L’Iran aumenta del 300% l’arricchimento dell’uranio nel sito di Fordow

Centinaia di nuove centrifughe di nuovissima generazione triplicherebbero la capacità di arricchimento dell'uranio di Teheran avvicinando pericolosamente l'Iran alla produzione di più bombe
19 Giugno 2024
centrifughe arricchimento uranio iran

Secondo documenti riservati una importante espansione sarebbe in corso all’interno dell’impianto nucleare iraniano più protetto il quale potrebbe presto triplicare la produzione di uranio arricchito e dare così a Teheran nuove opzioni per assemblare rapidamente un arsenale nucleare.

Gli ispettori dell’Agenzia internazionale per l’energia atomica (AIEA) hanno confermato nuove attività di costruzione all’interno dell’impianto di arricchimento di Fordow, pochi giorni dopo che Teheran ha formalmente notificato all’organo di controllo nucleare i piani per un sostanziale aggiornamento dell’impianto sotterraneo costruito all’interno di una montagna nel centro-nord dell’Iran.

L’Iran ha inoltre reso noti i piani di espansione della produzione del suo principale impianto di arricchimento vicino alla città di Natanz. Entrambe le mosse sono destinate a inasprire le tensioni con i governi occidentali e ad alimentare il timore che Teheran si stia avviando a diventare una potenza nucleare, in grado di produrre rapidamente bombe nucleari se i suoi leader lo decidessero.

Secondo un’analisi tecnica solo a Fordow, l’espansione potrebbe consentire all’Iran di accumulare combustibile nucleare per diverse bombe al mese. Sebbene sia il più piccolo dei due impianti iraniani di arricchimento dell’uranio, Fordow è considerato particolarmente significativo perché il suo ambiente sotterraneo lo rende quasi invulnerabile agli attacchi aerei.

È anche importante dal punto di vista simbolico perché Fordow aveva completamente smesso di produrre uranio arricchito secondo i termini dell’accordo sul nucleare iraniano del 2015. L’Iran ha ripreso a produrre il combustibile nucleare poco dopo che l’amministrazione Trump si è ritirata unilateralmente dall’accordo nel 2018.

L’Iran possiede già una scorta di circa 300 libbre di uranio altamente arricchito che potrebbe essere ulteriormente raffinato in combustibile per bombe nucleari nel giro di settimane o forse giorni, secondo i funzionari dell’intelligence statunitense. Si ritiene inoltre che l’Iran abbia accumulato la maggior parte del know-how tecnico per un semplice dispositivo nucleare, anche se probabilmente ci vorrebbero altri due anni per costruire una testata nucleare che possa essere montata su un missile.

L’Iran afferma di non avere intenzione di costruire armi nucleari. Ma in un cambiamento sorprendente, i leader del programma di energia nucleare del Paese hanno iniziato ad affermare pubblicamente che i loro scienziati possiedono ora tutti i componenti e le competenze per le bombe nucleari e che potrebbero costruirne una in tempi brevi se gli venisse ordinato.

Negli ultimi due anni, Fordow ha iniziato ad accumulare un tipo di uranio altamente arricchito che si avvicina al grado di armamento, con una purezza di gran lunga superiore al combustibile a basso arricchimento comunemente usato nelle centrali nucleari.

Sebbene le scorte di uranio arricchito dell’Iran siano cresciute costantemente dal 2018, l’espansione pianificata, se completamente completata, rappresenterebbe un balzo in avanti nella capacità dell’Iran di produrre il combustibile fissile utilizzato sia nelle centrali nucleari sia, con un’ulteriore raffinazione, nelle armi nucleari.

Secondo una fonte diplomatica europea, in messaggi privati all’AIEA all’inizio della scorsa settimana, l’agenzia iraniana per l’energia atomica ha dichiarato che Fordow è stata dotata di quasi 1.400 nuove centrifughe, macchine utilizzate per produrre uranio arricchito. Le nuove apparecchiature, prodotte in Iran e collegate tra loro in otto gruppi noti come cascate, dovevano essere installate entro quattro settimane. Una bozza trapelata del piano iraniano è stata inizialmente riportata dalla Reuters.

L’amministrazione Biden ha reagito all’espansione pianificata dall’Iran con un avvertimento.

“L’Iran intende continuare ad espandere il suo programma nucleare in modi che non hanno alcuno scopo pacifico credibile”, ha dichiarato giovedì il portavoce del Dipartimento di Stato Matthew Miller. “Queste azioni pianificate minano ulteriormente le affermazioni contrarie dell’Iran. Se l’Iran attuerà questi piani, risponderemo di conseguenza”.

Sebbene l’AIEA fosse a conoscenza dei piani dell’Iran per aumentare la produzione di uranio arricchito, l’entità dell’incremento previsto ha colto di sorpresa molti analisti. Se realizzata completamente, l’espansione di Fordow raddoppierebbe il numero di centrifughe funzionanti nell’impianto sotterraneo, in un arco di tempo ristretto di circa un mese. Un aumento proporzionalmente minore, ma comunque sostanziale, è in programma a Natanz.

Secondo i diplomatici che hanno accesso ai documenti riservati dell’AIEA, il piano di espansione dell’Iran prevede anche l’installazione di apparecchiature molto più efficienti di quelle che attualmente producono la maggior parte dell’uranio arricchito iraniano. A Fordow, secondo i rapporti, dovrebbero essere installate solo macchine di modello più recente, note come IR-6, un aggiornamento sostanziale rispetto alle centrifughe IR-1 attualmente in uso.

Le 1.400 macchine avanzate aumenterebbero la capacità di Fordow del 360%, secondo un’analisi tecnica fornita da David Albright, esperto di armi nucleari e presidente dell’Institute for Science and International Security, un’organizzazione no-profit di Washington.

Secondo Albright, entro un mese dall’entrata in funzione, gli IR-6 di Fordow potrebbero generare circa 320 libbre di uranio per armi. Secondo un calcolo prudente, ciò è sufficiente per cinque bombe nucleari. In due mesi, la scorta totale potrebbe salire a quasi 500 libbre, ha aggiunto Albright.

“L’Iran otterrebbe una capacità di evasione rapida, in un impianto profondamente sepolto, una capacità che non ha mai avuto prima”, ha scritto Albright in un’e-mail.

I piani di espansione dell’Iran per l’impianto di Natanz prevedono l’aggiunta di migliaia di centrifughe di tipo diverso, note come IR-2M. Albright ha calcolato che la capacità produttiva complessiva di Natanz aumenterebbe del 35%.

Dal ritiro degli Stati Uniti dall’accordo nucleare, l’Iran ha limitato la capacità degli ispettori dell’AIEA di monitorare la produzione di centrifughe avanzate del Paese. Ma gli ispettori dell’agenzia, durante la loro visita a Fordow martedì scorso, hanno visto i tecnici iniziare l’installazione delle macchine IR-6, secondo un riassunto confidenziale condiviso con gli Stati membri dell’AIEA.

“È assolutamente credibile”, ha detto Albright a proposito dei piani di espansione dell’Iran. “Non abbiamo idea di cosa stiano facendo con le centrifughe. Conosceremo appieno la loro capacità solo dopo che avranno installato le macchine”.

L’Iran ha scelto di rivelare i suoi piani dopo che il 5 giugno gli Stati membri dell’AIEA hanno approvato un rimprovero formale che criticava l’Iran per la sua sfida nucleare. La risoluzione del Consiglio dei governatori dell’AIEA citava il “continuo fallimento da parte dell’Iran nel fornire la necessaria, piena e inequivocabile cooperazione” con le squadre di supervisione dell’AIEA. I funzionari iraniani hanno prontamente risposto al fuoco, con un consigliere della Guida suprema iraniana, l’ayatollah Ali Khamenei, che ha giurato in un post sui social media che Teheran “non si piegherà alle pressioni”.

Un portavoce della missione permanente dell’Iran presso le Nazioni Unite ha dichiarato che Teheran ha seguito rigorosamente le regole per la notifica dei suoi piani all’organo di controllo nucleare. Il portavoce ha confermato che la decisione di farlo era direttamente collegata alla censura del 5 giugno da parte degli Stati membri dell’AIEA.

“In questo caso, in risposta alla risoluzione non necessaria, imprudente e affrettata del Consiglio dei governatori, l’Iran ha comunicato ufficialmente la sua decisione all’AIEA”, ha dichiarato il portavoce in un’e-mail.

Sebbene l’accordo nucleare del 2015 sia ancora tecnicamente in vigore, l’Iran ha sistematicamente violato ognuna delle sue principali disposizioni negli anni successivi all’uscita dell’amministrazione Trump dall’accordo. L’accordo è stato negoziato durante la presidenza di Barack Obama dagli Stati Uniti e da altre cinque potenze mondiali, più l’Unione Europea, ed è noto come Piano d’azione congiunto globale (JCPOA).

L’accordo è stato condannato dal governo israeliano e criticato da molti membri del Congresso, sia repubblicani che democratici, a causa delle sue carenze – in particolare le sue disposizioni “al tramonto” che hanno permesso a diverse restrizioni chiave di scadere nel 2031, solo 15 anni dopo l’entrata in vigore del patto. Eppure, fino al 2018, l’Iran è stato considerato ampiamente conforme all’accordo, che limitava fortemente la sua capacità di produrre o stoccare uranio arricchito in cambio di un alleggerimento delle sanzioni.

Dal 2018, l’Iran ha mostrato scarso interesse a rilanciare o migliorare l’accordo. La Casa Bianca di Biden, dopo una raffica di attività per riavviare i negoziati nei primi mesi dell’amministrazione, ha in gran parte abbandonato il progetto, concentrandosi invece su una strategia di attacchi militari contro le milizie sostenute dall’Iran combinata con una diplomazia silenziosa volta a impedire all’Iran di superare le linee rosse del nucleare.

Nonostante il suo comportamento sempre più provocatorio, l’Iran per ora non sembra disposto a rischiare un attacco militare statunitense o israeliano costruendo e testando effettivamente un’arma nucleare, dicono gli analisti statunitensi.

“Non vediamo indicazioni che l’Iran stia attualmente intraprendendo le attività chiave che sarebbero necessarie per produrre un dispositivo nucleare testabile. E non crediamo che la Guida Suprema abbia ancora preso la decisione di riprendere il programma di armamento che, a nostro avviso, l’Iran ha sospeso o interrotto alla fine del 2003”, ha dichiarato un anonimo funzionario statunitense. “Detto questo, rimaniamo profondamente preoccupati per le attività nucleari dell’Iran e continueremo a monitorarle con attenzione”.

Gli sforzi di Teheran di dipingersi come una potenza nucleare di soglia consentono all’Iran una misura di ambiguità che si adatta agli scopi di Teheran, ha affermato Robert Litwak, autore di diversi libri sul programma nucleare iraniano e vicepresidente senior del Woodrow Wilson International Center for Scholars, un think tank di Washington.

“Il programma nucleare iraniano è sia un deterrente che una merce di scambio”, ha affermato Litwak. Se da un lato l’espansione pianificata è una prova di “superamento dei limiti”, dall’altro tali mosse rafforzano la mano di Teheran, nel caso in cui il regime decida di tornare al tavolo dei negoziati per i suoi interessi.

“Le intenzioni nucleari dell’Iran dovrebbero essere viste attraverso il prisma della sopravvivenza del regime”, ha detto Litwak. Per ora, almeno, “l’Iran non si trova di fronte a una minaccia esistenziale che costringerebbe il regime a superare la linea di demarcazione dell’armamento”.

SOSTIENICI USANDO STRIPE

Sostienici usando PAYPAL

Sostieni Rights Reporter con una piccola donazione

Newsletter

Fai come migliaia di nostri lettori, iscriviti alla nostra newsletter per rimanere sempre aggiornato senza però essere disturbato. Puoi cancellarti quando vuoi
sigarette a gaza rollate a mano molto costose nascoste negli aiuti umanitari
Previous Story

Anche il mercato nero delle sigarette a Gaza ostacola gli aiuti

netanyahu controllo gaza
Next Story

Israele: aumentano le tensioni tra Netanyahu ed esercito

Latest from Medio Oriente

Go toTop