Spesa militare europea in vertiginoso aumento

Spesa militare europea in vertiginoso aumento

Secondo i nuovi dati di un’importante organizzazione di monitoraggio internazionale, la spesa militare mondiale ha raggiunto il livello più alto di sempre, con i Paesi europei che hanno aumentato i loro bilanci per la difesa più sollecitamente che mai dal crollo dell’Unione Sovietica.

Secondo i dati del Stockholm International Peace Research Institute (SIPRI), la corsa europea al riarmo per rispondere all’invasione dell’Ucraina da parte della Russia ha contribuito a spingere la spesa militare globale totale a un massimo annuale di 2240 miliardi di dollari (2035 miliardi di euro).

Gli Stati dell’Europa occidentale e centrale hanno speso circa 345 miliardi di dollari (313 miliardi di euro) per le loro forze militari lo scorso anno, secondo il rapporto annuale Trends in World Military Expenditure del SIPRI, pubblicato lunedì.

In termini numerici grezzi, la regione che ha speso di più in assoluto è stata il Regno Unito, che ha stanziato 68,5 miliardi di dollari (62,24 miliardi di euro) per il suo bilancio militare – anche se solo 3,1 miliardi di dollari (2,82 miliardi di euro) sono andati in aiuti militari finanziari per l’Ucraina.

Ma alcuni degli aumenti di bilancio più consistenti in Europa sono stati registrati nei Paesi geograficamente più esposti alla Russia. La Finlandia e la Svezia, membri entranti della NATO, hanno aumentato drasticamente la loro spesa, rispettivamente del 36% e del 12%.

Come ha osservato Lorenzo Scarazzotto, ricercatore del SIPRI, i numeri del 2022 arrivano dopo diversi anni in cui il comportamento della Russia nei confronti dell’Ucraina ha fatto lievitare i bilanci militari europei.

Sebbene l’invasione su larga scala dell’Ucraina nel febbraio 2022 abbia certamente influenzato le decisioni di spesa militare nel 2022″, ha affermato Scarazzotto, “le preoccupazioni per l’aggressione russa si sono sviluppate per molto più tempo”.

“Molti Stati dell’ex blocco orientale hanno più che raddoppiato le spese militari dal 2014, anno in cui la Russia ha annesso la Crimea”.

Tuttavia, il quadro generale della NATO è meno drammatico di quanto possano indicare questi numeri. La spesa militare collettiva dell’Alleanza nel 2022 è stata di 1232 miliardi di dollari (1119 miliardi di euro), solo lo 0,9% in più rispetto al 2021.

Diversi membri chiave della NATO continuano a non rispettare il requisito dell’organizzazione che prevede che i governi spendano il 2% del loro PIL per la difesa.

La carenza più evidente è quella della Germania, che continua a destinare alle spese militari solo l’1,4% del suo prodotto annuo, con un aumento del 2,3% rispetto all’anno precedente. La cifra è aumentata solo di 0,2 punti nell’ultimo decennio.

Questo nonostante il cancelliere Olaf Scholz si sia impegnato nel febbraio 2022 a trasformare la posizione militare del Paese. In un discorso al Bundestag, ha dichiarato che “con l’invasione dell’Ucraina siamo entrati in una nuova era” – ma secondo un rapporto di un parlamentare chiave del marzo di quest’anno, “non è stato speso un solo euro” dei 100 miliardi di euro del fondo di assistenza all’Ucraina di Scholz.

In un drammatico rapporto di Eva Högl, commissario parlamentare tedesco per le forze armate, le forze armate del Paese “hanno troppo poco di tutto e hanno avuto ancora meno dal 24 febbraio 2022”.

Nel frattempo, la Russia ha aumentato le spese del 9,2% su base annua, portando il suo bilancio militare a una cifra stimata di 86,4 miliardi di dollari (78,48 miliardi di euro) o al 4,1% del PIL.

Poi c’è l’Ucraina, la cui economia ha aumentato le spese militari di un enorme 640% per un totale di 44 miliardi di dollari (39,97 miliardi di euro). Questa cifra significa che l’Ucraina sta spendendo circa il 34% del PIL per le sue forze militari, un livello insostenibile per un Paese le cui infrastrutture e la cui economia sono state devastate dalla guerra.

Tra gli altri 40 paesi che spendono di più nell’indice SIPRI, la percentuale più alta del PIL è stata spesa dall’Arabia Saudita, con appena il 7,4%.

A parte l’impennata europea, il principale fattore di aumento della spesa militare globale è la tensione in corso in Asia orientale.

La Cina, che secondo gli ultimi dati rimane il secondo paese al mondo per spesa militare dopo gli Stati Uniti, ultimamente si è dimostrata sempre più aggressiva nei confronti di Taiwan, facendo pressione sui suoi vicini affinché rafforzassero le proprie difese. Il Giappone, in particolare, sta proseguendo il drammatico rafforzamento militare iniziato sotto l’ex primo ministro Shinzo Abe, aumentando la spesa del 5,9% su base annua.

Tuttavia, chi spende più di tutti in armi nel mondo rimangono gli Stati Uniti che lo scorso anno hanno speso il 39% del totale mondiale; la Cina ha speso invece “solo” il 13% della cifra complessiva mondiale.

If you like this post you might also like these

back to top