La Russia sta commettendo un genocidio culturale in Ucraina

By redazione

Chiunque voglia capire la storia russa dovrebbe ignorare il Presidente russo Vladimir Putin. Ma chi vuole capire gli obiettivi strategici di Putin dovrebbe prestare molta attenzione alla sua lettura della storia.

Le lunghe conferenze e i saggi del presidente russo sulla Rus’ di Kyivan e sulla Seconda guerra mondiale non sono tangenti casuali, ma piuttosto i fulcri dell’aggressione del suo regime contro l’Ucraina.

Gli sforzi del Cremlino per imporre la propria lettura della storia agli ucraini che vivono sotto occupazione rivelano le motivazioni che hanno spinto a questa guerra, nonché i suoi continui obiettivi.

Sullo sfondo delle innumerevoli morti civili, delle deportazioni di massa e dei domicili nei territori occupati dell’Ucraina, potrebbe sembrare banale concentrarsi sulla memoria storica. Ma se è difficile distogliere lo sguardo dalle immagini satellitari delle fosse comuni a Mariupol, se non riusciamo a cogliere la grammatica più ampia della guerra della Russia contro l’Ucraina, allora non riusciremo nemmeno a riconoscere l’ambizione più ampia degli sforzi bellici della Russia: l’annientamento deliberato dell’identità ucraina.

Il dispiegamento strategico della propaganda storica della Russia nell’Ucraina occupata comporta uno sforzo globale per “russificare” la popolazione locale, facendo leva su strumenti educativi, culturali e militari per cancellare le narrazioni della storia e della cultura ucraina.

Chi si oppone a questa cancellazione viene a sua volta distrutto, spesso fisicamente. In tutti i territori occupati, le forze russe sono arrivate con una lista di individui, a quanto pare patriottici, da catturare, torturare e, se non cedevano, giustiziare. Fin dall’inizio, come Putin ha chiarito in un saggio del giugno 2021 intitolato “Sull’unità storica di russi e ucraini”, l’invasione su larga scala della Russia è stata concepita come una guerra genocida.

Il genocidio mira ad annientare l’identità e l’esistenza di un gruppo specifico, in questo caso gli ucraini. L’aspetto cruciale dell’identificazione del genocidio è l’intento che sta dietro a queste azioni, che lo distingue da altre forme di violenza. Le prove dell’intento distruttivo del Cremlino sono schiaccianti. E sono in gran parte fornite con il linguaggio della storia.

Dopo aver preso il controllo delle regioni di Kherson e Zaporizhzhia nel 2022, la Russia ha lanciato un’aggressiva campagna di propaganda culturale caratterizzata dalla dichiarazione degli anniversari dell’annessione come feste nazionali, dalla standardizzazione delle pratiche culturali per allinearle alle norme russe, dall’istituzione di musei di propaganda storica e dalla ri-sovietizzazione dei nomi delle strade e dei monumenti.

Questi sforzi erano finalizzati a radicare rapidamente i territori occupati nel più ampio tessuto culturale e giuridico russo, una strategia che ricorda l’annessione della Crimea da parte della Russia e che non ha nulla a che vedere con i metodi più frammentari impiegati nelle cosiddette Repubbliche di Donetsk e Luhansk nell’Ucraina orientale dopo il 2014.

Nelle regioni in cui la resistenza locale è più forte, come Melitopol e Berdyansk, si sta intensificando lo sforzo di russificazione culturale ed educativa. La formazione di gruppi giovanili militarizzati – tra cui lo Yunarmiya (Giovane Esercito), un movimento militare-patriottico per bambini e giovani avviato dal Ministro della Difesa russo Sergei Shoigu nel 2016, e gli Aquilotti della Russia – è diffusa, ma la portata e la visibilità di tali programmi variano in base al valore strategico militare di ciascuna regione per la Russia.

Anche la natura e l’intensità della propaganda variano, con una marcata enfasi sulle narrazioni dell’era sovietica a Donetsk e Luhansk, che probabilmente sono state deliberatamente create per allinearsi alle recenti narrazioni storiche e alle identità multiculturali della regione.

Anche se le tecniche per sopprimere l’identità ucraina possono cambiare, gli obiettivi fondamentali delle campagne informative russe sono costanti. Questi sforzi accentuano senza sosta le radici storiche e culturali condivise dalle regioni con la Russia, elogiando i risultati sovietici e l’eredità slava orientale.

L’agenda del Cremlino mira a sostituire l’identità ucraina con qualcosa di diverso – qualcosa di localizzato – che possa poi essere inserito in una più ampia narrazione panrussa. Per farlo, utilizza la cultura e l’istruzione come armi da guerra. Questa strategia comprende biblioteche mobili, sorvegliate da milizie armate, che distribuiscono libri e risorse educative russe e distruggono i libri ucraini.

In mezzo a questa evidente manipolazione storica e distruzione culturale, la propaganda russa distribuita nei territori occupati pone il Cremlino come protettore della verità storica, utilizzando questa posizione per propagare narrazioni favorevoli ai suoi fini politici e ideologici. Dipinge le storie occidentali e ucraine come distorsioni deliberatamente mirate a distruggere l’identità russa, che il Cremlino sostiene essere la vera identità degli ucraini.

Il progetto culturale Khersonshchyna nella regione occupata di Kherson, ad esempio, sostiene di smascherare la storia ucraina come una serie di menzogne e promuove i miti militaristi russi con l’obiettivo di “ripristinare la giustizia storica” e “arginare la diffusione delle menzogne”.

Attraverso l’adozione di materiali didattici russi, educatori e sillabi che privilegiano il patrimonio russo rispetto a quello ucraino, le autorità di occupazione cercano di trasformare l’identità dei residenti, sminuendo il patrimonio ucraino a favore di una visione russa.

Gli accademici russi hanno creato un glossario orwelliano di 98 pagine di nuova terminologia culturale, storica e sociale corretta da applicare nelle scuole ucraine nei territori occupati. Nel Donbas, organizzazioni come il Centro russo hanno prodotto dottrine pseudo-storiche per giustificare l’occupazione russa. Il centro, finanziato dalla Russian World Foundation, ha organizzato una serie di festival incentrati sull’idea che il Donbas sia la Russia e che la cultura russa sia insita nel Donbas.

Un filo conduttore della propaganda storica è l’idea che un’ingiustizia (la separazione della Russia dalle terre di quello che chiama Donbas e Novorossiya – che significa “Nuova Russia”) sia stata risolta dall’invasione. Nel settembre 2023, in occasione dell’anniversario degli pseudo-referendum tenutisi in quattro territori appena occupati nell’Ucraina orientale, le scuole della regione di Zaporizhzhia hanno organizzato eventi per celebrare la “riunificazione con la Federazione Russa”, definita come “ripristino della giustizia storica”.

Nel discorso sullo stato della nazione del febbraio 2023, Putin ha dichiarato che la “rinascita” della sfera culturale nei territori occupati è una priorità per ristabilire la pace. Ha sottolineato l’importanza di restaurare gli oggetti culturali per creare un legame nel tempo, affermando che questo sforzo avrebbe integrato la popolazione locale nella “secolare e grande Russia”.

Oltre a promuovere rivendicazioni di restauro storico e di grandezza russa, le forze di occupazione stanno sistematicamente minando l’eredità storica dell’Ucraina. Le loro strategie vanno oltre la soppressione, fino alla vera e propria distruzione e appropriazione del patrimonio ucraino. Nel 2022, il governo russo ha introdotto una legge che legittima il sequestro di oggetti legati al patrimonio culturale ucraino. Questa legge consente l’inclusione di manufatti storici provenienti dalle regioni occupate nel registro della Federazione Russa, cancellando di fatto la loro provenienza ucraina.

La portata di questo saccheggio culturale è vasta: il governo ucraino ha riferito che più di 15.000 manufatti sono stati rimossi dalla sola Kherson. Un altro saccheggio significativo riguarda l’oro scita risalente al IV secolo a.C., rubato dal Museo della tradizione locale di Melitopol. Anche questo museo e il Museo d’Arte A. I. Kuindzhi sono stati privati delle loro preziose collezioni. Un cosiddetto Ministero della Cultura della Regione di Kherson ha facilitato ciò che gli occupanti russi definiscono “evacuazione” di questi oggetti nella città di Sebastopoli, in Crimea, mascherando gli atti di saccheggio come conservazione. Le loro azioni e giustificazioni tracciano evidenti paralleli con precedenti esempi di saccheggio imperiale, come il saccheggio britannico di manufatti africani, anch’esso condotto con la scusa “dell’evacuazione”. Anche gli archivi ucraini sono stati presi di mira, con la confisca di parti significative del patrimonio dell’Archivio di Stato regionale di Kherson.

Almeno 14 monumenti commemorativi delle vittime dell’Holodomor – una devastante carestia durata dal 1932 al 33, indotta dalle politiche sovietiche e utilizzata per pacificare l’identità nazionale ucraina – sono stati smantellati nelle comunità di Oleshky e Ivanivka, nell’Oblast di Kherson. La distruzione di questi monumenti è un’ulteriore dimostrazione della cancellazione della storia ucraina, soprattutto se si considera che questo particolare episodio storico rivela un modello continuo di genocidio.

Il primo vicepresidente del Consiglio regionale di Kherson ha confermato queste notizie, ma l’amministrazione dell’occupazione ha liquidato i memoriali come “strumenti di manipolazione” che alimentano l’odio verso la Russia.

Mentre cancellano la memoria storica ucraina, le forze russe reinstallano attivamente i monumenti di epoca sovietica precedentemente rimossi durante gli sforzi di decomunistizzazione dell’Ucraina, in particolare le statue di Lenin. In questo modo, il Cremlino sta cercando di ripristinare un passato (mal)immaginato di grandezza sovietico-russa e di possesso dell’Ucraina. È un passato che nessuno ha chiesto loro di riportare in vita, ma che avrà gravi conseguenze per il futuro della Russia e dell’Ucraina, dato che gli sforzi di indottrinamento sono rivolti soprattutto ai bambini.

Quando Izyum è stata occupata nel 2022, è stata data priorità alla creazione di centri educativi e culturali per bambini, che sono stati attivati in poche settimane. Facendo leva sulle riforme scolastiche, sull’educazione patriottica e sulle organizzazioni giovanili, le autorità di occupazione hanno lavorato in modo rapido ed efficiente per instillare un senso di identità russa tra i giovani ucraini.

Queste azioni non mirano solo a rimodellare il paesaggio culturale, ma anche ad assicurare la fedeltà delle future generazioni alla Russia, spesso con un’agenda chiaramente militarizzata, come si vede nelle iniziative educative come le “Lezioni di coraggio”, lezioni speciali tenute come parte del curriculum scolastico che glorificano i successi militari dell’Unione Sovietica e della Russia. Questi programmi includono interazioni con i veterani russi e incoraggiano espressioni di sostegno ai soldati in servizio, integrando ulteriormente i valori militari nell’esperienza educativa.

L’istituzione di scuole per cadetti nei territori occupati, facilitata da accordi con le autorità educative e militari russe, ha formalizzato la militarizzazione dei giovani, preparandoli a un eventuale coinvolgimento in conflitti futuri.

L’educazione patriottica si estende oltre le aule scolastiche e si estende ai movimenti giovanili extrascolastici e agli eventi tematici. Dal 2022, nei territori occupati dell’Ucraina meridionale, sono state istituite filiali di organizzazioni giovanili nazionali russe come Yunarmiya, accanto a movimenti patriottici militari regionali come la Gioventù del Sud.

I partecipanti ricevono una formazione militare professionale, supportata da veterani delle Forze Armate russe e da membri dell’organizzazione di veterani militari Combat Brotherhood. L’addestramento comprende lezioni di armi e tattiche militari. Al termine, i membri di Yunarmiya vengono spesso reclutati nell’esercito russo.

Secondo Andrey Orlov, direttore ucraino in esilio del Centro per lo sviluppo strategico dei territori, l’iscrizione a questa organizzazione è obbligatoria nei territori temporaneamente occupati e il personale dei servizi speciali visita spesso le istituzioni scolastiche per coinvolgere i bambini in giochi a tema militare. Il cosiddetto Club del Guerriero nella Zaporizhzhia occupata, che si concentra sull’indottrinamento e sulla preparazione militare dei giovani prossimi all’età di leva, evidenzia la portata dell’impegno russo in questa causa.

C’è una macabra strategia dietro l’impegno militarista della Russia con i bambini nei territori occupati: indottrinarli ad abbandonare la loro identità nazionale e prepararli a morire per la loro nuova presunta madrepatria.

Nonostante gli ampi sforzi di indottrinamento di Mosca, c’è stata resistenza. I funzionari della regione di Luhansk, temporaneamente occupata, hanno segnalato al Cremlino le difficoltà di reclutamento, notando una significativa carenza di insegnanti di lingua, letteratura e storia russa.

Poiché gli insegnanti ucraini si rifiutano di insegnare queste materie, gli educatori vengono fatti arrivare dalla Russia, spesso alloggiati in appartamenti confiscati ai residenti locali. Questo considerevole afflusso di educatori russi, incaricati di impartire un programma di studi russo-centrico, dovrebbe essere visto anche come parte degli sforzi di ingegneria demografica russa, con la deportazione degli ucraini in Siberia e oltre, e l’arrivo di cittadini russi per prendere il loro posto.

Tuttavia, di fronte alle sanzioni e alle incursioni nelle case, un notevole segmento della popolazione rifiuta fermamente di iscrivere i propri figli alle scuole amministrate dalla Russia, optando invece per l’istruzione domestica. Il rifiuto dei mandati educativi russi sottolinea il perdurante spirito di identità ucraina e il diffuso desiderio collettivo di preservare la coscienza nazionale. Questa resilienza è dimostrata anche dalle centinaia di studenti che, nonostante i rischi di ritorsione, utilizzano le VPN per proseguire i loro studi con le università e le scuole ucraine online, sostenendo i legami vitali della comunità.

Inoltre, gli ucraini stanno contrastando i tentativi di cancellare la loro memoria culturale. Lo scorso novembre, i residenti delle aree occupate hanno seguito la tradizione ucraina di accendere candele alle finestre per commemorare l’Holodomor. Nonostante i pericoli, con le forze russe che smantellano attivamente i monumenti commemorativi dell’Holodomor, molti hanno coraggiosamente condiviso le immagini di questi atti di memoria via Telegram, in segno di impegno per la loro storia e identità.

La russificazione, la falsificazione storica, l’indottrinamento dei giovani, la militarizzazione e la manipolazione culturale del Cremlino rivelano la vera agenda della Russia. In linea con la retorica di Putin dal 2022, è chiaro che la guerra che la Russia sta conducendo contro l’Ucraina non mira solo al controllo territoriale, ma anche allo sradicamento dell’identità nazionale ucraina.

Di fronte a conquistatori che vedono la loro esistenza nazionale come una minaccia, la resistenza culturale degli ucraini nei territori occupati non è solo un rifiuto di sottomettersi alla propaganda del Cremlino: è una parte essenziale della sopravvivenza dell’Ucraina.

Di Jade McGlynn, autrice di Russia’s War e ricercatrice al King’s College di Londra.