Israele, perché l’operazione a Jenin risolve il problema solo temporaneamente

3 Luglio 2023

Di Avi Issacharoff – È molto improbabile che l’offensiva antiterrorismo dell’IDF a Jenin di lunedì fornisca una risposta necessaria alla recrudescenza della violenza nel nord della Cisgiordania e probabilmente agirà solo come una soluzione temporanea.

Per ripulire l’area dalle cellule terroristiche servirebbero settimane o mesi nel migliore dei casi, ma senza che l’Autorità Palestinese intervenga per assumersi la responsabilità, tra non molto Israele potrebbe trovarsi a lanciare un’altra operazione.

Questo è il nocciolo del problema per le forze di sicurezza, un problema che cresce di giorno in giorno. L’Autorità palestinese è assente nell’area. Non può e non vuole essere responsabile degli eventi in essa, permettendo all’Iran e ai suoi proxy di intervenire per riempire il vuoto.

Non si tratta più del noto standard operativo iraniano che limita il suo coinvolgimento al finanziamento dei militanti locali. L’Iran ha fornito finanziamenti ai gruppi terroristici palestinesi fin dalla fondazione della Jihad islamica palestinese e poi delle organizzazioni terroristiche di Hamas. Teheran ha saputo rifornire questi gruppi di denaro e spesso ha fornito addestramento ai loro membri, al fine di sostenere gli attacchi contro Israele.

Ma negli ultimi mesi c’è stato un cambiamento. L’Iran ha deciso di aumentare la pressione su Israele, forse in risposta alle presunte operazioni israeliane sul suolo iraniano e agli attacchi contro obiettivi iraniani in Siria.

Teheran ha visto che solo uno sforzo concentrato per lanciare attacchi terroristici contro gli israeliani può portare a un cambiamento, al contrario degli attacchi terroristici internazionali che si traducono solo in titoli di giornale, e ha quindi optato per un’offensiva.

Negli ultimi mesi sono stati evidenti i segni sul terreno che indicano il coinvolgimento iraniano in attacchi terroristici volti a destabilizzare la Cisgiordania. Non c’è un unico comandante in questo sforzo, a differenza di quanto accadeva in passato quando la forza Quds del Corpo delle Guardie Rivoluzionarie iraniane aveva preso il comando delle operazioni palestinesi. Ora più organizzazioni iraniane si contendono il primato, fornendo fondi, ma anche armi ed esplosivi, nonché intelligence e tecnologia.

Per lo più vengono contrabbandati attraverso il confine tra Libano e Israele, grazie a trafficanti di droga che nascondono materiale esplosivo tra i loro prodotti. A volte vengono effettuate operazioni di contrabbando più consistenti.

Il contrabbando è avvenuto anche attraverso il confine siriano con Israele, ma le misure di sicurezza dell’IDF sono più difficili da aggirare, poiché i civili si avvicinano raramente alla frontiera e l’esercito siriano ha finora evitato di fornire assistenza a tali sforzi, probabilmente comprendendo la potenziale risposta israeliana.

Recentemente sono stati compiuti tentativi di contrabbando attraverso il confine giordano, principalmente dove si incontrano i confini di Israele, Giordania e Siria. Un agente iraniano che non riesce a trasportare armi attraverso il Libano può tentare la sorte in Siria e, se anche questo fallisce, può tentare anche il confine giordano.

I funzionari di sicurezza israeliani temono che i droni possano essere utilizzati per contrabbandare armi in Cisgiordania. Questo sarebbe un metodo poco costoso, ma comporterebbe solo piccole spedizioni di armi, anche se letali, a causa delle restrizioni per il peso.

L’ordigno esplosivo fatto esplodere vicino a Meggido lo scorso marzo è stato realizzato con la piena consapevolezza del gruppo terroristico Hezbollah, sostenuto dall’Iran, in Libano e, secondo i funzionari, è stato approvato dallo stesso leader di Hezbollah Hassan Nasrallah.

Sebbene si tratti di un apparente sviluppo degli sforzi per attaccare gli israeliani, i funzionari hanno affermato che Nasrallah non è interessato a una guerra totale con Israele. La sua idea è piuttosto che un ordigno esplosivo sul ciglio della strada in Israele non provocherebbe un’offensiva israeliana e che, se questa venisse lanciata, sarebbe limitata a un certo numero di giorni, data la sua capacità di colpire efficacemente il fronte interno di Israele con i suoi missili. Spera inoltre che, poiché la missione è stata affidata a un terrorista palestinese, Israele non sia in grado di risalire a lui.

Perché Nasrallah ha approvato l’operazione, tanto per cominciare? La risposta è la sua probabile capitolazione alle pressioni iraniane per unirsi agli sforzi nella lotta contro Israele.

Anche quella che è stata considerata la recente provocazione di Hezbollah, l’installazione di tende in territorio israeliano, sembra essere un fallimento. Probabilmente non si è trattato di un’operazione pianificata a Beirut, ma piuttosto di un errore di localizzazione sul terreno che sia Israele che il Libano hanno cercato di risolvere pacificamente.

Ora, l’arena palestinese intorno a noi è diventata il terreno di gioco preferito dell’Iran. Finché l’Autorità palestinese rimarrà assente a Jenin, Nablus e simili e finché Israele eviterà di prendere il controllo di quelle aree in modo permanente, potrebbe non esserci una soluzione a lungo termine alle sfide di sicurezza in quelle zone.

SOSTIENICI USANDO STRIPE

Sostienici usando PAYPAL

Sostieni Rights Reporter con una piccola donazione

Newsletter

Fai come migliaia di nostri lettori, iscriviti alla nostra newsletter per rimanere sempre aggiornato senza però essere disturbato. Puoi cancellarti quando vuoi
alleanza russia cina
Previous Story

Per Pechino Putin comincia a diventare un problema

Next Story

Per Iran ed Hezbollah l’operazione israeliana di Jenin è una fortuna

Latest from Medio Oriente

Go toTop