Sei ragioni per cui Israele non può concedere una tregua

Medio OrienteSei ragioni per cui Israele non può concedere una tregua

Ron Ben-Yishai scrivendo su Yediot Ahronoth argomenta con estrema precisione e semplicità le sei ragioni per cui Israele non può concedere un cessate il fuoco.

Ron Ben-Yishai sostiene che Israele può accettare al massimo una “pausa” umanitaria di 4-5 ore. Questo è il tempo necessario per fornire ai residenti civili di Gaza gli aiuti umanitari di cui hanno bisogno per migliorare le condizioni degli sfollati, dei feriti e dei malati. In generale, Gaza è un’area piccola e anche chi si sposta a piedi dal nord alle aree di rifugio nel sud, può farlo in quattro ore o meno. Non c’è bisogno di più per i camion carichi di cibo, acqua e medicine che si dirigono da Rafah all’ospedale Shifa alla periferia del quartiere di Jabalia, nel nord di Gaza.

Se si considera la questione in tutti i modi possibili, si capisce perché Hamas insiste tanto per avere un “cessate il fuoco” di due o tre giorni. Questo gli darà vantaggi significativi senza che sia costretto a dare quasi nulla in cambio, se non qualche rapito con cittadinanza straniera o doppia cittadinanza tra i circa 240 ostaggi. Ecco sei motivi per cui Israele non deve accettare:

  1. Dal punto di vista logistico, i combattenti di Hamas e la leadership che si trovano nei tunnel otterranno quasi tutto ciò di cui hanno bisogno per rifornirsi sottoterra. Sarebbero in grado di saccheggiare le strutture dell’UNRWA e i magazzini di cibo e carburante di Gaza, prolungando così la loro capacità di rimanere sottoterra per molti altri giorni.
  2. Il cessate il fuoco consentirà ad Hamas di ripristinare le linee di comunicazione che sono state danneggiate tra i suoi vari compound sopra e sotto la superficie. All’interno dei tunnel corrono molte linee di comunicazione che permettono alla leadership di trasmettere ordini agli avamposti che stanno ancora combattendo. Un cessate il fuoco permetterebbe di farle funzionare di nuovo e forse anche di liberare i passaggi nei tunnel che sono stati bloccati dalle bombe dell’aviazione o dall’attività dell’IDF sul terreno.
  3. Dal punto di vista operativo, il cessate il fuoco permetterà ad Hamas di riorganizzarsi e di armarsi per continuare i combattimenti. Ad esempio, i terroristi potranno ricaricare i lanciarazzi situati vicino alle aree in cui si combatte. Questi lanciatori vengono svuotati dopo aver sparato i razzi o le bombe di mortaio, e la sospensione dei combattimenti ne consentirà l’accesso. Ciò significa che un cessate il fuoco di alcuni giorni permetterà un drastico aumento dei lanci verso Israele.
  4. Hamas potrà anche riorganizzare le sue forze e rafforzare gli avamposti isolati. La sua rete di tunnel da combattimento non è continua, e anche le parti che lo sono sono state danneggiate e tagliate dagli attacchi dell’aviazione. Per questo negli ultimi giorni i terroristi hanno avuto difficoltà a muoversi e a rinforzare i settori raggiunti dall’IDF. Un cessate il fuoco consentirà ai terroristi di scendere a terra, o di sfondare i passaggi tra i tunnel, e di trasportare truppe, missili anticarro e ordigni esplosivi improvvisati.
  5. Come abbiamo visto durante l’operazione “Protective Edge”, il cessate il fuoco è solo una raccomandazione per Hamas, mentre l’IDF si considera obbligato a mantenerlo. In qualsiasi scenario, è probabile che la storia si ripeta. All’epoca, quando i terroristi di Hamas uscivano dai pozzi e uccidevano i soldati nelle vicinanze, ciò accadeva o perché erano scollegati dalla leadership di Hamas, o semplicemente perché i terroristi non obbediscono sempre agli ordini. Non rischieremo né l’uno né l’altro.
  6. Ma la conseguenza più grave è quella di mettere a rischio la possibilità di liberare gli ostaggi. Un cessate il fuoco di qualche giorno permetterà ad Hamas di spostarli, danneggiando così gli sforzi dell’intelligence israeliana e vanificando la possibilità di liberarli attraverso un’azione militare. Inoltre, il tempo a disposizione permetterà ad Hamas di raccogliere gli ostaggi che sono nelle mani di altre parti a Gaza, aumentando così il suo potere contrattuale.

La linea di fondo è chiara: Israele non ha nulla da guadagnare da un cessate il fuoco, se non qualche punto di approvazione da parte dell’opinione pubblica internazionale, che svanisce piuttosto rapidamente come abbiamo visto dall’esperienza passata. D’altro canto, un cessate il fuoco pregiudica la possibilità di liberare gli ostaggi, ritarda il processo di smascheramento e distruzione dei tunnel del terrore, consente ai terroristi di Hamas di migliorare le loro posizioni e di trasportare le attrezzature, oltre a prolungare il loro tempo potenziale sottoterra. Dal punto di vista di Israele, tutto ciò è inaccettabile. Il massimo che Israele può concedere sono pause umanitarie di poche ore e solo alla luce del giorno. In questo modo si soddisfano le richieste dell’amministrazione Biden e della comunità internazionale di aiuti umanitari alla popolazione civile.