La faida tra Hamas e Fatah per il controllo di Gaza è già iniziata

By Autore Ospite
Membri mascherati dei Comitati di protezione del popolo sorvegliano un camion di aiuti umanitari a Rafah, nel sud della Striscia di Gaza, nei giorni scorsi. FOTO: SAID KHATIB/AGENCE FRANCE-PRESSE/GETTY IMAGES

Di Omar Abdel-Baqui, Fatima AbdulKarim e Benoit Faucon – I segni di un conflitto civile tra Hamas e i suoi rivali palestinesi stanno iniziando a svilupparsi, sollevando questioni di vasta portata su come potrebbe essere un governo post-bellico a Gaza e quanto potrebbe durare.

Alla fine del mese scorso Hamas ha arrestato diversi funzionari dell’Autorità Palestinese a Gaza e ha cercato di impedire a un convoglio di aiuti supervisionato da personale dell’Autorità Palestinese di viaggiare nell’enclave, accusandoli di lavorare con Israele. Hamas ha inoltre dichiarato che intende arrestare altre persone affiliate all’Autorità Palestinese a Gaza.

Nel frattempo Fatah, il partito che controlla l’Autorità palestinese con sede in Cisgiordania, la scorsa settimana ha lanciato un raro rimprovero pubblico all’Iran, uno dei principali finanziatori e sostenitori di Hamas. Ha dichiarato di rifiutare i tentativi di Teheran di dettare ciò che accade nella regione, criticando al contempo l’influenza strisciante di altre potenze straniere negli affari palestinesi.

Il litigio è un segno della profonda animosità tra Hamas e Fatah e di come potrebbe complicare qualsiasi tentativo di stabilire una nuova amministrazione a Gaza una volta che Israele avrà concluso la sua campagna militare nella striscia, ora entrata nel suo settimo mese.

Gran parte dell’attrito tra i due risale al 2007, quando Hamas estromise con la forza Fatah da Gaza dopo aver vinto le elezioni legislative nei territori palestinesi l’anno precedente. Da allora la spaccatura si è allargata, con gli islamisti della linea dura di Hamas che periodicamente accusano l’Autorità Palestinese in Cisgiordania, guidata da Fatah e in gran parte laica, di lavorare con Israele e l’Occidente.

La tensione sembra ora aggravarsi. Gli Stati Uniti e le altre potenze occidentali si aspettano che l’Autorità palestinese riformata, che è favorevole al raggiungimento dello Stato palestinese attraverso la diplomazia, assuma un ruolo di leadership significativo a Gaza e impedisca la formazione di un vuoto di potere che potrebbe consentire ad Hamas di continuare a esistere in qualche forma.

Il Primo Ministro israeliano Benjamin Netanyahu, fortemente contrario a uno Stato palestinese, diffida di una Autorità Palestinese che governi sia la Cisgiordania che Gaza, anche se alcuni alti funzionari israeliani non hanno escluso la possibilità di lavorare con l’organismo con sede a Ramallah o con membri di Fatah.

“L’opinione generale è che in un modo o nell’altro dovremo lavorare con persone che sono in qualche modo legate all’Autorità palestinese”, ha detto un funzionario israeliano. “Non significa che l’AP nella sua forma attuale sarà l’autorità che guiderà Gaza”.

Hamas, da parte sua, sta intensificando gli sforzi per assicurarsi un futuro ruolo politico, limitando l’accesso dell’autorità alla Striscia di Gaza.

Il ministero degli Interni di Hamas ha dichiarato alla TV Al-Aqsa, affiliata a Hamas, che il 30 marzo la sua polizia ha arrestato sei persone di una “forza sospetta” gestita da funzionari dell’intelligence dell’Autorità Palestinese, entrata a Gaza con la Società della Mezzaluna Rossa egiziana. Ha affermato che la forza di sicurezza si coordinava con Israele e che Hamas cercherà di arrestare altre persone coinvolte nel gruppo.

Aggiungendo benzina a quelle che erano già accuse incendiarie, Hamas ha accusato gli agenti dei servizi segreti dell’Autorità Palestinese di complottare per seminare caos e divisione a Gaza, facendo eco alla sua pratica di lunga data di etichettare come traditore chiunque lavori con Israele. “Chiediamo alla leadership di Fatah e dell’Autorità [palestinese] a Ramallah di tornare dalla parte della nazione”, ha dichiarato Hamas in un comunicato. “Il nemico sionista è di fronte a voi. Combattetelo invece di procedere con la vostra guerra distruttiva contro Gaza e il suo popolo”.

Cinque dei funzionari dell’Autorità Palestinese detenuti, che Hamas ha arrestato a Gaza City, rimangono in cattività, ha dichiarato un alto funzionario dell’Autorità Palestinese. Due funzionari dell’Autorità Palestinese di Gaza sono stati uccisi nelle ultime due settimane, ma non è chiaro se sia stato Israele o Hamas a ucciderli, ha detto il funzionario.

Il portavoce di Fatah a Gaza, Munzer Al-Hayek, ha detto che Hamas sta cercando di eliminare qualsiasi controllo sul terreno al di fuori del proprio. “Si concentrano sull’attacco all’Autorità palestinese, accusandola di essere una potenza straniera”, ha dichiarato in un’intervista.

Un funzionario statunitense ha dichiarato che il governo è a conoscenza delle notizie relative agli scontri tra Hamas e l’Autorità Palestinese. “Un’Autorità palestinese riformata è essenziale per ottenere risultati per il popolo palestinese e stabilire le condizioni per la stabilità sia in Cisgiordania che a Gaza”, ha dichiarato il funzionario. “C’è molto lavoro da fare per realizzare questa visione, ma siamo impegnati a sostenere i passi necessari per arrivarci”.

L’Autorità Palestinese ha dichiarato che le sue iniziative di distribuzione degli aiuti avvengono in collaborazione con la Società della Mezzaluna Rossa egiziana e hanno l’unico scopo di aumentare il flusso di aiuti umanitari a Gaza. La Società della Mezzaluna Rossa egiziana ha affermato di essere coinvolta nella distribuzione di aiuti umanitari e non nella politica.

Un alto funzionario dell’Autorità Palestinese ha riconosciuto la presenza di funzionari dell’intelligence a Gaza e ha affermato che alcuni di questi funzionari aiutano a coordinare la distribuzione degli aiuti e sono disarmati. Il funzionario ha negato l’affermazione di Hamas secondo cui i funzionari dell’Autorità Palestinese provengono da fuori Gaza.

“Questo era un convoglio di aiuti egiziano ed è stato coordinato come tutti gli altri convogli. Sì, gli egiziani hanno contatti diretti con gli israeliani – il nostro compito era quello di cercare di coordinare e consegnare alcuni degli aiuti dell’Autorità palestinese insieme agli egiziani alla nostra gente”, ha detto il funzionario palestinese. “Questo dovrebbe essere qualcosa che tutti accolgono con favore, non un attacco”.

In alcuni momenti, Hamas e l’Autorità Palestinese hanno dato un giro di vite contro i membri dell’altro partito nei rispettivi territori. Secondo gli addetti ai lavori, attualmente le fazioni hanno poche o nessuna comunicazione ufficiale ad alto livello.

Un alto funzionario delle Nazioni Unite ha affermato che, sebbene l’organismo sia cauto nel non immischiarsi negli affari interni, è necessario impedire un vuoto di potere a Gaza nel dopoguerra. “Se così fosse, potremmo facilmente perdere il controllo dell’intera situazione”, ha detto il funzionario.

Prima della guerra, l’Autorità Palestinese manteneva alcuni programmi di finanziamento nella Striscia di Gaza e si coordinava con alcuni ministeri del governo di Hamas. Migliaia di persone erano sul suo libro paga, anche se non tutti erano dipendenti attivi, dicono gli analisti. Hamas ha meno influenza diretta nella Cisgiordania occupata da Israele, a causa delle repressioni condotte negli anni dall’Autorità Palestinese e da Israele.

I funzionari di sicurezza israeliani hanno sviluppato in sordina un piano per la distribuzione degli aiuti nella Striscia di Gaza che potrebbe eventualmente creare un’autorità di governo guidata dai palestinesi. Il piano prevede l’arruolamento di leader e uomini d’affari palestinesi che non abbiano legami con Hamas. Israele ha contattato diverse figure palestinesi per la partecipazione, tra cui il massimo funzionario dei servizi segreti dell’Autorità Palestinese, Majed Faraj.

Un funzionario di Hamas ha dichiarato che gli accordi presi senza la consultazione di Hamas per portare aiuti umanitari a Gaza via mare hanno reso il gruppo nervoso riguardo alla sua autorità nell’enclave.

Nasser Alkidwa, un ex alto funzionario dell’Autorità Palestinese che ha lavorato per cercare di riconciliare la divisione tra Fatah e Hamas, si è detto d’accordo, affermando che Hamas teme che l’Autorità Palestinese stia cercando di infiltrarsi a Gaza per prenderne il controllo. Gli ultimi arresti e incidenti ai convogli, così come il recente “lancio di fango” sui media arabi, suggeriscono che la loro spaccatura non mostra segni di cedimento, ha detto Alkidwa.

“La motivazione di Hamas è semplice. Stanno cercando di dimostrare: ‘Siamo qui e abbiamo il controllo. Non potete scavalcarci e condurre i vostri affari qui”, ha detto Alkidwa. “Il conflitto civile è una paura valida, che fa leva sugli interessi di Israele”.

Follow:
I migliori autori ed inviati delle maggiori testate internazionali tradotti dallo staff di Rights Reporter