La Cina garantisce “pieno sostegno” all’Iran

14 Febbraio 2023

Il presidente cinese Xi Jinping ha ribadito la “solidarietà” di Pechino nei confronti dell’Iran, in occasione del viaggio di tre giorni che il presidente della Repubblica islamica Ebrahim Raisi ha iniziato oggi.

Per la prima visita di Stato di un presidente iraniano in Cina in oltre 20 anni, Raisi ha portato a Pechino un’ampia delegazione commerciale e finanziaria ed è stato accolto da Xi su un tappeto rosso.

“Di fronte agli attuali complessi cambiamenti del mondo, dei tempi e della storia, la Cina e l’Iran si sono sostenuti a vicenda (e) hanno lavorato insieme in solidarietà e cooperazione”, ha dichiarato Xi, secondo quanto riportato dall’emittente statale CCTV.

Entrambi i Paesi devono affrontare le pressioni dei Paesi occidentali per le loro posizioni sull’invasione dell’Ucraina da parte della Russia, mentre l’Iran è già sottoposto a rigide sanzioni statunitensi a causa del suo programma nucleare.

L’Iran è emerso come uno dei pochi alleati rimasti alla Russia, mentre Mosca è stata spinta sempre più nell’isolamento internazionale a causa dell’aggressione all’Ucraina.

I Paesi occidentali hanno accusato Teheran di aver fornito droni armati alla Russia per utilizzarli nella guerra in Ucraina, accusa che il Paese nega.

La Cina sostiene l’Iran nel salvaguardare la sovranità nazionale, l’indipendenza, l’integrità territoriale e la dignità nazionale… e nel resistere all’unilateralismo e all’egemonismo

Il presidente cinese Xi Jinping

A dicembre, Washington ha delineato quella che, a suo dire, era un’ampia relazione tra l’Iran e la Russia che coinvolgeva attrezzature come elicotteri, jet da combattimento e droni.

L’offensiva di Mosca in Ucraina è una questione delicata per Pechino, che ha cercato di posizionarsi come neutrale, offrendo al contempo sostegno diplomatico all’alleato strategico Russo.

La Cina “sostiene l’Iran nel salvaguardare la sovranità nazionale, l’indipendenza, l’integrità territoriale e la dignità nazionale… e nel resistere all’unilateralismo e all’egemonismo”, ha dichiarato il leader cinese.

Pechino, inoltre, “si oppone alle forze esterne che interferiscono negli affari interni dell’Iran e che minano la sicurezza e la stabilità del Paese” e continuerà a “promuovere una rapida e corretta risoluzione della questione nucleare iraniana”, ha aggiunto il leader cinese.

“A prescindere dai cambiamenti della situazione internazionale e regionale, la Cina svilupperà senza sosta una cooperazione amichevole con l’Iran”, ha concluso Xi.

Secondo la CCTV, le due parti hanno firmato una serie di documenti di cooperazione bilaterale nei settori dell’agricoltura, del commercio, del turismo, della protezione ambientale, della salute, dei soccorsi in caso di calamità, della cultura e dello sport.

Amicizia tradizionale

Raisi e Xi si sono incontrati per la prima volta lo scorso settembre in occasione di un vertice dell’Organizzazione per la cooperazione di Shanghai in Uzbekistan, dove il presidente iraniano ha auspicato un ampliamento dei legami.

Secondo l’agenzia di stampa statale iraniana IRNA, Raisi parteciperà a incontri con uomini d’affari cinesi e iraniani residenti nel Paese.

La Cina è il principale partner commerciale dell’Iran, ha dichiarato l’IRNA, citando le statistiche di 10 mesi delle autorità doganali iraniane. Le esportazioni di Teheran verso Pechino si sono attestate a 12,6 miliardi di dollari, mentre l’Iran ha importato dalla Cina beni per 12,7 miliardi di dollari.

Raisi è accompagnato dal ministro degli Esteri del Paese e dai ministri dell’Economia, delle Strade, dei Trasporti e del Petrolio. Secondo la televisione di Stato iraniana, parteciperanno anche il ministro dell’Industria, delle Miniere e del Commercio e il ministro dell’Agricoltura.

La delegazione comprende anche Ali Bagheri, vice ministro degli Esteri iraniano per gli affari politici e capo negoziatore per il nucleare.

Il portavoce del ministero degli Esteri cinese, Wang Wenbin, ha dichiarato che Raisi incontrerà il premier Li Keqiang e il massimo legislatore cinese Li Zhanshu.

La prima visita di Raisi in Cina arriva pochi giorni dopo aver dichiarato la vittoria sul movimento di protesta nazionale scatenato dalla morte in carcere della 22enne Mahsa Amini, arrestata per una presunta violazione del codice di abbigliamento femminile iraniano.

Le autorità affermano che centinaia di persone, tra cui decine di membri del personale di sicurezza, sono state uccise e migliaia arrestate durante le proteste, che vengono generalmente etichettate come “disordini”.

La magistratura ha condannato a morte 18 persone in relazione alle proteste, secondo un conteggio dell’AFP basato su annunci ufficiali. Quattro persone sono state giustiziate, scatenando l’indignazione internazionale.

Seguici su…

massacro del 7 ottobre sito web

I più condivisi di recente

Previous Story

Berlusconi straparla di nuovo sulla guerra in ucraina

Next Story

USA 2024: ci prova Nikki Haley. Perché può farcela, perché no

Latest from Report e analisi

Go toTop