blinken in israele cerca il cessate il fuoco

Una risoluzione sponsorizzata dagli Stati Uniti che chiedeva un immediato cessate il fuoco tra Israele e Hamas a Gaza non è passata al Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite venerdì, poiché i membri permanenti Russia e Cina hanno posto il veto.

Con gli alti funzionari statunitensi presenti in Medio Oriente che premevano per un cessate il fuoco, gli Stati Uniti hanno presentato la risoluzione per aumentare la pressione su Israele e Hamas affinché raggiungessero un accordo che portasse anche al rilascio degli ostaggi e permettesse un maggiore afflusso di aiuti a Gaza.

La risoluzione ha condannato l’attacco di Hamas di ottobre che ha scatenato la guerra e ha citato la “necessità urgente di espandere il flusso di assistenza umanitaria”, una richiesta che il Segretario di Stato Antony Blinken ha ripreso in un incontro di venerdì con il Primo Ministro israeliano Benjamin Netanyahu.

“La Russia e la Cina semplicemente non hanno voluto votare per una risoluzione scritta dagli Stati Uniti, perché preferirebbero vederci fallire piuttosto che vedere questo Consiglio avere successo”, ha dichiarato l’ambasciatore statunitense alle Nazioni Unite Linda Thomas-Greenfield dopo il voto. “Ogni giorno senza cessate il fuoco porta ad altre inutili sofferenze”.

La risoluzione ha segnato un inasprimento della posizione statunitense nei confronti di Israele da parte dell’amministrazione Biden, che aveva posto il veto a tre precedenti risoluzioni, due delle quali avrebbero richiesto un immediato cessate il fuoco. Ma l’ambasciatore russo alle Nazioni Unite Vassily Nebenzia ha definito la risoluzione statunitense “deliberatamente fuorviante” e l’inviato cinese Zhang Jun l’ha definita ambigua.

“Un cessate il fuoco immediato è un prerequisito fondamentale per salvare vite umane, ampliare l’accesso umanitario e prevenire ulteriori conflitti”, ha dichiarato Zhang. “La bozza statunitense, al contrario, pone delle precondizioni per il cessate il fuoco, il che non è diverso dal dare il via libera a continue uccisioni”.

Francia, Regno Unito e Stati Uniti hanno votato a favore della risoluzione. I cinque membri permanenti del Consiglio di Sicurezza e i nove membri totali del Consiglio devono votare a favore perché una risoluzione venga adottata.

Il voto è avvenuto mentre i funzionari israeliani e di Hamas che stanno negoziando una tregua si sono scontrati sull’opportunità di permettere ai palestinesi sfollati di tornare al nord devastato della Striscia di Gaza, sollevando un altro ostacolo al cessate il fuoco.

Mesi di colloqui indiretti e saltuari tra le parti in guerra non hanno portato a una svolta. Blinken è arrivato in Israele venerdì, mentre gli Stati Uniti e i loro alleati arabi e occidentali aumentano la pressione su Israele e Hamas per raggiungere un accordo volto a liberare gli ostaggi israeliani e ad alleviare la crisi umanitaria a Gaza.

Blinken sta compiendo la sua sesta visita nella regione dall’inizio della guerra.

Il direttore della C.I.A. Bill Burns dovrebbe arrivare in Qatar venerdì per incontrare il capo del Mossad, David Barnea, il primo ministro del Qatar, lo sceicco Mohammed bin Abdulrahman al-Thani, e il capo dell’intelligence egiziana, Abbas Kamel. I funzionari del Qatar e dell’Egitto hanno svolto un ruolo chiave nella mediazione dei colloqui tra Israele e Hamas, contribuendo a garantire un cessate il fuoco di una settimana a novembre.

Israele e Hamas hanno raggiunto un accordo provvisorio sul quadro più ampio di un possibile cessate il fuoco: durerebbe sei settimane, durante le quali gli ostaggi israeliani a Gaza verrebbero liberati in cambio di palestinesi detenuti nelle prigioni israeliane.

Blinken, parlando dal Cairo giovedì, ha detto che il divario tra Israele e Hamas si sta riducendo. “C’è ancora del lavoro difficile da fare, ma continuo a credere che sia possibile”, ha detto, dopo due giorni di incontri con funzionari arabi.

Ma rimangono importanti punti di stallo. Non c’è accordo sul numero di ostaggi da scambiare con il numero di prigionieri. Nessuna delle due parti ha detto chi sarebbe disposta a rilasciare nell’ambito di uno scambio.

Una delle richieste principali di Hamas è che i civili sfollati a sud possano tornare nel nord di Gaza. Per Hamas, permettere alle famiglie di tornare a nord rappresenterebbe un’importante vittoria simbolica che potrebbe contribuire ad aumentare la sua popolarità tra i gazesi.

Israele, che controlla strettamente l’accesso al nord di Gaza, non vuole che gli uomini in età da combattimento tornino a nord perché teme che i combattenti di Hamas ne approfittino per riprendere una sorta di controllo dell’area.

Israele è anche preoccupato di permettere ai civili di rientrare in uno spazio di battaglia attivo, mentre Israele sta lottando per inseguire i resti dei battaglioni di Hamas a nord di Gaza.

Il nord di Gaza è stato uno dei principali obiettivi dell’esercito israeliano sin dall’inizio della guerra. Dopo più di cinque mesi, gran parte di essa rimane un campo di battaglia attivo. Per giorni, le forze israeliane sono state impegnate in combattimenti a terra con Hamas e altri militanti all’interno e intorno all’ospedale Al-Shifa, una struttura che le truppe israeliane avevano apparentemente sgomberato mesi fa. Venerdì l’esercito israeliano ha dichiarato che le sue truppe hanno ucciso oltre 150 militanti e arrestato centinaia di sospetti nell’area dell’ospedale.

Gli incontri in Qatar e Israele avvengono mentre gli Stati Uniti e i loro alleati stanno aumentando la pressione su Israele in altri modi.

All’inizio della settimana i leader europei hanno lanciato il più forte appello unitario per un cessate il fuoco, criticando la conduzione della guerra da parte di Israele e la “catastrofica situazione umanitaria” che ha portato.