hezbollah è il vero pericolo per israele

Di Elliot Kaufman – Orna Weinberg sa leggere i miei occhi. “In tempo di pace, questo è il paradiso”, dice dalla cima di una montagna che domina la valle di Hula. Il kibbutz di Manara, nell’Alta Galilea israeliana, è mozzafiato. Eppure sembra osceno ammirare la bellezza in mezzo a tanto dolore. L’unica conclusione che si può trarre dalla nostra camminata a passo spedito attraverso la sua comunità malconcia, pericolosa ed evacuata è che Hezbollah ha trasformato il nord di Israele in un inferno.

La gente qui non è un fiore fragile. “Ho imparato a camminare in un rifugio antiatomico”, dice allegramente la signora Weinberg, 57 anni, badante. Frederieke Shamia, 48 anni, sottolinea che “questa comunità non aveva mai evacuato, mai, fino ad ora”. I razzi provenienti dal Libano e dalla Siria non sono una novità per il nord di Israele, “ma i missili anticarro hanno cambiato tutto”, dice la signora Weinberg. La sua casa è stata la seconda ad essere colpita a Manara.

La zona sud-ovest del kibbutz è chiusa. “Nel momento in cui Hezbollah vede un movimento all’interno di un edificio, fa fuoco”, dice la signora Shamia. “Basta accendere una luce o regolare una tenda e fanno fuoco”. A differenza dei razzi, che possono essere intercettati e sono tipicamente imprecisi, i missili guidati anticarro colpiscono i loro obiettivi in pochi secondi.

Hezbollah, un proxy iraniano che detiene il vero potere in Libano, ha sparato su Manara mezz’ora prima del mio arrivo. Abbiamo guidato verso est attraverso una Kiryat Shmona vuota, la città più settentrionale di Israele, che ha ricevuto 30 razzi quel giorno, il primo del Ramadan.

Io venivo da Rhadjar, un villaggio inquietantemente normale al confine tra le alture del Golan e il Libano. Israele lo controlla, il Libano lo rivendica e la gente del posto dice che apparteneva alla Siria. “Ora siamo israeliani”, dice il sindaco con un sorriso. Il suo villaggio è alawita, la stessa setta della cricca al potere in Siria. Questo gli permette una certa tranquillità.

Hezbollah prende la rivendicazione libanese di Rhadjar e di altri piccoli territori come giustificazione per non rispettare la risoluzione 1701 del Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite, che ordinava la smilitarizzazione di una zona cuscinetto nel sud del Libano. Le forze di pace delle Nazioni Unite avrebbero dovuto farla rispettare. Invece, Hezbollah si è trincerato e usa le forze di pace come scudi umani nella sua guerra per distruggere Israele.

L’esercito libanese, finanziato dagli Stati Uniti con più di 3 miliardi di dollari dal 2006, potrebbe frenare Hezbollah? Questa è un’altra battuta, come se il Libano potesse agire come uno Stato e non come un prigioniero volontario della guerra che Hezbollah ha lanciato dal suo territorio. Lo speaker del Parlamento libanese guida un gruppo separato che spara anche contro Israele.

Chi si concentra solo su Gaza, a sud-ovest di Israele, si perde metà della storia. Hezbollah ha sparato più di 3.500 razzi, missili e mortai contro il nord di Israele dal 7 ottobre. Ne ha sparati 4.500 nell’intera guerra con Israele del 2006, eppure il mondo lo definisce un “conflitto a bassa intensità”. Almeno 60.000 civili del nord di Israele sono stati evacuati dalle loro case per cinque mesi, con un costo insostenibile per il morale nazionale. Come è possibile, si chiedono gli israeliani, che Hezbollah abbia spostato la zona cuscinetto faticosamente conquistata sul lato israeliano del confine?

Israele sta avendo la meglio nello scambio militare, uccidendo più di 300 agenti di Hezbollah e distruggendo sistematicamente le posizioni meridionali del gruppo. Hezbollah ha ucciso 21 israeliani, ma il suo risultato è molto più grande. Ha spopolato un’intera regione di Israele e per mesi l’ha fatta franca.

Se Hezbollah fosse stato pronto il 7 ottobre e avesse invaso, i combattimenti avrebbero potuto raggiungere Tel Aviv, dicono diversi funzionari israeliani. Il gruppo terroristico ha probabilmente preso in considerazione l’idea di invadere nei giorni successivi, ma è stato scoraggiato dall’afflusso di truppe israeliane e di navi da guerra statunitensi nell’area.

La strategia statunitense non è stata modificata da quei primi giorni. Un alto funzionario della sicurezza israeliana afferma che l’amministrazione Biden non si rende conto che “l’obiettivo nel nord non è prevenire una guerra, ma riportare a casa gli israeliani”. Si chiede perché l’amministrazione non invii un inviato più anziano di Amos Hochstein a negoziare e perché il presidente Biden parli raramente del nord. “Si rendono conto di quante vite ci sono in gioco?”. La guerra nel nord del Paese potrebbe fare la differenza rispetto a quella di Gaza e cambiare per sempre il Libano e Israele.

Visitando il nord, si capiscono molte cose invisibili da lontano anche sulla “distruzione di Israele”: La vita è resa così pericolosa che gli ebrei prendono e se ne vanno. Questa visione interpreta male il popolo. Oded Stein, leader dell’accademia premilitare dell’Alta Galilea, afferma: “Lo Stato e i militari sono più spaventati dalle vittime civili israeliane di quanto lo siano i civili”. Si chiede: “Israele si difenderà” fino alla morte? A volte il nemico deve sapere che anche tu puoi essere aggressivo, che puoi attaccare, non solo difendere”.

Come molti israeliani, Stein lamenta “l’esercito del 6 ottobre” e la sua mentalità. “Ci siamo raccontati stupide storie, stupide bugie”, dice. “Che Hezbollah fosse scoraggiato e contenuto. No, si stava rafforzando”. Il gruppo terroristico è diventato un esercito formidabile con circa 200.000 razzi e altre munizioni, migliaia dei quali possono minacciare Tel Aviv. Hezbollah ora scoraggia Israele.

Un ex comandante israeliano nella zona, che chiede di rimanere anonimo, sostiene che Israele ha sbagliato ad accettare “l’equazione”. Nel 2014, dice, dopo che Israele ha ucciso un combattente di punta di Hezbollah, Hezbollah ha ucciso un comandante di compagnia israeliano, e Israele ha lasciato che i terroristi la facessero franca. “Noi abbiamo fatto qualcosa, loro hanno fatto qualcosa, quindi va bene, siamo pari”, riassume. Tutto pur di evitare un confronto più ampio: così è stato per anni. “Ma in Medio Oriente i problemi vanno risolti direttamente”.

A Gerusalemme, pongo il problema “dell’equazione” ai leader israeliani e li trovo ricettivi. Il primo ministro Benjamin Netanyahu risponde: “La gente non tornerà al nord se non cambiamo l’equazione e se non ha un senso di sicurezza, che significa sicurezza effettiva”. Un ministro senior sottolinea che devono esserci nuove regole del gioco, in modo che Hezbollah non possa tornare allo status quo del 6 ottobre.

Gli attacchi israeliani a Baalbek, in Libano, a quasi 60 miglia dal confine, e a Beirut suggeriscono che alcune regole sono già cambiate. Israele non ha permesso a Hezbollah di ricostruire durante la pausa di una settimana a novembre.

Ma per ora non si prevede un’escalation israeliana. Amit Segal, il principale editorialista politico israeliano, afferma che Gerusalemme sta “contando i giorni dell’amministrazione Biden”. Una guerra totale con Hezbollah potrebbe essere un rischio troppo grande con un presidente americano sempre più ostile. Il generale in pensione Amir Avivi, fondatore dell’Israel Defense and Security Forum, sostiene che la migliore speranza per Israele di evitare quella guerra è di vincere in modo decisivo a Rafah, a Gaza, prima di rivolgersi a Hezbollah e dirgli: “Tu sei il prossimo”. Altri temono che Israele accetti un accordo per ottenere la pace e che dia un calcio al barattolo.

Il generale Avivi dice che l’esercito israeliano ha “perso” tre divisioni negli ultimi 20 anni. Senza di esse, fatica a combattere guerre su due fronti senza ricorrere a enormi e costosi richiami di riserve. Anche la scarsità di munizioni, con molte trattenute per il nord, ha afflitto le operazioni israeliane.

Gli ufficiali militari israeliani sottolineano che l’esercito “più piccolo e più intelligente” perseguito da leader militari come Ehud Barak e Benny Gantz è finito per essere piccolo e stupido. “Un esercito dovrebbe essere almeno grande e stupido”, dice il signor Stein dell’Accademia premilitare.

Quasi tutti gli israeliani che incontro descrivono Hezbollah come la protezione del programma nucleare iraniano, conservando il suo arsenale in Libano per scoraggiare un attacco ai reattori in Iran. Potrebbe essere vero, e Hezbollah potrebbe ora sparare solo per salvare le apparenze e distogliere le truppe israeliane da Gaza, non per scatenare una guerra più grande prima che l’Iran sia pronto. L’opinione prevalente in Israele è che l’Iran e Hezbollah non vogliano un’escalation nel nord.

Ma questa è una valutazione delle intenzioni, non della capacità, che è il modo in cui Israele ha giustificato il fatto che Hamas e Hezbollah si siano incancreniti. Affrontare le capacità di Hezbollah significherebbe considerare la diplomazia come un ripiego, non una soluzione. Anche se un accordo mediato dagli Stati Uniti riuscisse a convincere Hezbollah ad accettare di ritirarsi a nord del fiume Litani, come richiesto dalla Risoluzione 1701, il suo esercito e il suo arsenale terroristico persisterebbero, conservati per un tempo scelto dall’Iran. Il nord non sarà mai sicuro finché Israele lo permetterà.

“Il Litani? È un bluff”, dice l’ex comandante. L’élite dei combattenti Radwan di Hezbollah vive nel sud del Libano. “Non se ne andranno, a prescindere dall’accordo. Diventeranno ‘civili’ e resteranno nei paraggi”.

È ragionevole che Israele si trattenga nel nord mentre i combattimenti principali a Gaza continuano, ma per quanto tempo Israele aspetterà? “Non possiamo vivere con la minaccia di Hezbollah e dell’Iran come abbiamo fatto con Hamas”, afferma Arik Kleinstein, venture capitalist. Anche gli interessi commerciali di Tel Aviv sembrano capirlo. Alcuni leader aziendali e tecnologici si chiedono anche se la difesa missilistica laser “Iron Beam”, le cui capacità attuali sono sconosciute, sarà l’asso nella manica di Israele.

Per ora, Israele respinge Hezbollah dall’aria, sapendo che solo una forza di terra può davvero creare il cuscinetto di cui ha bisogno. Finora gli attacchi di Hezbollah sono stati quasi tutti a corto raggio, a sud del Litani.

Se si trova un accordo, gli israeliani sanno che nessuno lo applicherà se non loro stessi. Le Nazioni Unite e gli Stati Uniti possono sempre trovare motivi per lasciar correre le violazioni quando Hezbollah torna al confine. Esortano Israele a non reagire in modo eccessivo, ma a preservare la pace e la tranquillità. Per il nord di Israele, sheket hu refesh, come recita una vecchia canzone sionista: “Quiete” è fango.