e chiusure.

Le leggi sono state in gran parte mutuate dalla Russia e i loro dettagli sono documentati nel Civic Freedom Monitor dell’International Center for Not-for-Profit Law.

L’opposizione della Georgia ha riconosciuto che la legge sugli “agenti stranieri” potrebbe facilmente diventare un ostacolo all’adesione del Paese all’Unione Europea e alla NATO.

Lo scorso dicembre, la Georgia ha ottenuto lo status di candidato all’adesione all’Unione Europea, ma per ottenere la piena adesione deve dimostrare un chiaro impegno nei confronti dei valori e delle riforme del blocco. L’UE ha sottolineato che “il corretto funzionamento delle istituzioni democratiche e le riforme relative alla giustizia e allo stato di diritto sono una priorità” per la Georgia.

Una delle caratteristiche principali delle proteste dello scorso anno era che ad organizzarle è stata la generazione più giovane che desidera fortemente un futuro legato all’Europa e non alla Russia.

Negli ultimi giorni i giovani georgiani sono tornati in piazza. Sebbene il problema immediato sia la legge sugli agenti stranieri, la questione dell’Europa incombe. “L’intera generazione più giovane è favorevole all’integrazione europea. La nostra priorità numero uno è far parte della NATO e dell’Unione Europea”, ci ha detto un membro del Parlamento, Khatia Dekanoidze.

In una lettera del 26 aprile, un gruppo bipartisan di 14 senatori americani guidato da Jeanne Shaheen e James E. Risch, ha sottolineato che gli Stati Uniti hanno un forte interesse a che la democrazia e le organizzazioni non governative della Georgia continuino a prosperare. Nella lettera si sottolinea che la legge sugli agenti stranieri è rivolta principalmente agli aiuti provenienti dagli Stati Uniti e dall’Europa, che è “in contrasto con le norme e i valori dell’Unione Europea e che avrà un impatto sul percorso di adesione del vostro Paese”. I senatori hanno avvertito che l’approvazione della legge potrebbe portare a uno spostamento della politica statunitense verso le sanzioni contro coloro che interferiscono con la democrazia della Georgia.

Il sogno della Georgia dovrebbe essere quello di sfuggire alla morsa rovinosa della Russia, facendo fronte comune con un Occidente libero e prospero. Questo non accadrà se il partito Sogno Georgiano otterrà il suo scopo.

Vasyl Bodnar

Italo - Ucraino tornato in patria per difenderla dall'invasore russo. Laureato in scienze politiche, analista per l'Est Europa, hacker etico per RR

SOSTIENICI USANDO STRIPE

Generale Halevi riunione operativa fronte nord contro Hezbollah
Previous Story

Gen. Halevi: «l’IDF si prepara per una offensiva contro Hezbollah»

tregua a Gaza impossibile
Next Story

Perché la tregua a Gaza è impossibile: le richieste di Sinwar

Latest from Società e cronaca

Go toTop