ritorno dello stato islamico ISIS

Nonostante la grande distanza di Gaza dall’Asia centrale, la guerra tra Israele e Hamas ha avuto un impatto sul panorama religioso e di sicurezza della regione. Mentre i gruppi estremisti sunniti dell’Asia centrale affiliati ad al-Qaeda in Siria e in Afghanistan si sono limitati a esprimere sostegno ai musulmani palestinesi attraverso dichiarazioni ideologicamente forti, i militanti tagiki della Provincia del Khorasan dello Stato Islamico (ISKP) hanno orchestrato un sofisticato e spettacolare attacco suicida a Kerman, in Iran, all’insegna della liberazione di Bait al-Maqdis (Gerusalemme) e della Moschea al-Aqsa.

Militanti tagiki obbedienti all’appello globale di sangue dello Stato Islamico

Sulla base della mia recente analisi pubblicata su The Diplomat sull’impatto della guerra tra Israele e Hamas sull’escalation di sentimenti ostili anti-sciiti e anti-iraniani all’interno dei gruppi salafiti-jihadisti dell’Asia centrale, è degno di nota il fatto che l’ala tagica dell’ISKP si sia nuovamente distinta per la sua ferocia nel quadro dell’attuazione della campagna sanguinaria dello Stato Islamico, dal titolo minaccioso “E uccideteli ovunque li troviate” (tratto dal Corano 2:191).

Il 4 gennaio 2024, Al-Furqan, l’organo di informazione dello Stato Islamico (IS), ha pubblicato un messaggio audio del portavoce del gruppo, Abu Ḥudhayfah al-Ansari. Nel messaggio, della durata di 35 minuti, ha annunciato una nuova campagna globale che esorta i membri e i sostenitori dell’IS a compiere attacchi contro “gli ebrei e i loro alleati crociati in America, in Europa e contro i Rafidah” (rifiutanti, un termine dispregiativo usato dai jihadisti sunniti per descrivere gli sciiti) a sostegno dei musulmani in Palestina.

Nel suo discorso, al-Ansari si è concentrato ampiamente sul conflitto tra Israele e Hamas, con l’obiettivo di galvanizzare i militanti dell’IS verso l’animosità settaria contro l’Iran e i suoi gruppi militanti sciiti per procura impegnati nella crisi di Gaza. In particolare, il portavoce dell’IS ha rimproverato l’alleanza tra Hamas, insieme ad altre fazioni palestinesi, e il regime sciita in Iran, denunciandola come un allontanamento dai principi della Sunnah. Ha inoltre considerato la rivoluzione islamica del 1979 in Iran come una rivoluzione “apostata”, sottolineando che l’allineamento con l’Iran e il suo “Asse della Resistenza” ha permesso al regime iraniano di affermarsi a livello globale come sostenitore della causa palestinese.

Il portavoce dell’IS ha anche denunciato gli Hezbollah libanesi e Ansarullah (nota anche come Houthi), un’organizzazione militare islamista sciita nello Yemen, accusandoli di favorire l’agenda di Teheran e di impegnarsi in una guerra per procura per conto dell’Iran.

Alla fine del suo discorso, al-Ansari ha esortato i musulmani sunniti a opporsi con fermezza all’agenda clandestina dei loro avversari sciiti. Sfruttando l’accresciuta attenzione sul conflitto di Gaza, punto focale del discorso mediatico jihadista negli ultimi tre mesi, ha incitato apertamente i membri dell’IS contro l’Iran, esortandoli a compiere attacchi e sottolineando i “crimini storici commessi dagli sciiti contro la Sunnah”. Ha esortato i sostenitori dell’IS negli Stati Uniti e in Europa a compiere attacchi solitari contro ebrei e cristiani e a colpire chiese e sinagoghe a sostegno dei musulmani di Gaza.

Così, cogliendo il momento opportuno presentato dalla risonanza della guerra di Gaza, l’IS ha lanciato la sua nuova campagna globale. L’obiettivo era quello di colpire tre avversari con una sola pietra: Ebrei, Cristiani e Sciiti. In effetti, il discorso di al-Ansari è stato caratterizzato da argomentazioni ideologiche e rivendicazioni religiose emotivamente cariche e altamente provocatorie nei confronti dell’Iran.

L’ala tagika dell’ISKP è stata tra le prime propaggini dello Stato Islamico a rispondere all’appello, poiché la sua emissione ha coinciso con un drammatico attacco in Iran. Il 3 gennaio, due membri tagiki dell’ISKP hanno compiuto un attacco suicida nel cuore della città iraniana di Kerman durante una cerimonia commemorativa per Qassem Soleimani, tenente generale del Corpo delle Guardie Rivoluzionarie Islamiche, ucciso nel 2020 da un drone statunitense.

Il 4 gennaio, l’IS ha rivendicato la responsabilità del letale attacco suicida, che ha causato la morte di quasi 100 persone e più di 300 feriti. La rivendicazione è stata fatta attraverso la sua agenzia di stampa Amaq, che ha pubblicato un video con due combattenti senza nome che giurano fedeltà al Califfo dell’IS, lo sceicco Abu Hafs al-Hashimi al-Qurashi, prima dell’operazione.

Successivamente, il Ministero dell’Intelligence iraniano ha rivelato che il principale sospetto dietro gli attentati pianificati era un cittadino tagico identificato con lo pseudonimo di Abdollah Tajiki. È entrato in Iran a metà dicembre attraversando il confine sud-orientale e ha lasciato il Paese due giorni prima dell’attacco, ha dichiarato il ministero. Il 13 gennaio, il centro media in lingua uzbeka dell’ISKP “Xuroson Ovozi” (Voce del Khurasan) ha rivelato i nomi dei due attentatori suicidi tagiki: Umar al-Muvahhid e Sayfullah al-Mujahid.

Perché l'”Asse della Resistenza” iraniano accende l’animosità settaria

La guerra di Gaza ha aperto un capitolo senza precedenti nell’aspra lotta settaria tra sciiti e sunniti per la designazione dei “forti difensori della Palestina”. Da una parte c’è il movimento jihadista sunnita, che comprende al-Qaeda, lo Stato Islamico e i loro affiliati dell’Asia centrale; dall’altra c’è l’Iran con i suoi gruppi militanti sciiti per procura. A differenza degli Hezbollah sostenuti dall’Iran in Libano, degli Houthi dello Yemen e della Resistenza islamica in Iraq, le organizzazioni salafite jihadiste sunnite non sono in grado di plasmare attivamente la traiettoria del conflitto a Gaza. Si sforzano di evitare scontri diretti con le Forze di Difesa Israeliane (IDF) e con la coalizione del Mar Rosso guidata dagli Stati Uniti, nota come Operazione Prosperity Guardian.

I gruppi jihadisti sunniti globali non mantengono alcuna alleanza con Hamas, l’influente organizzazione politica e militare sunnita palestinese che da oltre 35 anni conduce una guerra asimmetrica contro Israele. Al contrario, le relazioni tra Hamas e al-Qaida sono state tese a causa della riluttanza di Hamas ad adottare i principi della jihad globale e della sua ideologia confinata e nazionalista focalizzata su Gaza. Lo Stato Islamico ha respinto Hamas per la sua collaborazione con entità sciite, in particolare Iran e Hezbollah, bollandolo come “fantoccio sciita”.

L’IS rifiuta l’ideologia strettamente nazionalista di Hamas, che si concentra sulla creazione di uno Stato palestinese e non sulla jihad globale. Secondo l’IS, la guerra a Gaza è una guerra santa religiosa contro gli alleati crociati-ebraici, il cui risultato dovrebbe essere la creazione di un califfato globale dove vige la Sharia sotto la guida dell’attuale califfo dell’IS Abu Hafs al-Hashimi al-Qurashi.

Nel suo editoriale “Passi pratici per combattere gli ebrei”, pubblicato sul numero 31 della rivista Voice of Khurasan, l’ISKP ha condannato la “piattaforma nazionalista” di Hamas per essersi unita a un più ampio “Asse di resistenza” a guida iraniana, che sarebbe utilizzato dai rafida idolatri come progetto espansionistico sciita e diretto contro il piano dello Stato Islamico di creare un califfato globale. Così, il tentativo di farsi riconoscere come i fermi difensori della Moschea di al-Aqsa, il terzo santuario più significativo per la Ummah islamica, ha nuovamente intensificato il confronto settario sunnita-sciita tra i movimenti estremisti islamici.

L’attacco suicida a Kerman sottolinea le elevate capacità organizzative dei militanti tagiki dell’ISKP in questo brutale confronto settario, dimostrando la loro abilità nell’eseguire operazioni sofisticate sia in Iran che in Afghanistan. La guerra di Gaza ha offerto loro nuove opportunità per reclutare membri nello Stato Islamico dalle repubbliche post-sovietiche dell’Asia centrale e dai gruppi etnici uzbeki e tagiki in Afghanistan. Sfruttando le comunanze etniche, culturali e di lingua persiana, gli operativi sunniti tajiki dell’ISKP dell’Asia centrale sono abili nell’attraversare illegalmente il confine iraniano, nell’infiltrarsi nelle comunità iraniane locali e nell’orchestrare attacchi solitari di alto profilo in grado di catturare l’attenzione internazionale.

Non potendo impegnarsi direttamente nel conflitto di Gaza, l’ala tagica dell’ISKP dà priorità al settarismo, dirigendo le sue ire contro gli sciiti in Iran. Dopo il successo di un attacco suicida in Iran, sui canali Telegram tagiki e uzbeki favorevoli all’ISKP hanno cercato di posizionarsi come “veri guerrieri di Allah”, combattendo non solo i reciproci “nemici americano-sionisti” ma anche i rafidah. In effetti, la Fondazione Al-Azaim per la produzione mediatica dell’ISKP e la sua radio in lingua tagica e uzbeka “Voice of Khurasan” hanno raccolto una diffusa simpatia contro l’Iran e i suoi gruppi per procura come parte della loro agenda jihadista.

Combattenti tagiki dell’ISKP: Una minaccia persistente per l’Iran

Dopo il ritiro delle forze statunitensi e la rinascita dei Talebani nell’agosto 2021, l’ala tagika dell’ISKP ha ampliato strategicamente le sue operazioni esterne, prendendo di mira in particolare le comunità sciite. In passato, i militanti tagiki dell’ISKP hanno compiuto due attacchi terroristici in Iran. Nell’agosto 2023, un membro dell’ISKP identificato come Rahmatollah Nowruzov, proveniente dal Tagikistan, ha attaccato il santuario di Shah Cheragh nella città di Shiraz, uccidendo due persone e ferendone altre sette. Alla fine di ottobre del 2022, un militante tagico dell’ISKP di nome Sobhan Kamrouni, proveniente dal Tagikistan, aveva aperto il fuoco contro lo stesso santuario, causando almeno 15 morti e più di 30 feriti.

In ogni occasione, i terroristi tagiki dell’ISKP hanno scelto meticolosamente obiettivi con un significato religioso per i musulmani sciiti. Come dimostrato da tutti e tre gli attacchi in Iran, gli agenti dell’ISKP dell’Asia centrale hanno pianificato ed eseguito diligentemente questi attacchi esterni, evitando con successo le forze dell’ordine iraniane.

Il recente attacco a Kerman, durante la cerimonia commemorativa di Soleimani, ha inferto un colpo significativo al regime iraniano e al suo orgoglio dell’IRGC. Ha anche portato a una brusca escalation del conflitto tra Pakistan e Iran. In un impeto di rabbia, l’Iran ha lanciato attacchi missilistici sul Balochistan pakistano, provocando un attacco missilistico di rappresaglia da parte del Pakistan. Come da tradizione, il regime iraniano ha incolpato Israele e gli Stati Uniti per l’attacco.

Di certo, dopo una serie di attacchi di risonanza internazionale all’Iran, le ali tagica e uzbeka dell’ISKP sembrano aver ampliato la loro influenza nella regione all’interno del panorama jihadista. La Fondazione multilingue Al-Azaim per la produzione mediatica dell’ISKP ha intensificato le sue attività di propaganda, rivolgendosi specificamente alla regione post-sovietica dell’Asia centrale, dove aspira a estendere le sue attività violente e di terrore. Recentemente, il Comitato di Stato per la sicurezza nazionale del Kirghizistan ha arrestato due presunti membri dell’ISKP che stavano pianificando di far esplodere una bomba nella piazza centrale della città meridionale di Jalal-Abad e di sferrare un attacco armato a una chiesa la notte di Capodanno.

In conclusione, è fondamentale sottolineare che la distruttiva guerra tra Israele e Hamas ha già portato a un aumento delle attività militanti e degli sforzi di propaganda dei gruppi salafiti-jihadisti dell’Asia centrale affiliati allo Stato Islamico e ad Al-Qaeda. Le iniziative destabilizzanti dell’Iran nell’ambito dell'”Asse della Resistenza” e il suo sostegno ai gruppi terroristici sciiti per procura in Medio Oriente potrebbero avere conseguenze di vasta portata per la sicurezza dell’intera regione centroasiatica, innescando potenzialmente un’impennata della violenza settaria in senso lato.