ISIS: 20.000 combattenti stranieri. Bloccare i siti web che fanno proselitismo

11 Febbraio 2015

Secondo un rapporto diffuso oggi dal National Counter-Terrorism Center (NCTC) i combattenti stranieri che si sono uniti alle fila dello Stato Islamico, ISIS, sarebbero circa 20.000, tra i quali 3.500 europei, 150 americani e il resto proveniente da almeno 90 Paesi.

Negli ultimi trenta giorni almeno mille combattenti stranieri avrebbero raggiunto l’Iraq e la Siria per unirsi all’ISIS, tutti passati senza problemi attraverso la Turchia che, nonostante le rassicurazioni, resta l’unica via d’accesso per i terroristi occidentali verso i territori dello Stato Islamico.

Nicholas Rasmussen, direttore del NCTC, ha detto che ci troviamo di fronte a una escalation senza precedenti degli arrivi in Siria e in Iraq e tutto grazie ad una “accurata politica di reclutamento online”.

Secondo Rasmussen il numero di combattenti stranieri che si muove verso lo Stato Islamico è senza precedenti e supera di gran lunga il numero di stranieri che si sono mossi verso Afghanistan, Pakistan, Iraq, Yemen, Somalia o in qualsiasi punto negli ultimi 20 anni.

Servono regole ferree di controllo sui siti che fanno propaganda

Il National Counter-Terrorism Center lancia un appello a tutti i Governi occidentali: «servono subito regole ferree di controllo sui siti Jihadisti e su quelli che fanno propaganda jihadista». Al momento, secondo il NCTC, il web è l’arma di reclutamento più potente per lo Stato Islamico. Le pagine su Facebook, su Twitter, i forum e i siti web che fanno proselitismo vanno chiusi senza indugi, anche s’autorità se necessario oscurando i server posizionati in “Stati permissivi” come per esempio la Russia e la Cina.

[glyphicon type=”user”] Redazione

[glyphicon type=”euro”] Sostieni Rights Reporter

SOSTIENICI USANDO STRIPE

Sostienici usando PAYPAL

Sostieni Rights Reporter con una piccola donazione

Newsletter

Fai come migliaia di nostri lettori, iscriviti alla nostra newsletter per rimanere sempre aggiornato senza però essere disturbato. Puoi cancellarti quando vuoi
Previous Story

Hezbollah voleva uccidere Olmert

Next Story

Hezbollah e Iran alla conquista del Golan. La strategia iraniana

Latest from Report e analisi

Go toTop