Secondo Biden la democrazia americana è forte

By redazione

Nel suo discorso sullo Stato dell’Unione, martedì sera, il Presidente degli Stati Uniti Joe Biden ha invitato i repubblicani a collaborare con lui per “finire il lavoro” di ricostruzione dell’economia e di unire la nazione, cercando di superare il pessimismo del Paese e di superare le divisioni politiche a Washington.

Lo sfondo del discorso annuale è stato nettamente diverso da quello dei due anni precedenti, con un oratore repubblicano seduto dietro Biden e i legislatori del GOP in platea che si preparavano a mettere sotto esame sia la sua amministrazione che le sue politiche.

Biden ha cercato di rassicurare la nazione sul fatto che la sua gestione del Paese ha dato risultati sia in patria che all’estero, ma ha anche cercato di dimostrare la sua idoneità a una probabile rielezione.

Le sfide per Biden sono molte: incertezza economica, una guerra logorante in Ucraina, crescenti tensioni con la Cina e altro ancora.

E i segni dei traumi passati al Campidoglio, in particolare l’insurrezione del 6 gennaio 2021, erano inevitabili, con una grande recinzione che circondava il complesso mentre i legislatori e i presenti affrontavano misure di sicurezza più rigide del solito.

Piuttosto che presentare vistose proposte politiche, il Presidente ha voluto offrire una valutazione rassicurante delle condizioni della nazione, dichiarando che due anni dopo l’attacco al Campidoglio, la democrazia americana è “intatta e inalterata”.

“La storia dell’America è una storia di progresso e resilienza”, ha detto, sottolineando il record di creazione di posti di lavoro durante il suo mandato, mentre il Paese è uscito dalla pandemia del COVID-19.

Biden ha anche sottolineato le aree di progresso bipartisan nei suoi primi due anni di mandato, tra cui le infrastrutture vitali degli Stati e l’industria manifatturiera ad alta tecnologia. E afferma: “Non c’è motivo per cui non possiamo lavorare insieme in questo nuovo Congresso”.

“Il popolo ci ha inviato un messaggio chiaro. Combattere per il gusto di combattere, il potere per il potere, il conflitto per il conflitto, non ci porta da nessuna parte”, ha detto Biden. “E questa è sempre stata la mia visione per il Paese: ripristinare l’anima della nazione, ricostruire la spina dorsale dell’America – la classe media – per unire il Paese”.

“Siamo stati mandati qui per finire il lavoro!”.

Il Presidente è salito sul palco della Camera in un momento in cui solo un quarto degli adulti statunitensi ritiene che le cose nel Paese stiano andando nella giusta direzione, secondo un nuovo sondaggio dell’Associated Press-NORC Center for Public Affairs Research. Circa tre quarti affermano che le cose sono sulla strada sbagliata. E la maggioranza dei democratici non vuole che Biden cerchi un altro mandato.

Biden ha cercato di affrontare questi sentimenti in modo diretto.

“Vi chiedete se esista ancora un percorso per voi e per i vostri figli per andare avanti senza trasferirvi, lo capisco”, ha detto Biden. “Ecco perché stiamo costruendo un’economia in cui nessuno viene lasciato indietro. I posti di lavoro stanno tornando, l’orgoglio sta tornando grazie alle scelte che abbiamo fatto negli ultimi due anni”.

Il presidente della Camera repubblicana Kevin McCarthy, che era seduto dietro a Biden, ha esortato la sua conferenza a essere rispettosa prima del discorso di Biden e a sua volta ha chiesto a Biden di astenersi dall’usare l’espressione “repubblicani MAGA estremi”, che il presidente ha usato in campagna elettorale nel 2022.

“Non strapperò il discorso, non giocherò”, ha detto McCarthy ai giornalisti, facendo riferimento alla drammatica azione della Pelosi dopo l’ultimo discorso sullo Stato dell’Unione del presidente Donald Trump.

Il governatore dell’Arkansas Sarah Huckabee Sanders, che si è fatta conoscere a livello nazionale come addetta stampa di Trump, era incaricata di dare la risposta repubblicana al discorso di Biden.

Il suo intervento è concentrato in gran parte su questioni sociali, tra cui il razzismo nelle aziende e nell’istruzione e la presunta censura dei conservatori da parte delle big-tech.

“Mentre voi raccogliete le conseguenze dei loro fallimenti, l’amministrazione Biden sembra più interessata alle fantasie woke che alla dura realtà che gli americani affrontano ogni giorno”, avrebbe detto, secondo gli estratti rilasciati dal suo ufficio. “La maggior parte degli americani vuole semplicemente vivere la propria vita in libertà e pace, ma siamo sotto attacco in una guerra culturale di sinistra che non abbiamo iniziato e che non abbiamo mai voluto combattere”.

Con l’abolizione delle restrizioni del COVID-19, la Casa Bianca e i legislatori di entrambi i partiti hanno invitato ospiti che, con la loro presenza nell’aula della Camera, intendono trasmettere messaggi politici. I genitori di Tyre Nichols, picchiato gravemente da agenti di polizia a Memphis e poi morto, sono tra quelli seduti con la first lady Jill Biden. Tra gli altri ospiti di Biden figurano la rockstar/umanitaria Bono e il ventiseienne che ha disarmato un uomo armato nella sparatoria del mese scorso a Monterey Park, in California.

I membri del Congressional Black Caucus hanno invitato i familiari di coloro che sono stati coinvolti in incidenti di polizia, nel tentativo di sollecitare un’azione di riforma della polizia sulla scia della morte di Nichols. La Casa Bianca, prima del discorso, ha associato la riforma della polizia alla riduzione della violenza, suggerendo che fornire alla polizia migliori strumenti di addestramento potrebbe portare a una riduzione della criminalità a livello nazionale.

Biden ha spostato l’attenzione dopo aver trascorso i suoi primi due anni a far approvare importanti proposte di legge come il pacchetto bipartisan sulle infrastrutture, la legislazione per promuovere l’industria manifatturiera ad alta tecnologia e le misure sul clima. Con i repubblicani che ora controllano la Camera, Biden si concentra sull’attuazione di queste leggi massicce e si assicura che gli elettori gli riconoscano il merito dei miglioramenti.

Il cambiamento è in gran parte dovuto alla necessità. Il nuovo Partito Repubblicano non vede l’ora di annullare molti dei suoi successi e ha promesso di portare avanti una moltitudine di indagini, tra cui la recente scoperta di documenti riservati del periodo in cui era vicepresidente nella sua casa e nel suo ex ufficio.

Allo stesso tempo, Biden dovrà trovare un modo per lavorare in modo trasversale per mantenere il governo finanziato aumentando il limite del debito federale entro l’estate. Il Presidente ha insistito sul fatto che non intende negoziare sul rispetto degli obblighi di debito del Paese; i Repubblicani sono stati altrettanto irremovibili nel dire che deve fare concessioni sulla spesa.

Alla vigilia del discorso del Presidente, McCarthy ha sfidato Biden a venire al tavolo dei negoziati con i Repubblicani della Camera per tagliare le spese come parte di un accordo per aumentare il tetto del debito.

“Dobbiamo puntare a un bilancio in pareggio e insistere su un’autentica responsabilità per ogni dollaro che spendiamo”, ha detto McCarthy.

Sebbene le speranze di un bipartitismo su larga scala siano scarse, Biden ha rinnovato il suo appello al Congresso per il 2022, affinché sostenga la sua “agenda unitaria” di azioni per affrontare l’epidemia di oppioidi, la salute mentale, la salute dei veterani e il cancro. Ha annunciato nuove azioni esecutive e ha chiesto ai legislatori di agire per sostenere nuove misure a favore della ricerca sul cancro, per affrontare le esigenze abitative e i suicidi tra i veterani, per migliorare l’accesso alle cure mentali e per dare un ulteriore giro di vite al traffico mortale di fentanyl.

Il Presidente ha anche chiesto di estendere a tutti gli abitanti del Paese il nuovo tetto di 35 dollari al mese per il prezzo dell’insulina per i pazienti di Medicare. E ha spinto il Congresso a quadruplicare la tassa dell’1% sui riacquisti di azioni societarie, introdotta nella legge sul clima e sull’assistenza sanitaria approvata l’anno scorso dai Democratici e nota come Inflation Reduction Act.

Il discorso arriva pochi giorni dopo che Biden ha ordinato all’esercito di abbattere un presunto pallone spia cinese che ha sorvolato sfacciatamente il Paese, affascinando la nazione e ricordando le tensioni tra le due potenze globali.

Il discorso dell’anno scorso è avvenuto pochi giorni dopo l’invasione dell’Ucraina da parte della Russia e mentre molti in Occidente dubitavano della capacità di Kyiv di resistere all’assalto. Nell’ultimo anno, gli Stati Uniti e altri alleati hanno inviato decine di miliardi di dollari in assistenza militare ed economica per sostenere le difese dell’Ucraina.

Ora, Biden deve sostenere – sia in patria che all’estero – questa coalizione mentre la guerra si trascina.