La Lega Araba riesuma la questione palestinese

20 Maggio 2023
lega araba questione palestinese

Il principe ereditario saudita Mohammed bin Salman parlando al vertice della Lega Araba ha ribadito il suo impegno per la creazione di uno Stato palestinese con Gerusalemme Est come capitale.

Non esiteremo a fornire assistenza al popolo palestinese per il recupero delle sue terre, il ripristino dei suoi legittimi diritti e la creazione di uno Stato indipendente sui confini del 1967 con Gerusalemme Est come capitale“, ha dichiarato bin Salman nel suo discorso alla conferenza di Gedda, dove una notevole attenzione è stata rivolta al ritorno del presidente siriano Bashar Assad al forum dopo 12 anni di sospensione.

La questione palestinese era e rimane la questione centrale per i Paesi arabi ed è in cima alle priorità del Regno“, ha aggiunto il leader saudita conosciuto anche come MBS.

I commenti sono stati in gran parte quelli standard per la leadership di Riyadh, che da tempo insiste pubblicamente sul fatto che rimane impegnata nella causa palestinese e che normalizzerà i legami con Israele solo dopo aver raggiunto una soluzione a due Stati.

Ciò non ha impedito all’amministrazione Biden di lavorare per trovare un accordo tra Gerusalemme e Riyad, tanto che all’inizio del mese il consigliere per la sicurezza nazionale degli Stati Uniti Jake Sullivan lo ha definito un “interesse per la sicurezza nazionale”.

La settimana successiva Sullivan si è recato a Riyad, dove ha incontrato bin Salman e ha sollevato la questione. Sullivan è stato accompagnato dagli assistenti senior della Casa Bianca Brett McGurk e Amos Hochstein, che si sono poi recati a Gerusalemme per informare il Primo Ministro Benjamin Netanyahu sullo stato delle cose.

Anche il direttore generale del Ministero degli Esteri israeliano Ronen Levy ha parlato con funzionari dell’amministrazione di un potenziale accordo saudita durante il suo viaggio a Washington all’inizio della settimana.

Mentre a Gerusalemme si respira un rinnovato ottimismo, i vicini arabi di Israele hanno inviato altri segnali, esprimendo un forte malcontento nei confronti del nuovo governo di Netanyahu.

La prevista visita di Netanyahu negli Emirati Arabi Uniti è stata sospesa e il vertice ministeriale del Forum del Negev, previsto per l’inizio della primavera, non è ancora stato fissato dal Marocco.

Gli Stati Uniti hanno persino raccomandato a Israele di cambiare il nome del Forum del Negev in modo che sia meno specificamente identificato con lo Stato ebraico, in seguito all’aumento del disagio nei confronti di Gerusalemme negli ultimi mesi.

Un diplomatico di alto livello che opera in Medio Oriente ha dichiarato il mese scorso al Times of Israel che il governo Netanyahu ha reso “molto difficile” il mantenimento degli Accordi di Abraham, per non parlare della loro estensione all’Arabia Saudita.

Tuttavia, nei colloqui con i funzionari di Biden, l’Arabia Saudita è stata disposta a indicare il suo prezzo per la normalizzazione con Israele.

L’alto diplomatico ha detto che Riyadh ha chiesto agli Stati Uniti di dare il via libera allo sviluppo di un programma nucleare civile in cambio della normalizzazione delle relazioni con Israele.

Il programma nucleare civile è una delle numerose richieste che Riyadh ha presentato nei colloqui con l’amministrazione Biden nel corso dell’ultimo anno, ha detto il diplomatico, chiarendo però che un accordo di questo tipo rimane “molto lontano”.

L’alto diplomatico ha affermato che, sebbene Washington sia interessata a mediare un accordo di normalizzazione, Riyadh non si sta affrettando in tal senso.

Dato che l’amministrazione Biden teme che un programma nucleare saudita possa accelerare ulteriormente una corsa agli armamenti nucleari a livello regionale, Riyadh ha suggerito di svilupparlo in piena cooperazione con gli Stati Uniti e di accettare il monitoraggio e le ispezioni americane, ha detto il diplomatico, pur riconoscendo che Washington non è ancora convinta dell’idea.

A complicare ulteriormente lo sforzo, l’Arabia Saudita sta anche condizionando un accordo di normalizzazione con Israele su una significativa espansione dei legami di difesa con gli Stati Uniti, compreso un sistema di garanzie per impedire alle future amministrazioni di ritirarsi dagli accordi sulle armi già firmati, ha detto il diplomatico.

In particolare, il diplomatico ha rivelato che i funzionari sauditi non hanno sollevato una richiesta specifica relativa alla questione palestinese nei loro colloqui con gli Stati Uniti, come invece hanno fatto gli Emirati Arabi Uniti quando hanno condizionato la loro decisione di normalizzare i legami nel 2020 al fatto che Netanyahu accantonasse il suo piano di annessione di ampie parti della Cisgiordania.

Il diplomatico ha ipotizzato che una richiesta relativa alla Palestina sarà probabilmente sollevata verso la fine dei negoziati.

Al vertice di venerdì a Gedda erano presenti quasi tutti i leader arabi, compreso il presidente dell’Autorità palestinese Mahmoud Abbas. Anche il presidente ucraino Volodymyr Zelensky ha partecipato, dopo aver ricevuto un invito a sorpresa.

Abbas ha usato il suo discorso per esortare i Paesi arabi a unirsi agli sforzi di Ramallah per trascinare Israele davanti alla Corte penale internazionale per la sua condotta contro i palestinesi.

Israele viola gli accordi firmati e le risoluzioni delle Nazioni Unite e mantiene il suo progetto coloniale sionista, che si basa sulla continuazione dell’occupazione, della pulizia etnica e dell’apartheid“, ha accusato, aggiungendo che Gerusalemme ha continuato a mettere in atto “misure unilaterali” che rafforzano ulteriormente il conflitto in barba alla comunità internazionale.

Il re di Giordania Abdullah ha usato toni simili a quelli di bin Salman, affermando che “la questione palestinese rimane al centro della nostra attenzione. Non possiamo rinunciare a perseguire una pace giusta e globale, che non sarà raggiunta se il popolo palestinese non sarà in grado di stabilire uno Stato indipendente entro i confini precedenti al 1967, con Gerusalemme Est come capitale“.

Ha criticato la costruzione di insediamenti israeliani, la demolizione di case palestinesi e l’espulsione dei palestinesi dalle loro terre, insistendo sul fatto che l’alternativa alla soluzione dei due Stati – a cui Israele si oppone – è un “continuo stato di conflitto”.

Il presidente egiziano Abdel-Fattah el-Sissi, che spesso si presenta come un’ala un po’ più moderata di Abdullah nei confronti di Israele, ha detto nel suo discorso che il Cairo “ho seguito con dispiacere e dolore l’irresponsabile escalation di Israele nei territori e ciò che è accaduto a Gaza“. Il riferimento era chiaramente al conflitto di cinque giorni della scorsa settimana, che si è concluso dopo che l’Egitto ha mediato un cessate il fuoco tra Israele e la Jihad islamica palestinese.

Chiediamo a Israele di porre fine all’occupazione e di consentire la creazione di uno Stato palestinese sui confini precedenti al 1967 con Gerusalemme Est come capitale“, ha dichiarato Sissi.

Anche il segretario generale della Lega Araba Aboul Gheit ha criticato Israele nel suo discorso. “Le azioni sconsiderate del governo israeliano hanno portato a una scioccante escalation del livello di violenza e di uccisioni negli ultimi mesi. Rendiamo omaggio alla fermezza dei palestinesi. Le politiche e le azioni provocatorie del governo [israeliano] sono estreme e la comunità internazionale deve dare una risposta decisiva“.

Anche il siriano Assad ha sollevato la questione, affermando che “il vertice della Lega Araba rappresenta un’opportunità storica per affrontare i problemi regionali senza interferenze occidentali e straniere“, in particolare i “crimini dell’entità sionista contro il popolo palestinese“.

Staff RR e Agenzie

Lo staff di Rights Reporter in collaborazione con le migliori agenzie e testate

SOSTIENICI USANDO STRIPE

missile ipersonico 2
Previous Story

Russia, arrestati i “padri” dei missili ipersonici

avi maoz
Next Story

Israele, Netanyahu ostaggio della estrema destra

Latest from Medio Oriente

Go toTop